,,

Coronavirus: nuovo bilancio dei contagi, quanti e dove sono

Il quadro generale aggiornato dell'emergenza coronavirus in Italia: decessi, contagi, misure di contenimento, informazioni utili. Tutti i numeri

Aumenta il numero dei contagiati in Italia per l’epidemia di coronavirus. Secondo le ultime stime, annunciate dal commissario straordinario Angelo Borrelli, il bilancio è salito a 424 contagiati e 12 vittime. Tra le regioni più colpite dal virus c’è la Lombardia, con 305 casi registrati e nove vittime.

Quest’oggi è stata registrata anche la prima vittima in Emilia Romagna, un 69enne con patologie respiratorie  pregresse che era ricoverato a Parma, proveniente da San Fiorano, in provincia di Lodi. Dall’Emilia Romagna è arrivata anche una notizia confortante: una donna incinta risultato positiva ha partorito a Piacenza ed il neonato è risultato negativo al virus.

In Italia, ad oggi, sono 11 le regioni coinvolte nei casi di contagio. Oltre che nella citata Lombardia, 87 sono i contagi in Veneto, 47 in Emilia Romagna, 16 in Liguria, 3 in Piemonte, Lazio, Marche e Sicilia, 2 in Toscana, 1 in Trentino Alto Adige e in Puglia.

Secondo quanto riferito dall’assessore regionale alla Sanità del Piemonte Luigi Icardi due dei tre casi positivi al test del coronavirus erano dei “falsi positivi“. Come riferito dall’assessore la “falsa positività” riguarda la coppia di Cumiana: “È una grande notizia, in Piemonte abbiamo un solo caso di positività accertata, quella del paziente ricoverato all’Amedeo di Savoia”.

Coronavirus, i due focolai sono connessi tra loro

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha annunciato una nuova scoperta sui focolai da coronavirus: “I primi riscontri evidenziano che in Italia si sono sviluppati due focolai, che inizialmente sembravano distinti, ma che poi si sono dimostrati connessi, uno in Lombardia, più vasto, e un altro puntiforme in un piccolo comune del Veneto”.

Durante l’informativa urgente alla Camera, Speranza ha spiegato anche che non esiste “nessuna prova del paziente zero”.

Walter Ricciardi, membro italiano dell’Oms, ha spiegato: “Il focolaio è sostanzialmente uno – si pensava che fossero due, ma in realtà sono correlati tra di loro – ed è quello della bassa Lombardia, perché quello del Veneto poi è stato ricondotto a questa origine”.

Coronavirus, primo caso positivo in Puglia

Anche in Puglia c’è il primo caso di positività da coronavirus. Lo ha comunicato il presidente della Regione Michele Emiliano. Si tratta, come riporta Ansa, di una persona residente nella provincia di Taranto e proveniente da Codogno.

“Come avevamo previsto – ha annunciato Emiliano in una nota – abbiamo il primo soggetto influenzato residente nella provincia di Taranto, sembra proveniente da Codogno in Lombardia, ove si era recato in visita, positivo al test Coronavirus. Il test verrà domani trasmesso all’Istituto Superiore di Sanità per la conferma di seconda istanza”.

“Il paziente – ha aggiunto – è isolato sin da ieri al reparto infettivi dell’Ospedale Santissima Annunziata in stanza a pressione negativa, è stato prelevato dal domicilio nel quale viveva a suo dire da solo in ambulanza del 118 dedicata da personale dotato dei necessari Dispositivi di Protezione. Il decorso dell’influenza è regolare e allo stato senza complicazioni. Tutte le persone con le quali il soggetto è stato in contatto dopo il soggiorno a Codogno verranno sottoposte a tampone e poste in quarantena nelle prossime ore secondo i protocolli previsti”.

Coronavirus, il numero dei minori contagiati

Tra i nuovi casi di contagio anche alcuni minorenni, ben 7 risultati positivi al coronavirus. Di questi 6 casi sono stati registrati in Lombardia e uno in Veneto.

Dei 6 casi in Lombardia, due sono ricoverati in ospedale. Si tratta di una bimba di 4 anni di Castiglione d’Adda ricoverata al San Matteo, di un 15 enne ricoverato a Seriate (Bergamo) e due ragazzini di 10 anni di Soresina (Cremona) e di San Rocco al porto (Lodi) già tornati a casa. A Soresina, nella classe del minorenne contagiato, nessuno dei compagni è risultato positivo al test sul coronavirus.

Il caso di positività registrata in Veneto riguarda invece una bambina di otto anni nel focolaio di Limena, in provincia di Padova. Secondo quanto riportato dalla Regione Veneto la piccola è risultata positiva al test coronavirus ed è asintomatica. Da quanto si è appreso, secondo le procedure, anche i suoi compagni di scuola verranno ora sottoposti al tampone.

Ieri in conferenza stampa Borrelli ha affermato che “non ci sarà alcuna chiusura di scuole al di fuori dell’area rossa”.

A proposito della chiusura delle scuole, la decisione del governatore delle Marche ha causato una dura reazione da parte del governo che ha deciso di impugnare l’ordinanza.

Coronavirus, 11 le regioni, 24 province con casi di contagi

Sono in tutto undici le regioni italiane che hanno registrato finora casi di contagio da coronavirus; le province sono 24. Di seguito il dettaglio dei casi divisi per provincia.

  • LOMBARDIA: Lodi 128, Cremona 57, Pavia 27, Bergamo 20, Milano 8, Monza Brianza 4, Brescia 2, Sondrio 3, positivi in fase di ospedalizzazione/isolamento 9.
  • VENETO: Padova 40, Venezia 8, Treviso 2. In attesa di aggiornamento 21
  • EMILIA ROMAGNA: Piacenza 20, Modena 5, Parma 4, Rimini 1
  • PIEMONTE: Torino 1
  • SICILIA: Palermo 3
  • LAZIO: Roma 3
  • TOSCANA: Firenze 1, Pistoia 1
  • LIGURIA: Savona 1, La Spezia 1
  • TRENTINO ALTO ADIGE: Bolzano 1
  • MARCHE: Pesaro Urbino 1

CORONAVIRUS, COME PROTEGGERE I BAMBINI DAL CONTAGIO

Coronavirus, la novità: tamponi solo per chi ha sintomi

Importante novità nella ricerca del coronavirus: il direttore del Consiglio Superiore di Sanità Franco Locatelli ha annunciato che da oggi verranno eseguiti i tamponi “solo sui soggetti sintomatici“.

Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute e membro italiano all’Oms, ai microfoni dell’Ansa ha sottolineato che in Italia “sono stati eseguiti oltre 10mila test per la rilevazione del nuovo coronavirus, contro i meno di mille in Germania e Francia”.

Tuttavia, il commissario Angelo Borrelli ha poi smentito in parte: i tamponi, ha detto, verranno eseguiti anche a chi ha avuto contatti con persone positive” e non solo alle persone con sintomi.

CORONAVIRUS, QUANTO DURERA’ L’EPIDEMIA? LA RISPOSTA DEGLI ESPERTI

Coronavirus, guariti i tre ricoverati a Roma

Sono guarite le tre persone ricoverate allo Spallanzani di Roma. Lo ha annunciato Luigi Di Maio, come riporta Ansa. Si tratta dei due coniugi cinesi e del giovane ricercatore trasferito dalla Cecchignola.

Coronavirus, le vittime in Italia

Il bilancio delle vittime del coronavirus in Italia è salito a 12, con il primo decesso in Emilia Romagna. Secondo quanto riferito dalla Regione si tratta di un 69enne di San Fiorano, nel lodigiano, “già affetto da importanti patologie pregresse”, e ricoverato all’ospedale di Parma.

La prima vittima è stata Andrea Trevisan, il 78enne di Vo’ Euganeo morto all’ospedale di Schiavonia sabato, poi la 75enne di Casalpusterlengo e la 68enne oncologia morta all’ospedale di Crema domenica.

Soltanto lunedì si sono registrati altri quattro morti: un 84enne bergamasco, un anziano di 88 anni nato a Caselle Landi e residente a Codogno, un 80enne di Castiglione d’Adda ricoverato al Sacco di Milano e un 62enne dializzato morto a Como.

Quattro nuovi morti, poi, nella giornata di ieri: un 84enne di Nembro, un uomo di 91 anni di San Fiorano, una donna di 83 anni di Codogno e una 76enne morta a Treviso.

Oggi la dodicesima vittima: un 69enne di San Fiorano ricoverato all’ospedale di Parma.

CORONAVIRUS: LA MAPPA DEL CONTAGIO IN ITALIA E NEL MONDO 

Coronavirus, Italia bloccata: quali sono i Comuni isolati

Tante le misure adottate nelle regioni colpite dal virus per limitare il contagio. Il Governo ha deciso il divieto di allontanamento e di ingresso nelle aree ‘focolaio’ del coronavirus, che verranno presidiate dalle forze di polizia e, se necessario, dai militari. La mancata osservanza delle prescrizioni prevede delle sanzioni, che vanno da una multa fino all’arresto per 3 mesi.

I blocchi, come previsto dalle disposizioni del Governo, interessano 11 zone: si tratta di Codogno e altri nove comuni del lodigiano (CasalpusterlengoCastiglione d’AddaFombioMaleoSomagliaBertonicoTerranova dei PasseriniCastelgerundo e Sanfiorano) e l’area di Vo’ Euganeo in provincia di Padova.

CORONAVIRUS: TUTTE LE MISURE DECISE DAL GOVERNO

Coronavirus, le informazioni utili su come comportarsi

Il numero attivo a livello nazionale dedicato all’emergenza coronavirus è il 1500. Lombardia e Veneto, cioè le due regioni al momento più colpite dall’emergenza coronavirus in Italia, hanno istituito dei numeri verdi che i cittadini possono contattare per ottenere informazioni utili relative al virus.

In Lombardia il numero verde da chiamare è 800-894545, mentre in Veneto è possibile contattare il numero verde 800-462340. Anche in Emilia Romagna è stato attivato un servizio telefonico: 800-033033.

CORONAVIRUS, I NUMERI D’EMERGENZA DA CHIAMARE REGIONE PER REGIONE

VIRGILIO NOTIZIE | 26-02-2020 21:00

Milano, psicosi coronavirus: market svuotati e assalto mascherine Fonte foto: ANSA
Milano, psicosi coronavirus: market svuotati e assalto mascherine
,,,,,,,