,,

Carabinieri accerchiati e picchiati in centro a Palermo: due arresti

L'aggressione durante un controllo antidroga, due militari sono stati dimessi dall'ospedale con 10 giorni di prognosi

Tre carabinieri sono stati circondati e picchiati in pieno centro a Palermo da un gruppo di giovani durante un controllo antidroga. Due militari sono stati curati in ospedale e poi dimessi con una prognosi di 10 giorni. Lo riporta Repubblica.

La colluttazione è avvenuta nel pomeriggio di ieri in via Magliocco, stradina del centro a due passi dal Teatro Massimo. I carabinieri si sono avvicinati per un controllo a un 19enne, il quale invece di fornire i documenti avrebbe sin da subito mostrato un atteggiamento aggressivo. A dare man forte all’amico è intervenuto prima un 28enne e poi il resto del gruppo.

Secondo le prime ricostruzioni, la rissa sarebbe stata provocata con l’intento di fare sparire la dose di stupefacenti effettivamente in possesso dei giovani nella confusione. Con l’arrivo sul posto di altri agenti per sedare la mischia, il 19enne e il 28enne sono stati fermati e arrestati con l’accusa di violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Le forze dell’ordine stanno identificando gli altri partecipanti all’aggressione tramite le immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona.

Carabinieri accerchiati e picchiati in centro a Palermo: il precedente

Un altro episodio di aggressione nei confronti delle forze dell’ordine nel capoluogo siciliano, dopo quello avvenuto soltanto qualche settimana fa. Anche in quel caso durante un controllo, destinato però a degli ambulanti, un poliziotto è stato ferito da un colpo di bottiglia alla testa: era stata lanciata da alcuni giovani a piazza Magione, uno dei centri della movida in città.

L’agente ha ricevuto 15 giorni di prognosi, il video della rissa ha fatto il giro dei social suscitando l’indignazione generale e le reazioni del sindaco Leoluca Orlando e del Questore Leopoldo Laricchia: “Purtroppo il discorso della cosiddetta malamovida è un problema che si sta verificando e si verifica da anni in tutte le piazze italiane – aveva detto quest’ultimo commentando l’episodio -. Bisogna comprendere come sia veramente difficile e pericoloso spesso intervenire in contesti dove si assembrano migliaia di persone. Noi facciamo il nostro dovere cerchiamo di farlo al meglio, cercheremo di migliorare ancora di più le modalità d’intervento”.

VirgilioNotizie | 25-06-2021 12:56

carabinieri Fonte foto: ANSA
,,,,,,,