,,

Sputnik, perché a San Marino sì e in Italia no: lo spiega Galli

Lo Sputnik divide: c'è chi opta per la cautela e chi chiede che venga utilizzato. Galli e il caso di San Marino

Il vaccino russo Sputnik V è al centro di un dibattito che vede da un lato coloro che credono sia un’importante risorsa da mettere in campo nella campagna vaccinale in Italia, e dall’altro chi mantiene una linea di cautela. Il ministro della Salute Roberto Speranza ha affermato che non conta la provenienza di un vaccino, conta soltanto la sua sicurezza e la sua efficacia e sono le agenzie regolatorie a stabilire il via libera.

Sputnik, Galli: “Vaccino estremamente interessante”

Altrettanto interessato è il dott. Massimo Galli, ospite di “Accordi&Disaccordi”, il talk condotto da Luca Sommi e Andrea Scanzi, che si è espresso sul tema: “Io penso che il vaccino russo sia estremamente interessante, potenzialmente molto utile, stimolante anche dal punto di vista scientifico, ma devono ancora arrivare tutti i dati”.

Sarebbe questo, quindi, il motivo per cui le agenzie regolatorie in Europa sono ancora piuttosto scettiche sullo Sputnik, anche se Eric Mamer, portavoce della Commissione Ue, ha precisato che “la porta non è chiusa per sempre, dipenderà dalle circostanze”.

Lo Sputnik si somministra a San Marino, ma non in Italia

Sul perché lo Sputnik si possa somministrare a San Marino, Galli ha risposto: “San Marino non segue determinate regole che tutti quanti abbiamo accettato e voluto per garanzia, affidando all’Ema determinati compiti, tra cui quello di verificare una serie di documenti che in larga misura non sono stati prodotti”.

Intanto, a San Marino la campagna vaccinale con lo Sputnik è già iniziata: il piccolo centro ha infatti ricevuto a febbraio le prime dosi del vaccino russo, mentre a marzo sono arrivate anche quelle di Pfizer. Al 24 marzo, le persone che hanno ricevuto a San Marino almeno una dose erano 9.084. Si sono aperte, intanto, le prenotazioni anche per i sedicenni, che riceveranno però il preparato di Pfizer in quanto lo Sputnik è raccomandato dai 18 anni in su.

VirgilioNotizie | 25-03-2021 17:29

Covid, perché l'immunità di gregge è "probabilmente impossibile" Fonte foto: ANSA
Covid, perché l'immunità di gregge è "probabilmente impossibile"
,,,,,,,