,,

Coronavirus, controlli intensificati per Pasqua: cosa cambia

Secondo la ministra Lamorgese "non si può abbassare la guarda proprio adesso" ma "ce la faremo"

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

In vista di Pasqua, Pasquetta e 25 aprile i controlli saranno intensificati in tutta Italia per far rispettare le misure anti contagio da coronavirus. Anche durante le feste, infatti, “dobbiamo rimanere tutti a casa per il nostro bene e dei nostri cari, e per consentire all’Italia di ripartire il prima possibile. Per questo i controlli sugli spostamenti affidati alle forze di polizia sono stati rafforzati, per scongiurare i trasferimenti nelle seconde case e nelle località turistiche”. Lo ha detto al Corriere della Sera la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese.

Coronavirus, controlli rafforzati: le parole di Lamorgese

“Chi non potrà giustificare i propri spostamenti verrà sanzionato – ha aggiunto Lamorgese -. Però vorrei dire che ‘ognuno di noi è il miglior controllore di sé stesso‘: un richiamo all’autodisciplina per il rispetto delle regole come atto collettivo di responsabilità”.

Secondo la ministra “ce la faremo, ma non si può abbassare la guardia adesso con atteggiamenti irresponsabili” perché sarebbe un peccato vanificare “l’immane sforzo compiuto dall’intera Nazione, a partire dal personale sanitario che ha già pagato un tributo altissimo”.

Finora, i controlli effettuati hanno dimostrato che “la stragrande maggioranza degli italiani ha fin qui compreso la gravità dell’emergenza, rispettando il distanziamento sociale”.

Sono quasi 6 milioni le persone controllate dall’11 marzo dalle forze di polizia, i militari e le polizie locali “e i denunciati e sanzionati per aver violato le restrizioni superano di poco i 220.000. Le verifiche sugli esercizi commerciali sono oltre due milioni e mezzo”.

Lamorgese, nel corso dell’intervista al Corriere della Sera, ha spiegato di avere rapporti costanti e di collaborazione con molti presidenti di Regione “anche se in alcuni passaggi di questa crisi i rapporti tra Stato e Regioni sono stati sottoposti “a un forte stress” legato all’invasività delle decisioni richieste e alle difficoltà di contrastare una crisi sanitaria mai vista prima”.

Coronavirus, il piano contro le organizzazioni criminali

Per contrastare le azioni di speculatori e organizzazioni criminali nell’emergenza “ho dato indicazioni di monitorare con attenzione le dinamiche societarie nelle filiere dell’agro-alimentare, delle infrastrutture sanitarie, della gestione degli approvvigionamenti, specie di materiale medico”, ha spiegato Lamorgese.

Il Ministero dell’Interno, a tal proposito, sta per emanare “una direttiva ai prefetti per assicurare il monitoraggio e il flusso informativo su situazioni a rischio di infiltrazioni criminali, sollecitando un’ azione di intelligence sul territorio”.

Coronavirus, cosa cambia con la circolare del Viminale

È partita dal Viminale la circolare che opera una stretta sui controlli in vista del weekend pasquale #IorestoAcasa”. Lo ha twittato il sottosegretario all’Interno Carlo Sibilia. “Non vanifichiamo gli sforzi fatti fino ad ora. Continuiamo con responsabilità ed unità. Restando a casa salviamo vite umane. È fondamentale il contributo di tutti”.

Nella circolare si fa riferimento soprattutto agli spostamenti all’interno dello stesso comune e tra località diverse, compreso il divieto di recarsi presso abitazioni differenti da quella principale, tra cui le seconde case utilizzate per le vacanze.

Coronavirus, a Napoli folla in strada nei Quartieri Spagnoli Fonte foto: Ansa
Coronavirus, a Napoli folla in strada nei Quartieri Spagnoli
,,,,,,,