,,

Iva Zanicchi sul referendum: "Mandiamoli a cercarsi un lavoro"

La cantante emiliana esprime la sua opinione sul referendum sul taglio dei parlamentari di settembre

“Non so se la destra o la sinistra sono per il , ma io non ne faccio una questione politica. E, ripeto, vedo tante persone anche care, tante ragazze e ragazzi che è meglio si cerchino un altro lavoro”. Iva Zanicchi, 80 anni, icona della canzone italiana, ma anche ex parlamentare di Forza Italia, interviene sul dibattito del referendum per il taglio dei parlamentari in programma a settembre e dice la sua, in un’intervista a Repubblica.

Iva Zanicchi sul referendum: “Riduciamoli. Se ne parla da anni”

“Io dico: riduciamoli. Se ne parla da anni. Certo il Parlamento è l’espressione più alta che abbiamo. Ma cerchiamo di metterci persone qualificate che durante il periodo del loro mandato facciano solo i politici” è l’opinione della cantante emiliana che propone di “mandare a casa” i parlamentari per cercarsi un altro lavoro e reclama persone più preparate.

Iva Zanicchi si considera tra i pochi artisti ad esporsi sul tema, ma di questo non si stupisce: “È sempre così. Gli artisti devono fare concerti e concertoni e quindi… io già prima non avevo peli sulla lingua, ma ancora più adesso:  ho un’idea e dico quello che penso“.

Iva Zanicchi sul referendum: il passato in politica

E sul suo passato in politica racconta gli anni in Forza italia: “Ho avuto un grande rispetto e ammirazione per il Berlusconi imprenditore, un uomo generosissimo. Sono io che ho scelto di candidarmi con Berlusconi, lui neppure voleva. Ho creduto in lui. Ma adesso non sono più di nessuno… sono del partito del turtlén”.

Ma dei rapporti con la politica parla anche al presente, delle sua simpatia per il vicesegretario del Pd Andrea Orlando o per il segretario generale del partito comunista Marco Rizzo, e sui suoi progetti futuri dice: “La politica è il mio amore segreto. Ma progetti zero. Per il resto il Covid mi ha fatto un dispetto: le due puntate in programma su Canale 5 di canzoni e dove ballerò il tango sono slittate forse in primavera, forse in autunno”.

VIRGILIO NOTIZIE | 31-08-2020 11:57

,,,,,,,