,,

Padre accoltella i figli per il volume troppo alto della tv

A Roma un uomo di 75 anni ha pugnalato al petto i due figli, entrambi gravissimi sono ricoverati in terapia intensiva.

Pugnalati perché il volume della televisione è troppo alto. Sarebbe questo il motivo per il quale un uomo di 75 anni ha tentato di uccidere i figli di 25 e 26 anni a Roma, nella loro abitazione nel quartiere San Lorenzo. Entrambi sono stati accoltellati al petto e sono stati ricoverati d’urgenza in Terapia intensiva al policlinico Umberto I, il 25enne è in condizioni gravissime per il fedente inferto al cuore e deve essere operato d’urgenza. Lo riporta il Messaggero.

Secondo le ricostruzioni degli agenti del commissariato San Lorenzo intervenuti sul posto, l’aggressione è avvenuta ieri verso l’ora di pranzo. Quando le volanti sono arrivate nell’abitazione hanno trovato il padre sporco di sangue quasi incapace di parlare. “Non ricordo quello che ho fatto”, avrebbe detto ancora in stato confusionale alla polizia.

Nella casa in via degli Ausoni vivono i figli e la madre. L’uomo era ospite da qualche giorno per essere accudito dai familiare dopo che si era sentito poco bene. “Ho visto sangue dappertutto e poi ho sentito delle grida fortissime”, è stata la prima testimonianza, raccolta dalla polizia, della madre, che ha assistito solo in parte all’aggressione.

Dalle prime ricostruzioni a innescare l’attacco d’ira del 75enne sarebbe stato il volume della televisione nella stanza dei due fratelli. L’uomo avrebbe chiesto dapprima di abbassare ma non ottenendo risposte è andato in cucina, ha preso un coltello seghettato e accecato dalla collera è entrato nella camera dei figli colpendoli.

Con l’intervento delle ambulanze sul posto, i medici hanno ritenuto di dover ricoverare immediatamente i due ragazzi viste le gravissimi condizioni con emorragia in corso. Il padre è adesso in custodia nel carcere di Velletri, accusato di duplice tentato omicidio.

VirgilioNotizie | 17-12-2020 09:36

polizia-roma Fonte foto: ANSA
,,,,,,,