,,

Open Arms: sbarcano i minori, il dubbio di Salvini sull'identità

Dopo il botta e risposta tra Conte e Salvini, i minori sono stati fatti scendere dalla nave

Sono stati fatti sbarcare sul molo Favarolo di Lampedusa 27 minori non accompagnati che si trovavano a bordo della Open Arms, ferma in mare da 16 giorni con 134 migranti a bordo. Il Viminale aveva approvato il loro sbarco dopo che il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte ha scritto un’altra lettera al vicepremier Matteo Salvini.

l ministro dell’Interno, dopo lo sbarco, ha rivelato che ben 8 dei 27 migranti fatti sbarcare hanno confessato ai poliziotti di essere maggiorenni. “Vedremo gli altri… Dopo i ‘malati immaginari’, ecco i ‘minorenni immaginari’! Mentre altri cedono, io non cambio idea”, twitta Salvini.

La Ong ha fatto sapere sul suo profilo Twitter: “Terminata evacuazione dei minori non accompagnati. Che poi sarebbero ragazzi di 16 e 17 anni. Soli. Molte lacrime. Hanno lasciato amici e compagni di viaggio. Vi auguriamo il meglio. E andiamo avanti. Per tutti. #unportosicurosubito”.

Il premier aveva scritto la missiva in tarda serata al ministro dell’Interno, ribadendo la disponibilità alla redistribuzione dei migranti da parte dell’Unione Europea e la necessità di mettere in sicurezza i soggetti più deboli, specie i minori. La lettera è stata scritta in risposta al carteggio tra Conte e Salvini di Ferragosto.

La replica di Matteo Salvini a Giuseppe Conte

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini, ripreso da ANSA, aveva risposto così all’appello del premier: “Prendo atto che disponi che vengano sbarcati i (presunti) minori attualmente a bordo della Open Arms” e “darò pertanto, mio malgrado, per quanto di mia competenza e come ennesimo esempio di leale collaborazione, disposizioni affinché non vengano frapposti ostacoli all’esecuzione di tale Tua esclusiva determinazione, non senza ribadirti che continuerò a perseguire in tutte le competenti sedi giurisdizionali l’affermazione delle ragioni di diritto che ho avuto modo di esporti”.

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini aveva commentato su Facebook la notizia che la nave Open Arms era ancora ferma nel porto di Lampedusa, in attesa del permesso per far sbarcare i 134 migranti a bordo. “In 16 giorni sareste già tranquillamente arrivati a casa vostra in Spagna. Quella delle ONG è una battaglia politica, non certo umanitaria, giocata sulla pelle degli immigrati. Vergogna. Io non mollo“.

Open Arms dichiara lo stato di necessità

L’equipaggio della Open Arms aveva annunciato lo “stato di necessità“, perché non sarebbe più stato in grado di “garantire la sicurezza a bordo”. Nel frattempo i pm agrigentini avevano disposto un’ispezione medica a bordo della Open Arms, per accertare le condizioni igenico-sanitarie dei 134 migranti a bordo.

La Procura ha anche acquisito dei documenti dalla Guardia costiera per portare avanti l’inchiesta per sequestro di persona. Tra le carte ora al vaglio del procuratore aggiunto Salvatore Vella, riporta Il Corriere della Sera, ci sarebbe anche la comunicazione con cui il centro di ricerca e soccorso di Roma ha scritto al ministero dell’Interno sostenendo che “non vi sono impedimenti di sorta” allo sbarco e per questo chiedeva una risposta “urgente”.

VIRGILIO NOTIZIE | 18-08-2019 07:50

Open Arms: le immagini dell'arrivo dei minori a Lampedusa Fonte foto: ANSA
Open Arms: le immagini dell'arrivo dei minori a Lampedusa
,,,,,,,