,,

In Russia c'è una pizzeria dedicata alla camorra: la denuncia sui social

La trovata è stata segnalata dal consigliere regionale della Campania, Francesco Emilio Borrelli, provocando l'indignazione del web

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

A San Pietroburgo esiste una pizzeria dedicata alla camorra, al punto da fare proprio il nome dell’organizzazione mafiosa che campeggia sull’insegna del locale, sopra al logo di un coltello che infilza una fetta di pizza. La trovata ha fatto scoppiare l’indignazione sul web a partire dal consigliere regionale campano di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli, che ha denunciato il caso pubblicando un video sulla sua pagina Facebook.

Il post di Borrelli

Nel post, che sta facendo il giro dei social, Borrelli denuncia amaramente la scoperta: ” ‘Camorra’: la pizzeria sanpietroburghese che inneggia al fenomeno malavitoso napoletano. La cultura criminale esercita fascino sul popolo e su molti intellettuali. La nostra storia viene così ridicolizzata e depauperata.

“La Russia da sempre ha apprezzato la cultura italiana. Ma un conto è celebrare Eduardo De Filippo, Adriano Celentano, Toto Cutugno o Albano, un altro è pubblicizzare quel fenomeno che il popolo italico, almeno in gran parte, ripudia ed osteggia: la mafia e la criminalità organizzata”, commenta il consigliere regionale.

Il video

Il video pubblicato su TikTok dall’account Napoli street view e rilanciato da Borrelli su Facebook, mostra tramite Google maps dove si trova la pizzeria, con il logo di un coltello che squarcia in due una fetta di pizza e una sirena, che dovrebbe rappresentare Partenope, trafitta da un tridente che spicca sulle pareti.

 

Il “mafia sounding” nel mondo

Il caso della pizzeria “Camorra” di San Pietroburgo non è l’unico caso di utilizzo delle organizzazioni mafiose italiane come brand e simbolo dell’Italia da sfruttare a livello internazionale.

Alcuni anni fa aveva fatto scalpore il menu della panineria di Vienna che utilizzava nel proprio menu il cosiddetto “mafia sounding“, il richiamo alla criminalità organizzata italiana per dare un nome ai propri panini.

“Si è guadagnato il titolo di più grande rivale della mafia. Purtroppo, però, è stato arrostito come una salsiccia” si leggeva nella descrizione del sandwich “Don Falcone” con l’appellativo “Don” utilizzato indifferentemente per i piatti dedicati al giudice ucciso dalla mafia nel 1992 così come per il boss e collaboratore di giustizia Tommaso Buscetta, o Peppino Impastato, Peppino Impastato, descritto come “il siciliano dalla bocca larga che fu cotto da una bomba come un pollo nel barbecue”.

Sempre in Austria esiste una “Pizzeria mafiosi” che si può trovare anche in Germania, a Colonia, così come tanti altri locali dedicati a Cosa nostra si possono trovare in giro per l’Europa, dalla Polonia alla Spagna, oppure anche in Sud America: solo in Brasile si contano dodici ristoranti a tema mafia.

pizza-forno Fonte foto: ANSA
,,,,,,,