,,

Guerra Ucraina Russia, le ultime notizie di oggi: nuove violenze e l'equivoco di Berlusconi

Cosa succede tra Russia e Ucraina? La diretta della guerra, approfondimenti e ultime notizie sull'invasione e i bombardamenti in corso

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il: - Ultimo aggiornamento:

Oggi, 23 settembre 2022, è il 212° giorno di guerra. Resta alta la tensione, con Vladimir Putin che – secondo la Cnn – starebbe comandando direttamente i generali sul campo con una strategia definita “inusuale”, che potrebbe indicare una struttura di comando disfunzionale. Intanto il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, prova a convincere i russi in disaccordo con Putin chiedendo a tutti i protestare in piazza o fuggire. Oggi, inoltre, è il giorno dell’apertura delle urne per i referendum d’annessione alla Russia in alcune zone dell’Ucraina.

Il racconto della giornata

  1. Potente esplosione nel centro di Melitopol occupata

    Potente esplosione a Melitopol, nella regione di Zaporizhzhia, occupata dai russi. Lo ha annunciato il sindaco ucraino in esilio Ivan Fedorov citato da Unian. Il tutto è avvenuto alle 7 del mattino, ora locale: il boato è stato avvertito distintamente da tutti i residenti nel centro della città. Le persone hanno paura di lasciare le loro case.

  2. Abramovich avvistato tra i prigionieri scambiati

    L’oligarca russo Roman Abramovich avvistato sull’aereo che ha portato dalla Russia a Riyadh 5 britannici liberati all’inizio di questa settimana, nell’ambito dello scambio di prigionieri.

    Secondo quanto riportato dal Sun, uno dei rilasciati ha riferito dello scambio di battute ta Abramovich e alcuni degli altri uomini a bordo. Abramovich avrebbe di venire da Londra e quando uno degli uomini rilasciati gli ha detto: “Sembri davvero Roman Abramovich”, lui ha risposto: “Questo è perché io sono lui”.

    Cinque britannici figurano tra le 10 persone condannate a morte da separatisti filo-russi e rilasciate inaspettatamente a inizio settimana. Erano stati tutti accusati di aver combattuto come mercenari per conto dell’Ucraina ed erano stati processati in violazione delle convenzioni di Ginevra sui prigionieri di guerra. Abramovich dal canto suo non ha confermato la sua presenza a bordo ma il miliardario, che è stato costretto a vendere il Chelsea dopo l’invasione russa dell’Ucraina, era apparso a marzo a Istanbul durante i colloqui di pace tra le due parti, senza successo. Non è nell’elenco delle sanzioni statunitensi, in parte perché l’Ucraina ha comunicato a Washington che funge da mediatore.

  3. Zelensky invita i russi a protestare contro la mobilitazione

    Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, in un messaggio video in lingua russa, ha esortato i cittadini russi a protestare contro la mobilitazione dei riservisti o ad arrendersi alle forze di Kiev.

    zelensky guerra russia ucraina
  4. "Sabotatori" ucraini fermati a Zaporizhzhia

    L’amministratore insediato da Mosca nella parte controllata dalla Russia della regione ucraina di Zaporizhzhia ha dichiarato che due auto che trasportavano “sabotatori ucraini” sono entrate nell’area. Lo ha riferito l’agenzia di stampa Tass. Il gruppo è stato scoperto vicino alla città di Polohy ed è stato “trattato”, ha affermato l’agenzia di stampa Ria Novosti, citando il funzionario, Yevgeny Balitsky.

  5. Russia: chi è escluso dalla Mobilitazione Parziale

    La “mobilitazione parziale” in Russia ha diffuso malcontento e talora panico tra la popolazione. Il numero di persone impattate dovrebbe essere compreso tra 300mila e 1milione. Ecco le eccezioni al reclutamento di cui il Ministero della Difesa della Federazione Russa ha sinora parlato:

    • I dipendenti delle imprese del settore della difesa;
    • I temporaneamente non idonei per motivi di salute;
    • Disabili;
    • Chi ha 4 o più figli a carico di età inferiore ai 16 anni;
    • Coloro le cui madri, oltre a loro, hanno 4 o più figli di età inferiore agli 8 anni e li allevano senza marito.

    Categorie lavorative che non saranno oggetto di mobilitazione parziale

    • Chi lavora nelle organizzazioni operanti nel campo delle tecnologie dell’informazione;
    • Chi lavora negli operatori di telecomunicazioni russi e coloro che sono coinvolti nel garantire la stabilità, la sicurezza e l’integrità del funzionamento degli impianti di comunicazione, dei centri di elaborazione dati, nonché degli impianti e delle linee di comunicazione pubblica della Federazione Russa;
    • Chi lavora nelle organizzazioni portanti nel campo dell’informazione e della comunicazione, nonché le persone interdipendenti che sono il fondatore e (o) redazione e (o) editore di un mass media registrato e (o) emittente di un canale televisivo, canale radiofonico e coinvolti nella produzione e (o) distribuzione di prodotti multimediali;
    • Chi lavora nelle organizzazioni che assicurano la stabilità del sistema nazionale dei pagamenti e delle infrastrutture del mercato finanziario, la gestione della liquidità bancaria, la circolazione del contante.

    Infine, il Ministero ha chiarito che uno dei fattori principali quando si richiama dalla riserva come parte di una mobilitazione parziale è l’esperienza di combattimento. Nell’ambito della mobilitazione parziale, sono richiesti tiratori, carristi, artiglieri, autisti, meccanici.

  6. Berlusconi: "Su Putin sono stato frainteso"

    Berlusconi, su Facebook spiega il vero senso del suo intervento a Porta a Porta che molti hanno inteso come parole pro-Putin: “Bastava vedere tutta l’intervista – e non solo una frase estrapolata, sintetica per motivi di tempo, come si sa la semplificazione a volte è errata – per capire quale sia il mio pensiero, che peraltro è noto da tempo”.

    “Riferivo quello che alcuni raccontano senza nessuna adesione del mio pensiero a quel racconto. Forse sono stato frainteso facevo solo il ‘cronista’ riferendo il pensiero di altri.
    L’aggressione all’Ucraina è ingiustificabile e inaccettabile, la posizione di Forza Italia chiara e netta: non potremo mai in nessun modo e per nessuna ragione rompere la nostra partecipazione all`Unione europea e all’Alleanza atlantica”, ha aggiunto allegando al post un breve video.

    silvio_berlusconi-1
  7. Come si svolge il referendum

    “Si è deciso di utilizzare le tradizionali schede elettorali cartacee e di astenersi dall’usare il voto elettronico”. Così indica l’agenzia Tass nel suo comunicato ufficiale, che motiva la scelta con “ragioni tecniche” legate al poco tempo a disposizione.

    Il referendum che la Russia ha organizzato nelle auto-proclamate repubbliche popolari di Donetsk (DPR) e Lugansk (LPR) e nelle regioni ucraine di Kherson e Zaporizhzhia si terrà:

    • il 27 settembre per le votazioni di persona
    • mentre negli altri giorni le votazioni si svolgeranno “in comunità e porta a porta per motivi di sicurezza“.

     

    Il quesito referendario
    Ai residenti delle entità separatiste di Donetsk e Lugansk verrà chiesto se “sostengono l’adesione della loro repubblica alla Russia come suddito federale”. A quelli di Zaporozhzhia e Kherson, se sono “favorevoli alla secessione della regione dall’Ucraina, alla creazione di un Paese indipendente e alla successiva adesione della Russia come suddito federale“.

    La lingua del referendum
    Per il Donbass le schede elettorali saranno stampate in russo. Nelle altre due regioni invece, la domanda verrà posta in ucraino e russo.
    I residenti della regione di Kherson, compresi quelli che sono fuggiti, avranno l’opportunità di votare in Crimea e in alcune città russe, inclusa Mosca

    Cosa è successo stanotte nella guerra tra Russia e Ucraina: Biden invierà armi più forti ai soldati di Kiev
  8. Aderire alle sanzioni dell’Ue contro la Russia? E’ una ipotesi che la Svizzera che non esclude nel caso in cui l’unione Europea decidesse di inasprirle a causa dei referendum nelle regioni di Donbass, Kherson e Zaporozhzhia. “L’Ue ha annunciato nuove sanzioni in relazione a questi cosiddetti referendum. Se verranno attuate, il Consiglio federale valuterà la possibilità di adottarle”, si legge in una nota sul sito web del Consiglio federale svizzero, che è il governo della confederazione elvetica.

  9. Onu: "In Ucraina commessi crimini di guerra"

    “Sulla base delle prove raccolte dalla Commissione, la Commissione Onu ha concluso che in Ucraina sono stati commessi crimini di guerra”, ha affermato il presidente Erik Mose in un rapporto che elenca i bombardamenti russi di aree civili, numerose esecuzioni, torture e maltrattamenti e violenza sessuale.

  10. 391 bambini uccisi dall'inizio della guerra

    Dall’inizio dell’invasione russa, 391 bambini ucraini sono rimasti uccisi e 771 sono stati feriti, secondo i dati aggiornati della procura generale di Kiev. Lo riporta Ukrinform. I dati non sono definitivi, poiché le informazioni provenienti dalle aree dell’Ucraina dove le ostilità sono in corso e dai territori  occupati non sono complete. La maggior parte dei bambini sono stati colpiti nelle regioni di Donetsk, Kharkiv, Kiev e Mykolaiv.

  11. Russia, al via il referendum per l'annessione

    Nel frattempo, sono aperti nella Kamchatka, nell’estremo oriente russo, i primi seggi elettorali per l’annessione alla Russia dei territori occupati in Ucraina. Lo ha annunciato la Tass precisando che in quest’area si trovano numerosi sfollati dalle repubbliche autoproclamate di Donetsk e Lugansk e delle regioni di Kherson e Zaporozhye, in Ucraina. Resteranno aperti il 27 settembre, giorno in cui poi apriranno i seggi elettorali nella vicina regione di Chukotka, dove si trovano circa 160 sfollati (60, secondo la Tass, avrebbero dichiarato l’intenzione di ottenere la cittadinanza russa.

  12. Silvio Berlusconi difende Putin a Porta a Porta: il video diventa virale

    Intanto, spopola su Twitter la dichiarazione di Silvio Berlusconi su Vladimir Putin rilasciata a ‘Porta a Porta. Diverse le critiche, come quella della Fondazione Luigi Einaudi, centro di ricerca:

  13. La guerra tra Russia e Ucraina continua, anche se si torna a parlare di scenari. Lo ha fatto Thomas Friedman, editorialista del New York Times, che ha spiegato come può finire il conflitto.

,,,,,,,,