,,

Coronavirus, segnali di una seconda ondata? Il nuovo report Gimbe

Il monitoraggio su base settimanale della Fondazione Gimbe mostra un forte incremento dei nuovi casi di coronavirus in Italia

Il nuovo report della Fondazione Gimbe sull’andamento settimanale dell’epidemia di coronavirus in Italia mostra dati poco confortanti. Secondo il monitoraggio, i contagi della settimana dal 19 al 25 agosto sono incrementati del 92,4% rispetto alla settimana precedente (6.538 contro 3.399), anche in relazione all’aumento dei tamponi effettuati (+70%, 309.127 contro 180.300).

Coronavirus, quasi il doppio di nuovi casi in una settimana

Nino Cartabellotta, presidente della fondazione, ha osservato quanto riporta il Corriere della Sera: “In soli 7 giorni si sfiora il raddoppio dei nuovi casi totali, non solo per l’incremento dell’attività di testing, ma anche per l’aumento del rapporto positivi/casi testati”.

Aumentano anche i pazienti ricoverati con sintomi e quelli in terapia intensiva, anche se in misura minore. “Queste spie rosse devono infondere una comune consapevolezza sull’andamento dell’epidemia nel nostro Paese – ha sottolineato Cartabellotta – per mantenere alta la guardia senza minimizzazioni di sorta”.

È proprio il graduale aumento di ospedalizzazioni a mettere in allerta gli esperti, anche se al momento si è ancora ben lontani dal disastro che ha colpito il settore sanitario tra marzo e aprile. Il numero dei ricoveri in terapia intensiva è infatti aumentato del 13,8%, mentre quello dei pazienti con con sintomi del 25,5% in una sola settimana.

Coronavirus, la situazione regione per regione

Il quadro generale prende una piega diversa se si analizzano i dati delle singole regioni: il 29,4% degli attualmente positivi è in in Lombardia (5.787), il 33,4% si trova tra Lazio (2.284), Emilia-Romagna (2.189) e Veneto (2.119); il 29% tra Campania (1.164), Piemonte (1.142), Toscana (1.039), Sicilia (947), Puglia (548), Sardegna (463) e Liguria (413). I restanti casi (1.619), che costituiscono l’8,2%, si distribuiscono tra le altre sette regioni e province autonome.

Coronavirus, segnali di una seconda ondata?

Per Cartabellotta, “è legittimo chiedersi se i numeri attuali sono i segnali di una nuova ondata”. Tuttavia, “è ragionevolmente certo che non rivedremo le drammatiche scene di marzo/aprile“.

Il presidente della Fondazione Gimbe ha concluso il report con un invito a tenere alta la guardia: “Non bisogna concedere ulteriori vantaggi al coronavirus, tanto più che i numeri riflettono sempre comportamenti di 3-4 settimane fa”.

Coronavirus, chi sono i “furbetti del termometro”

VIRGILIO NOTIZIE | 27-08-2020 11:37

Coronavirus, i tre scenari sulla seconda ondata Fonte foto: ANSA
Coronavirus, i tre scenari sulla seconda ondata
,,,,,,,