,,

Vaccino, minorenne contro i genitori no vax: il caso

Un 17enne toscano si è scontrato col rifiuto dei genitori di firmargli il consenso informato per il vaccino

Quando è arrivato il suo turno per ricevere il vaccino anti-Covid si è scontrato con l’opposizione dei genitori e allora si è rivolto alla scuola che ha portato la vicenda ai servizi sociali. È la storia di un 17enne toscano, raccontata da Repubblica, costretto a fare ricorso all’Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani perché i genitori si rifiutano di firmargli il foglio del consenso informato.

Nonostante la volontà di vaccinarsi, infatti, in quanto minorenne, deve essere autorizzato dalla madre e dal padre. Per questo il ragazzo si sfoga prima con i suoi compagni di classe, per poi raccontare tutto agli insegnanti. È a quel punto che la scuola chiede l’intervento dei servizi sociali, con il supporto legale dell’Ami.

“Ci sono episodi in cui entrambi i genitori sono contrari, ma si configura anche la situazione per cui il minore, figlio di separati o divorziati, ottiene il consenso dall’uno e il parere contrario dall’altro” spiega il presidente dell’Ami in Toscana Gianni Baldini, che rivela come questo non sia l’unico caso: nella stessa regione, un sedicenne figlio di una coppia separata si ritrova col padre favorevole alla vaccinazione e la madre contraria.

“Con l’estensione anche ai giovani minori di anni 18 della facoltà di vaccinarsi contro il Covid si stanno moltiplicando i contenziosi tra genitori e figli sulla vaccinazione” spiega.

“Se il conflitto non riesce a comporsi all’interno della famiglia deve essere risolto con ricorso al tribunale per i minorenni. Da valutare altrimenti il ricorso al tribunale ordinario, quando i genitori sono separati o divorziati e anche quando è pendente il relativo giudizio” dice ancora Baldini.

Secondo il matrimonialista, per risolvere vicende come quella del 17enne, con entrambi i genitori contrari al vaccino “la miglior strada sarebbe quella dell’istituto scolastico o di un’altra istituzione vicina al minore, che potrebbe attivare il servizio sociale territoriale affinché avvii un ricorso innanzi al tribunale competente”.

Ma le soluzioni a sostegno della volontà di un minorenne che vuole vaccinarsi sarebbero diverse: “Rivolgendosi al Garante dell’infanzia e dell’adolescenza – dice Baldini. Un’altra modalità potrebbe essere quella di recarsi presso l’Ufficio Interventi Civili della Procura minorile che, in un verbale di ascolto, cristallizza la volontà del minore consentendo alla Procura minorile di chiedere l’apertura di un procedimento presso il Tribunale per i Minorenni che, a sua volta, nominerà un curatore speciale che sosterrà l’istanza del minore contro i genitori. Per quanto il percorso possa sembrare lineare, rivolgersi ad una Procura è sicuramente complesso per un ragazzino”.

VirgilioNotizie | 22-06-2021 10:49

Astrazeneca, J&J e mix vaccini: la nuova circolare. Cosa cambia Fonte foto: ANSA
Astrazeneca, J&J e mix vaccini: la nuova circolare. Cosa cambia
,,,,,,,