,,

Bielorussia, la previsione Nato: "Sta per entrare in guerra insieme alla Russia". Perché Putin pensa al golpe

La Nato teme sempre di più l'ingresso nel conflitto della Bielorussia: Lukashenko potrebbe essere costretto all'invasione dalle minacce di Putin

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

Dopo un mese di guerra potrebbe arrivare la svolta. Secondo alcuni funzionari della Nato, infatti, alla guerra tra Ucraina e Russia potrebbe un terzo Paese, ossia la Bielorussia. La previsione è stata definita sempre più “probabile”. Alexander Lukashenko starebbe preparando l’ambiente “per giustificare un’offensiva bielorussa contro l’Ucraina”, al fianco della Russia di Vladimir Putin. Su un tavolo parallelo, però, le rivelazioni degli 007 ucraini: il presidente russo starebbe pensando di rovesciare proprio Lukashenko, sin qui ritenuto troppo riluttante nonostante l’alleanza. È possibile che i due piani si stiano intersecando e che il presidente bielorusso sia ‘costretto’ a intervenire per mantenere il potere.

Rischio golpe in Bielorussia: perché Putin può rovesciare Lukashenko

Riluttante. Questo è quello che Putin pensa di Lukashenko. Dopo un mese dall’inizio della guerra con l’Ucraina, la Russia sta pensando a un’operazione in stile Kgb per trascinare nel conflitto anche la Bielorussia.

Fino ad ora, però, Lukashenko ha giocato d’attesa e Putin pensa che non sia stato abbastanza pronto a ricambiare il favore della Russia, che lo ha messo a capo del Paese nel 1994.

Secondo i servizi segreti ucraini, il presidente bielorusso avrebbe promesso – in un incontro al Cremlino – di partecipare direttamente alla guerra concedendo il suo territorio, ma invadendo anche direttamente l’Ucraina con il suo esercito.

Entro il 21 marzo avrebbe dovuto attaccare Leopoli, sede delle ambasciate ma soprattutto snodo di tutte le strade che portano all’Unione europea, su cui transitano le armi fornite all’Ucraina.

lukashenko
Alexander Lukashenko, presidente della Bielorussia

Bielorussia in guerra con la Russia? La previsione della Nato

Secondo funzionari della Nato è sempre più “probabile” che la Bielorussia entri nel conflitto al fianco di Mosca.

Lo ha affermato una fonte militare dell’Alleanza alla Cnn, mentre secondo un altro alto funzionario dell’intelligence Nato il governo bielorusso “sta preparando l’ambiente per giustificare un’offensiva bielorussa contro l’Ucraina”.

La svolta dovrebbe essere caldeggiata dalla Russia, con Putin che avrebbe aumentato la pressione su Lukashenko.

L’accusa di Kiev: “Nessuna spia a Minsk, la Bielorussia vuole una scusa per invaderci”

Che la Bielorussia stia preparando l’ambiente per giustificare l’intervento nel conflitto lo sostiene la Nato, ma anche l’Ucraina.

Il ministero degli Esteri di Kiev ha negato, martedì 22 marzo, le accuse bielorusse sull’esistenza di una rete di spie composta da dipendenti dell’ambasciata ucraina a Minsk: “Le dichiarazioni ostili dei funzionari bielorussi contro l’Ucraina stanno complicando sempre più le relazioni bilaterali tra i nostri Stati”.

“Ci auguriamo che l’obiettivo finale di questa provocazione non sia quello di intensificare l’isteria anti-ucraina in Bielorussia per giustificare il sostegno all’aggressione armata della Russia contro l’Ucraina“, ha affermato il portavoce del ministero Oleg Nikolenko, citato da Unian.

Guerra in Ucraina, il mondo condanna la Russia: chi sono gli ultimi alleati di Mosca e Vladimir Putin Fonte foto: ANSA
Guerra in Ucraina, il mondo condanna la Russia: chi sono gli ultimi alleati di Mosca e Vladimir Putin
,,,,,,,,