,,

Salvini, la "lettera di sfratto a Conte" e la foto con Peppone

Il leader della Lega Matteo Salvini, all'incontro elettorale a Brescello (Reggio Emilia), ha sferrato un nuovo attacco al governo

Il leader della Lega Matteo Salvini, all’incontro elettorale a Brescello (Reggio Emilia), ha sferrato un nuovo attacco al governo. In merito alle Regionali del 26 gennaio, secondo quanto riporta l’Ansa, Salvini ha detto che “ci sono 50 milioni di italiani che vi invidiano perché voi avete il diritto al voto“. E il giorno dopo “se si vince in Emilia-Romagna io vado a dare la lettera di sfratto a Conte, Renzi, Di Maio, Zingaretti e compagnia bella”.

Salvini e la foto con la statua di Peppone

L’ex vicepremier ha commentato su Facebook: “Un saluto da Brescello (Reggio Emilia), perla della Bassa! Scommetto che Peppone oggi voterebbe Lega!”. Salvini si è fatto fotografare accanto alla statua del personaggio di Guareschi, reso celebre dalla serie su Don Camillo, e ha aggiunto: “Non avete idea di quanti vecchi comunisti mi abbiano detto in questi giorni: quelli del Pd preferiscono i banchieri agli operai, stavolta voto per voi!”.

Salvini su Liliana Segre

In relazione all’invito al convegno sull’antisemitismo, declinato dalla senatrice a vita Liliana Segre, Salvini ha affermato: “Se mi dispiace del no della Segre al convegno Lega? No, son contento di ciò che stiamo organizzando. Verranno esperti di antisemitismo da tutto il mondo. I drammi del passato non devono accadere mai più, odiare Israele – e purtroppo anche in Parlamento c’è chi vuole cancellarlo – significa essere nemici dell’umanità”.

Salvini e la riforma delle pensioni

Sempre a Brescello, Salvini ha affermato, come riporta l’Ansa: “Uno apre il giornale stamattina e scopre che quei geni del governo, quei geni del Pd, presentano una proposta di legge per riportare in alto l’età per andare in pensione. Sono dei cretini e degli imbecilli“.

Poi ha aggiunto: “Se tu riporti in alto l’età per andare in pensione, quand’è che i ventenni cominciano a lavorare?”.

Salvini sulla tregua in Libia

Sulla crisi libica, Salvini ha invece commentato: “Tregua in Libia? Speriamo, un po’ di pace in più e una guerra in meno è una buona notizia per il mondo. Ma non dipende da Di Maio. Purtroppo il ruolo dell’Italia, non solo Libia, ma anche in Iran, negli Stati Uniti e in Venezuela è limitato. Non ci telefonano neanche più…”.

Nei giorni scorsi, Matteo Salvini ha avuto un duro scontro con il candidato dem alle Regionali in Emilia Romagna, e presidente uscente della regione, Stefano Bonaccini.

VIRGILIO NOTIZIE | 12-01-2020 11:41

Redditi: chi sono i politici più ricchi, tra sorprese e conferme Fonte foto: Facebook
Redditi: chi sono i politici più ricchi, tra sorprese e conferme
,,,,,,,