,,

Conte rivoluziona il Movimento 5 Stelle: il piano dell'ex premier

L'ex premier Giuseppe Conte avrebbe un piano preciso sul nuovo Movimento 5 Stelle, che sarà molto diverso da quello che conosciamo

Giuseppe Conte starebbe lavorando al piano per riformare le schiere pentastellate. “Ha lavorato al progetto per il nuovo Movimento 5 Stelle in modo molto coperto”, hanno riferito fonti vicine al partito a Repubblica, “per non fare favoritismi, per non dare adito a sospetti”. Dopo il confronto a Bibbona con Beppe Grillo, l’ex premier si sarebbe dunque concentrato sulla riforma in autonomia e in silenzio, costruendo la nuova “carta d’identità” dei gialli.

Sarà presentata in videoconferenza alle 21.30 del 1° aprile all’assemblea dei gruppi parlamentari, agli eurodeputati e ai consiglieri regionali. L’appuntamento, si legge su Twitter, sarà trasmesso anche in diretta streaming, all’insegna del recupero del valore originario della trasparenza.

Movimento 5 Stelle con Conte: cosa ne sarà dell’alleanza con il centrosinistra

Il primo punto da chiarire sarà quello delle alleanze con i partiti di centrosinistra, in una “prospettiva politica” maggioritaria su cui Giuseppe Conte ed Enrico Letta sarebbero in sintonia. L’avvocato del popolo dovrebbe confermare l’indirizzo progressista, in Italia come in Europa, dei grillini.

A ottobre arriverà il primo banco di prova, con l’appuntamento alle urne per le elezioni amministrative. Dovranno essere sciolte le riserve per i nomi da presentare a Roma, Napoli, Torino, Milano e Bologna.

Movimento 5 Stelle con Conte: cambiano il simbolo e lo stile comunicativo

Il partito, anticipa Repubblica, non avrà più nel simbolo l’indirizzo del Blog delle Stelle, ma la data del 2050. Maggiore attenzione sarà infatti data alla componente ambientalista, con la transizione ecologica in primo piano, per coprire quell’area che in Europa è occupata dai partiti verdi, che in Italia non si sono mai affermati.

La strategia comunicativa si rivolgerà ai comuni cittadini, conservando lo spirito anti elitario del Movimento 5 Stelle delle origini, ma perdendo l’etichetta populista, in un mix tra istituzionalismo e stile diretto che ha fatto la fortuna di Conte a Palazzo Chigi. Sembra chiaro che ci sarà poco spazio per gli esuli anti governativi, da Nicola Morra a Barbara Lezzi, passando per Alessandro Di Battista.

Movimento 5 Stelle con Conte: l’appello contro le correnti e il nodo segreteria

L’avvocato del popolo farà un appello alla responsabilità dei membri del partito per fermare il correntismo che rischia di frammentare i 5 Stelle. Per ricostruire il partito nei prossimi due anni, l’ex premier si affiderà a una nuova struttura, eliminando dai giochi Rousseau e, forse, anche Davide Casaleggio.

Come riporta Repubblica, Giuseppe Conte starebbe già scegliendo i suoi collaboratori più fidati per far nascere la segreteria del Movimento. Il nuvo capo politico del M5s dovrà poi rispondere alle richieste degli iscritti avanzate durante gli Stati Generali, spiegando come funzionerà il nuovo partito e chiarendo i tanti dubbi sul numero di mandati e sugli altri pilastri che potrebbero cadere con la nuova gestione.

VirgilioNotizie | 01-04-2021 11:17

Casalino dalla Gruber. Cosa ha detto l'ex portavoce di Conte Fonte foto: ANSA
Casalino dalla Gruber. Cosa ha detto l'ex portavoce di Conte
,,,,,,,