,,

Coronavirus: aumentano i guariti, i dati dell'ultimo bollettino

La diretta dell'emergenza coronavirus in Italia, aggiornata con i dati della Protezione civile su contagi, morti e guariti

Sono saliti a 54.030 i malati di Covid-19 in Italia, con un incremento rispetto a lunedì di 3.612 casi. Il numero complessivo dei contagiati – comprese le vittime e i guariti – ha raggiunto i 69.176. Lo ha detto il commissario per l’emergenza Angelo Borrelli durante la consueta conferenza stampa alla Protezione civile.

Il numero dei morti per coronavirus è salito a 6.820, con un aumento rispetto a ieri di 743. Per il terzo giorno consecutivo quindi cala il numero dei nuovi casi positivi: oggi sono 3.612 mentre ieri erano 3.780 e domenica 3.957. Torna invece a salire il numero delle vittime in un solo giorno: oggi sono 743 mentre ieri erano 601 e domenica 651.

In aumento il numero delle persone guarite: le 894 di oggi portano il totaole a 8.326. Le persone in terapia intensiva sono 3.396, 192 in più rispetto a ieri. Di questi, 1.194 sono in Lombardia. I malati complessivi sono 54.030: 21.937 sono ricoverati con sintomi e 28.697 in isolamento domiciliare.

Nessuno stop per i benzinai: la smentita di Conte

“Invito tutti a soprassedere” sull’annunciato progressivo stop agli impianti di benzina. Lo ha dichiarato il premier Giuseppe Conte in un’intervista al Tg 5. I rifornitori di carburante sono infatti un servizio essenziale. “Troveremo una soluzione con la ministra De Micheli. Ma non possiamo consentire che si arrivi a un’interruzione di questo pubblico servizio”, ha sottolineato il presidente del Consiglio.

CHIUDONO I BENZINAI: L’ANNUNCIO DEI SINDACATI

Informativa di Conte sull’emergenza Covid-19

Palazzo Chigi ha annunciato l’informativa del presidente del Consiglio Giuseppe Conte in merito all’emergenza Covid-19 alla Camera dei Deputati, mercoledì 25 marzo alle ore 18.00, e al Senato, giovedì 26 marzo alle ore 10.00.

Il presidente della Camera Roberto Fico ha fatto sapere tramite l’Ansa che il 25 marzo alle 15 e il 1 aprile “avremo un question time rafforzato”, con due interrogazioni per gruppo parlamentare, a cui risponderanno i ministri di Giustizia, Infrastrutture, Istruzione, Università e Pubblica Amministrazione. “Rafforziamo la funzione di controllo del Parlamento”, ha sottolinato.

EMERGENZA FINO AL 31 LUGLIO: GIUSEPPE CONTE FA CHIAREZZA

Afghanistan: 4 militari italiani positivi al coronavirus

Tra i militari nostri connazionali che si trovano a Herat, in Afghanistan, 4 sono risultati positivi al coronavirus. Lo riporta l’Ansa citando lo Stato maggiore della Difesa, che ha precisato che “stanno bene” e che “al momento è garantita l’operatività del contingente italiano”.

Coronavirus, arrivano medici e posti letto negli ospedali

Il commissario Domenico Arcuri, in conferenza stampa alla Protezione civile, ha fatto il punto della situazione sanitaria del Paese in merito all’emergenza coronavirus. “Da 5.300 a oltre 8mila posti di terapia intensiva il 64% in più. Da 6.625 a 26.169 posti letto in pneumologia e infettivologia, oltre di quattro volte in più, succede solo nei grandi Paesi che sono coesi a contrastare questo nemico”.

“Saranno inviati nelle prossime 72 ore, quasi certamente domani, il primo contingente, 300 medici negli ospedali più in difficoltà. Con una nuova ordinanza trasferiremo su base volontaria 500 infermieri nelle zone con più alto numero di malati Covid-19”, ha aggiunto Arcuri.

Coronavirus, i contagi Regione per Regione

Di seguito il dato delle persone attualmente positive, diviso per Regione: 19.868 in Lombardia (958 in più rispetto a lunedì 23 marzo), 7.711 in Emilia-Romagna (+491), 5.351 in Veneto (+365), 5.124 in Piemonte (+595), 2.497 nelle Marche (+139), 2.519 in Toscana (+218), 1.692 in Liguria (+139), 1.545 nel Lazio (+131), 992 in Campania (+63), 848 in Friuli Venezia Giulia (+77), 975 in Trentino (+61), 699 in provincia di Bolzano (+11), 940 in Puglia (+78), 799 in Sicilia (+118), 622 in Abruzzo (+17), 624 in Umbria (+68), 379 Valle d’Aosta (+0), 395 in Sardegna (+52), 304 Calabria (+24), 55 in Molise (+5), 91 in Basilicata (+2).

Coronavirus, le vittime Regione per Regione

Di seguito il dato delle persone decedute, diviso per Regione: 4.178 in Lombardia (+402 rispetto a lunedì 23 marzo), 985 in Emilia-Romagna (+93), 216 in Veneto (+24), 374 in Piemonte (+59), 231 nelle Marche (+28), 129 in Toscana (+20), 231 in Liguria (+19), 56 in Campania (+7), 80 Lazio (+17), 64 in Friuli Venezia Giulia (+10), 44 in Puglia (+7), 38 in provincia di Bolzano (+9), 20 in Sicilia (+7), 46 in Abruzzo (+8), 19 in Umbria (+3), 19 in Valle d’Aosta (+7), 56 in Trentino (+15), 10 in Calabria (+3), 15 in Sardegna (+4), 8 in Molise (+1), uno in Basilicata (+0) .

I NUMERI DI EMERGENZA COVID-19 DA FARE IN ITALIA

Coronavirus, suicida un’infermiera a Monza

Un’infermiera di 34 anni del reparto di Terapia intensiva dell’ospedale San Gerardo di Monza si è suicidata: lo ha reso noto la Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche, aggiungendo che la donna “era positiva” al Covid-19 e che “viveva un pesante stress per la paura di aver contagiato altri”.

Il direttore generale del San Gerardo, Mario Alparone ha confermato in una nota il suicidio,  sottolineando però che la “collega era a casa in malattia dal 10 marzo. Non risultava in stato di sorveglianza per positività accertata in corso di accertamento” per il coronavirus.

Coronavirus, Gentiloni in isolamento

Il commissario europeo all’Economia Paolo Gentiloni si trova in isolamento da alcuni giorni, dopo che un membro del suo staff ha mostrato i sintomi del contagio. Il suo ufficio ha fatto sapere che “l’ex Presidente del Consiglio sta bene e prosegue la sua attività dall’abitazione di Bruxelles”.

Coronavirus, Bertolaso positivo al Covid-19

Guido Bertolaso, consulente del governatore della Lombardia per l’emergenza coronavirus, ha dato notizia su Facebook di essere positivo al Covid-19. “Sia io che i miei collaboratori più stretti siamo in isolamento – ha assicurato – e rispetteremo il periodo di quarantena. Continuerò a seguire i lavori dell’ospedale Fiera e coordinerò i lavori nelle Marche”.

CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO IN ITALIA

Coronavirus, Giochi di Tokyo nell’estate 2021

Il Cio “è d’accordo al 100%” a rimandare i Giochi di Tokyo all’estate del 2021 in seguito all’emergenza coronavirus. Lo ha detto il premier giapponese Shinzo Abe dopo una telefonata con il presidente del Cio Thomas Bach, secondo quanto riferisce la televisione pubblica giapponese NHK.

LE REGOLE PER GLI SPOSTAMENTI: LA CIRCOLARE DEL VIMINALE

Coronavirus, 5 pazienti trasferiti in Austria

Cinque pazienti altoatesini affetti da coronavirus saranno trasferiti in Tirolo, in Austria. Lo hanno annunciato in una conferenza stampa congiunta i governatori Arno Kompatscher (Alto Adige) e Guenther Platter (Tirolo). Tre pazienti saranno ricoverati in terapia intensiva a Lienz e due nella clinica universitaria di Innsbruck.

Coronavirus, 94 medici positivi nel Lazio

Nel Lazio 94 medici sono risultati positivi al Covid-19. Lo ha reso noto Antonio Magi, presidente dell’Ordine provinciale di Roma dei medici chirurghi e odontoiatri. I contagiati sono 84 a Roma, 6 a Latina, 2 a Viterbo e 2 a Frosinone: i dati però, secondo Magi, sono “sottostimati e per questo è necessario fare i tamponi a tutti gli operatori sanitari. Non c’è più tempo”.

Alcuni dei medici contagiati, secondo quanto annunciato dal sindacato Anaao Assomed Lazio, sono ricoverati all’ospedale Spallanzani, altri sono in isolamento a casa.

CORONAVIRUS, QUANTO PUO’ DURARE SULLE SUPERFICI: LO STUDIO

In Emilia Romagna a lavoro medici asintomatici, ma arriva il chiarimento

Una direttiva della Regione Emilia Romagna rivolta alle aziende ospedaliere aveva che i medici positivi al coronavirus ma asintomatici possono recarsi a lavoro su base volontaria, ma il commissario per l’emergenza Sergio Venturi ha precisato: “Nessun operatore sanitario positivo al Covid-19 può recarsi al lavoro”.

“La direttiva indirizzata alle aziende sanitarie rappresenta un documento di strategia generale che, effettivamente, può aver generato confusione lì dove si parla di volontarietà”, ha detto Venturi, ribadendo che “la sicurezza delle persone viene al primo posto, a partire ovviamente da tutti gli operatori sanitari”.

28 CASI DI CORONAVIRUS SU 600 ABITANTI: IL CASO DI BADIA TEDALDA

Coronavirus in Lombardia, gli aggiornamenti

Torna a salire il numero delle vittime per coronavirus in Lombardia, dopo due giorni di dati in calo: sono 402 i nuovi decessi per un totale di 4.178. Domenica erano stati 361, lunedì 320. Il numero dei contagiati è salito a 30.703, con 1.942 casi in più rispetto a lunedì. Lo ha reso noto l’assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera.

Coronavirus in Piemonte, la situazione

Sono 37 i decessi di persone positive al coronavirus secondo quanto riferito dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte. Il totale complessivo è ora di 374 deceduti positivi al virus. In aumento anche i contagi, 5.515. Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 360. I tamponi diagnostici finora eseguiti sono 15.469, di cui 9.455 risultati negativi.

Coronavirus, in Iran morto bimbo di 6 anni

Un bimbo di 6 anni è morto in Iran dopo aver contratto il coronavirus. Ne ha dato notizia la facoltà di Medicina dell’Università del Khorasan Settentrionale. È la vittima più giovane nella Repubblica islamica; non è noto se soffrisse di altre patologie.

Nella provincia del Khorasan Settentrionale, al confine con il Turkmenistan, i casi di positività sono finora 189, i decessi sono 19 e i guariti 99.

ILARIA CAPUA: “IL CONTENIMENTO STA FUNZIONANDO”. IL SUO PIANO

Coronavirus, Conte avverte sui contagi di ritorno

Il premier Giuseppe Conte ha lanciato un avvertimento all’Europa: “Tutti adottino linee rigorose contro il coronavirus, perché poi potremmo essere esposti a un contagio di ritorno: una risposta Ue coordinata è l’unica possibilità”. L’Italia non è intenzionata a utilizzare il Mes con l’attuale quadro regolatorio, ha aggiunto il premier, che ieri ha incontrato i leader del centrodestra.

CORONAVIRUS, L’AUTOCERTIFICAZIONE CAMBIA ANCORA: IL NUOVO MODELLO

Coronavirus, Musumeci dice stop agli ingressi in Sicilia

Il governatore della Sicilia Nello Musumeci ha dichiarato: “Nessuno deve più entrare in Sicilia, lo sa il ministro dell’Interno, lo sa il premier Conte, lo sa il ministro Boccia, lo sanno tutti a Roma. In Sicilia i provvedimenti parlano chiaro: lo Stretto lo possono attraversare solo le forze dell’ordine e armate, i sanitari e i lavoratori pendolari”.

Nella serata di lunedì, la risposta del Viminale: “Non rispondono al vero le accuse del presidente Musumeci – mosse per di più in un momento in cui le istituzioni dovrebbero mostrarsi unite nel fronteggiare l’emergenza – secondo le quali sarebbe in atto un flusso incontrollato verso le coste siciliane, tant’è che, ieri, tutte le persone che hanno traghettato sono risultate legittimate a farlo”.

Poi il sindaco di Messina, Cateno De Luca, si è recato al porto. “Faccio tutto questo perché non si può mettere a repentaglio la salute dei nostri cittadini che stanno a casa e poi tutto viene vanificato da decine di persone che arrivano senza controlli. Dal Viminale hanno detto che chi è sbarcato ieri aveva le giuste certificazioni, allora me le forniscano”.

CORONAVIRUS, CHI RESTA APERTO E CHI NO

Coronavirus nel mondo: i numeri della pandemia

Nel mondo sono oltre 400mila i casi di coronavirus, mentre i morti sono 17.454 secondo l’ultimo bollettino diffuso dalla Johns Hopkins University. L’Oms, intanto, avverte che la pandemia sta accelerando ovunque.

In Cina i nuovi casi di coronavirus sono 78, di cui uno a Wuhan dopo cinque giorni di fila a quota zero e 74 importati dall’estero. Nella provincia dell’Hubei sono stati rimossi i limiti agli spostamenti imposti due mesi fa negli sforzi per bloccare la diffusione del nuovo coronavirus: la decisione è operativa dalla mezzanotte di martedì, in base a quanto deciso e comunicato in una nota dal Comitato locale di prevenzione e controllo. Il via libera riguarderà tutti i residenti possessori del “codice verde”, quindi senza rischi di contagio. Nel capoluogo Wuhan, focolaio della pandemia, le restrizioni cadranno a partire dall’8 aprile.

Superati i 50mila casi negli Stati Uniti, terzo Paese dopo Cina e Italia per numero di contagi da coronavirus. I morti negli Usa sono oltre 600.

In Spagna, il ministero della Sanità ha reso noto che il numero dei casi ha raggiunto quota 39.673. A livello nazionale 2.636 pazienti sono in terapia intensiva, altre 3.794 sono guarite. La regione di Madrid è la più colpita con 1.535 morti e 12.352 contagiati.

Aumentano i casi in Francia, con un bilancio di 22.300 persone positive e 1.110 morti.

La Corea del Sud ha avuto lunedì 76 nuovi casi di Covid-19, in rialzo sui 64 di domenica. Le infezioni totali sono salite a 9.037, mentre i decessi sono saliti di 9 unità, a 120. I casi di infezione importata sono aumentati da 20 a 67 unità, marcando il più grande rialzo giornaliero.

Nel Regno Unito salgono a 335 i morti per coronavirus, 54 decessi in più rispetto al giorno precedente. Boris Johnson ha così ordinato il lockdown, con misure restrittive del tutto simili a quelle italiane.

In Olanda nella giornata di lunedì sono morte 63 persone per il Covid-19, mentre sono stati registrati 811 nuovi casi. Ciò, secondo gli ultimi dati diffusi dalle autorità, porta il totale a 276 decessi e a 5.560 casi positivi.

Sono 1.930 i casi positivi in Israele, con 3 vittime accertate. I malati in terapia intensiva sono 34.

Salgono a 1.872 i contagi in Turchia, con un bilancio di 44 vittime.

In India il premier Narendra Modi ha deciso il lockdown totale in tutto il paese a partire dalla mezzanotte. La misura disposta per contenere la diffusione dell’epidemia durerà 21 giorni.

L’IDENTIKIT DELLE PERSONE A RISCHIO: ETÀ, SESSO E SINTOMI

VirgilioNotizie | 24-03-2020 21:59

Coronavirus, operativo a Cremona il primo ospedale da campo Fonte foto: Ansa
Coronavirus, operativo a Cremona il primo ospedale da campo
,,,,,,,