,,

Coronavirus, quanti casi e dove: il nuovo bollettino. La diretta

I dati aggiornati parlano di oltre 20mila persone attualmente positive al Sars-Cov-2

La pandemia di coronavirus continua a diffondersi nel mondo. In Italia l’ultimo bollettino diffuso dalla Protezione Civile alle ore 18 parla di un aumento di 2.470 contagi rispetto a domenica (quando l’aumento rispetto al giorno percedente era stato di 2.853). Le persone positive salgono a 23.073.

Il numero totale di vittime ha superato quota 2mila: sono 2158, con un incremento rispetto a domenica pari a 349 (l’aumento precedente era di 368). Sono 1.851 i malati ricoverati in terapia intensiva, 179 in più rispetto a ieri. Di questi 823 sono in Lombardia. I ricoverati con sintomi sono 11.025, mentre quelli in isolamento domiciliare sono 10.197.

Sono 2.749 le persone guarite in Italia dopo aver contratto il coronavirus, 414 in più di domenica (aumento precedente: 369).

Coronavirus, i numeri regione per regione

Secondo l’ultimo bollettino della Protezione Civile, i casi totali sono 14.648 in Lombardia (attuali: 10861), 3.522 in Emilia Romagna (3088), 2.473 in Veneto (2.274), 1.242 nelle Marche (1.185), 1.516 in Piemonte (1.405), 866 in Toscana (841), 667 in Liguria (575), 523 nel Lazio (472), 400 in Campania (363), 386 in Friuli Venezia Giulia (346), 378 nella Provincia autonoma di Trento (367), 241 nella Provincia autonoma di Bolzano (235), 230 in Puglia (212), 213 in Sicilia (203), 164 in Umbria (159), 176 in Abruzzo (165), 107 in Sardegna (105), 105 in Valle d’Aosta (103), 89 in Calabria (87), 21 in Molise (15) e 12 in Basilicata (12).

Coronavirus, approvato il decreto Cura Italia

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto ‘Cura Italia’ che contiene le nuove misure economiche e gli aiuti a famiglie e lavoratori. Il governo ha stanziato 25 miliardi di euro per fare fronte all’emergenza coronavirus.

CORONAVIRUS, SCUOLE CHIUSE: SI VALUTA IL PROLUNGAMENTO

Coronavirus in Lombardia: i numeri aggiornati

L’assessore regionale al Welfare della Lombardia Giulio Gallera ha reso noto che in regione ci sono 14.649 positivi al coronavirus e 1.420 decessi, 202 in più rispetto a ieri. In terapia intensiva sono ricoverate 823 persone, 66 in più rispetto a ieri.

L’assessore ha aggiunto che a Bergamo i contagiati sono 3760, cioè 344 più di ieri, mentre a Brescia sono 2918, con un aumento di 445 in un solo giorno. Solo 42 i nuovi casi nel Lodigiano.

Gallera ha anche annunciato che sarà allestito a Cremona un ospedale da campo con 60 posti letto e 8 di terapia intensiva, donato dalla ong americana ‘Samaritan’s Purse’.

Coronavirus nel Lazio: i numeri aggiornati

Il numero totale dei casi nel Lazio è di 523, i ricoverati sono 267 mentre in terapia intensiva si trovano 31 pazienti. Le persone in isolamento domiciliare sono 174. Il totale dei guariti è 32, mentre il numero dei morti è pari a 19.

Coronavirus in Emilia Romagna: i numeri aggiornati

Sono saliti a 3.522 i casi di positività al coronavirus in Emilia-Romagna, 429 in più rispetto all’aggiornamento di domenica. Nelle ultime 24 ore i decessi sono stati 62 (41 uomini e 21 donne), portando il totale da 284 a 346. In totale sono 1.334 le persone in isolamento a casa (+134), mentre quelle ricoverate in terapia intensiva sono invece 197 (28 in più rispetto a ieri). Sono salite a 88 (+20) le guarigioni.

Quasi 2.500 casi di coronavirus in Veneto

In Veneto il numero totale di positivi al Sars-Cov-2 è salito a 2.541. Secondo l’ultimo bollettino diramato dalla Regione, i decessi sono 76, i ricoverati 546 e i pazienti in terapia intensiva sono 163. Sono state dimesse dagli ospedali 131 persone.

Coronavirus, stop ai collegamenti con la Sicilia

La Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, ha firmato un decreto che prevede la sospensione dei collegamenti e dei trasporti ordinari delle persone da e per la Sicilia per fronteggiare l’emergenza coronavirus. Lo ha annunciato il Mit in una nota, spiegando che la decisione è stata presa a seguito della richiesta avanzata dalla Regione Sicilia.

Le persone possono viaggiare via mare sullo Stretto solo “per comprovate esigenze di lavoro, salute o necessità”, mentre resta regolare il trasporto delle merci. Analoga decisione era stata presa nella giornata di sabato per isolare la Sardegna.

Coronavirus, caso al ministero dell’Ambiente: chiuso 3 giorni

A partire da mercoledì, per 3 giorni, tutto l’edificio del ministero dell’Ambiente verrà chiuso per una sanificazione dopo che un collaboratore esterno di una direzione generale è risultato positivo al coronavirus. Lo ha reso noto il ministero spiegando che il piano dove operava il collaboratore è stato immediatamente isolato e adottate le misure precauzionali.

Coronavirus, frontiere chiuse in sette Paesi europei

Secondo quanto riporta l’Ansa, sono al momento sette gli Stati dell’area Schengen che hanno notificato la loro decisione di chiudere le frontiere interne: Austria, Danimarca, Germania, Lituania, Polonia, Repubblica Ceca, Svizzera e Ungheria.

La presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen ha proposto di introdurre una restrizione temporanea ai viaggi non essenziali verso l’Ue.

Coronavirus, primo morto in Molise

Il primo deceduto in Molise con diagnosi da Covid-19 è un uomo di 82 anni di Termoli, ricoverato nel reparto di terapia intensiva all’ospedale ‘Cardarelli’ di Campobasso e appartenente al cluster epidemiologico di Termoli. Come confermato all”Ansa’ dal presidente della Regione Donato Toma, l’uomo, che soffriva di altre patologie, è morto attorno alle 11.30.

Covid-19 in Piemonte: nuovi decessi

Sale ancora il bilancio delle vittime con coronaviurs in Piemonte. Con 10 nuovi decessi nelle ultime ore, i morti dall’inizio dell’emergenza diventano 121. Lo ha reso noto l’Unità di crisi regionale. I contagi sono invece 1.624, di cui 1.323 in ospedale. In terapia intensiva sono ricoverate 193 persone. I tamponi finora eseguiti sono 5.758.

L’assessore regionale alla Sanità, Luigi Icardi, ha annunciato che sarà pronto in pochi giorni il nuovo ospedale di Verduno, nel Cuneese, di cui la Regione ha anticipato l’apertura per farne il centro di riferimento regionale per l’emergenza coronavirus.

Marche: salgono i pazienti positivi

La Regione Marche ha comunicato gli esiti dei tamponi arrivati nella nottata. Salgono a 1.244 i positivi al coronavirus, con un incremento di 120 casi rispetto a ieri. In totale sono stati analizzati 3.194 campioni. Sono 12 intanto i nuovi decessi, per un bilancio totale di 69 morti.

Coronavirus in Friuli Venezia Giulia: la situazione

Sono salite a 384 le persone risultate positive al Coronavirus in Friulia Venezia Giulia. I decessi sono saliti a 20, tre in più rispetto a domenica. Si tratta di due persone di età superiore agli 80 anni e una di 62, tutte con patologie pregresse. Lo ha reso noto la Regione. Le persone ricoverate in ospedale sono 82, delle quali 15 sono ricoverate in terapia intensiva.

Coronavirus in Toscana: gli aggiornamenti

Il numero dei decessi tra i pazienti colpiti da coronavirus, in Toscana, è salito a 14. Lo ha annunciato la Regione, che ha parlato anche di 85 nuovi casi di pazienti positivi a 24 ore dal precedente bollettino. Con questi, diventano 866 i contagiati totali censiti dall’inizio dell’emergenza.

Coronavirus in Puglia: nuovi decessi

Sono salite a 18 le persone decedute per infezione da coronavirus in Puglia. Lo ha detto il responsabile della task force regionale, Pierluigi Lopalco. In terapia intensiva ci sono 34 persone, i guariti sono 3. “Sono i numeri che ci aspettavamo, è lo scenario su cui stiamo preparando”, ha detto Lopalco.

VACCINO PER IL CORONAVIRUS: PARTE IL TEST SULL’UOMO

Liguria, nuovi decessi da Covid-19

Sono 93 in più le persone positive al coronavirus in Liguria. Il totale della regione è ora 617. Le vittime sono 17 in più, per un totale di 50 dall’inizio dell’emergenza, oltre a due tamponi su salme risultati positivi. Lo ha comunicato la Regione Liguria.

NUOVA CURA ITALIANA A BASE DI PLASMA CONTRO IL CORONAVIRUS

Coronavirus in Valle d’Aosta: seconda vittima

In Valle d’Aosta è stato registrato il secondo decesso dovuto a Covid-19. Secondo quanto riferisce l’Ansa, si tratta di un anziano di Aosta che era stato ricoverato due giorni fa in Rianimazione all’ospedale di Aosta.

Coronavirus in Trentino: i nuovi casi

Sono 440 le persone contagiate da coronavirus in Trentino, 62 in più rispetto a domenica. Di queste, 293 sono state sottoposte a tampone, 147 sono ritenute contagiate. In terapia intensiva sono ricoverate 17 persone. Lo ha reso noto il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti.

Coronavirus in Sicilia, salgono i contagi

Sono salite a 213 le persone trovate positive al coronavirus in Sicilia. Lo ha reso noto la Presidenza della Regione. Dall’inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 2.653. In ospedale sono ricoverati 95 pazienti (18 a Palermo, 42 a Catania, 10 a Messina, 2 ad Agrigento, 3 a Caltanissetta, 4 a Enna, 2 a Ragusa, 8 a Siracusa e 6 a Trapani) di cui 20 in terapia intensiva. 108 sono in isolamento domiciliare, i guariti sono 8 e i deceduti 2.

Coronavirus in Sardegna: nuovi contagi

In Sardegna i casi di positività al Covid-19 sono saliti a 107. I test eseguiti sono stati complessivamente 797, dei quali 666 negativi e 24 attualmente in corso d’accertamento. Il dato dei casi positivi include le due vittime che si sono registrate nell’Isola.

Coronavirus in Umbria: gli aggiornamenti

Sono salite a 164 le persone che sono risultate positive al coronavirus in Umbria, mentre quattro pazienti sono guariti. Lo ha reso noto la Regione. I positivi sono 104 nella provincia di Perugia e 60 in quella di Terni: sono ricoverati in 45, 15 in terapia intensiva. Nel complesso sono stati eseguiti finora 1.093 tamponi. Le persone in osservazione sono 1.995.

TORNA IN ITALIA IL COMANDANTE EROE DELLA DIAMOND PRINCESS

Covid-19 in Abruzzo: la situazione

C’è anche una 12enne tra i 36 nuovi casi di coronavirus accertati nelle ultime ore in Abruzzo. Il totale delle persone positive al Covid-19 sale così a 173. Lo ha reso noto la Regione. La metà dei nuovi casi sono stati registrati nel Pescarese.

L’ALLARME DEI MEDICI: DUEMILA OPERATORI SANITARI CONTAGIATI

Coronavirus, positivo un vescovo francese: era stato dal Papa

Tra le persone affette dal Covid-19 c’è anche monsignor Emmanuel Delmas, vescovo della diocesi di Angers. Il prelato, ha reso noto la diocesi, “ha avvertito i primi sintomi durante il suo soggiorno a Roma”, quando era in visita dal Papa, lo scorso 9 marzo. Il vescovo francese, ora in isolamento, “è affetto in maniera leggera e il suo stato non suscita preoccupazione al momento” ha aggiunto la diocesi.

Coronavirus: l’appello del Papa alle famiglie

Papa Francesco durante la messa a Santa Marta dedica una preghiera agli ammalati e a chi si trova in isolamento: “Penso alle famiglie chiuse. I bambini non vanno a scuola, forse i genitori non possono uscire, alcuni sono in quarantena. Il Signore li aiuti a scoprire nuovi modi, nuove espressioni di amore, di convivenza, in questa situazione nuova”.

“È un’occasione bella per ritrovare i begli affetti con la creatività nelle famiglie. Preghiamo perché i rapporti nelle famiglie in questo momento fioriscano sempre per il bene”, ha concluso il pontefice, che ha camminato per le strade deserte di Roma per raggiungere la chiesa di San Marcello.

FARMACO PER LA COVID-19 TESTATO IN OGNI REGIONE ITALIANA

Coronavirus: dove e quanti sono i contagi in ogni regione

Secondo l’ultimo bollettino della Protezione Civile, i casi positivi sono 10.043 in Lombardia, 2.741 in Emilia Romagna, 1.989 in Veneto, 1.087 nelle Marche, 1.030 in Piemonte, 763 in Toscana, 493 in Liguria, 396 nel Lazio, 316 in Friuli Venezia Giulia, 367 nella Provincia autonoma di Trento, 296 in Campania, 212 in Puglia, 199 nella Provincia autonoma di Bolzano, 179 in Sicilia, 139 in Umbria, 128 in Abruzzo, 75 in Sardegna, 66 in Calabria, 56 in Valle d’Aosta, 17 in Molise e 11 in Basilicata.

CORONAVIRUS: I NUMERI DI EMERGENZA DA FARE IN ITALIA

Pandemia di coronavirus: i casi nel mondo

In Cina il numero di contagi accertati da coronavirus è salito a 80.860, con un tasso di guarigione dell’83,8%. Sono 67.749 i pazienti dimessi dagli ospedali. I decessi sono 3.213. I malati di Covid-19 in condizioni critiche sono 3.032, e sono 9.898 le persone ancora ricoverate e sottoposte a trattamento medico. Ne dà notizia l’Ansa.

Fuori dalla Cina, secondo la Johns Hopkins University, sono 87.000 le persone che hanno contratto il Sars-Cov-2. Per la prima volta il numero di contagi nel mondo ha superato quelli del paese asiatico focolaio del virus, che ha registrato 80.860 casi. Anche le vittime cinesi, 3.208, sono in numero inferiore rispetto agli altri Paesi, che contano 3.241 morti.

Negli Usa i casi di coronavirus hanno superato la soglia dei 4.000 e le vittime sono almeno 70. Il presidente Donald Trump ha dichiarato che la pandemia negli Stati Uniti potrà durare fino a luglio-agosto e l’allarme è quello di una recessione: “La situazione non è sotto controllo”, ha ammesso.

In Francia aumenta il bilancio di vittime contagi, con 148 morti e 6.633 casi confermati di positività al coronavirus. Sono più di 400 le persone ricoverate in condizioni gravi. Il presidente Emmanuel Macron ha annunciato l’isolamento del Paese per 15 giorni. Si potrà uscire di casa “soltanto fare la spesa, per motivi sanitari, andare al lavoro, e per fare un po’ di attività fisica ma senza incontrarsi con altri”. “Siamo in guerra”, ha detto Macron nel solenne discorso alla nazione.

Il livello ufficiale di rischio nel Regno Unito legato al coronavirus è diventato “alto”: lo ha confermato il Foreign Office sul suo sito, aggiornando i dati sui contagi nel Paese a questa mattina a un totale accertato di 1.543 (+171 casi). Il numero dei test eseguiti ha superato invece quota 44.000, con un ritmo giornaliero passato a circa 4.000 tamponi.

La Spagna ha deciso la chiusura delle frontiere per far fronte all’epidemia di coronavirus: a partire dalla mezzanotte potranno entrare nel Paese per via terrestre solo i cittadini spagnoli, gli stranieri per cause di forza maggiore e le merci al fine di garantire la catena si sostentamento. Lo ha annunciato il ministro spagnolo dell’Interno, secondo quanto riferito da ‘El Pais’. Mille i nuovi casi di coronavirus registrati in Spagna in 24 ore, per un totale di 8.744. L’area più colpita è quella di Madrid con 4.675 casi. Sono aumentate anche le vittime, salite a 297.

In Germania sono stati registrati mille nuovi casi in un solo giorno, con un totale di 6.012, come annunciato dall’istituto tedesco Robert-Koch, specializzato nella lotta contro le epidemie. I decessi nel paese sono finora 16.

La Grecia ha disposto nuove misure per il contenimento del contagio: tutti coloro che arrivano dall’estero, cittadini greci compresi, dovranno sottoporsi ad una quarantena di 14 giorni. Inoltre, ha spiegato la portavoce dell’esecutivo Aristotelia Peloni, sono chiuse tutte le attività commerciali non essenziali.

Per far fronte all’emergenza, i partiti del Belgio hanno trovato un accordo per conferire poteri speciali al governo di Sophie Wilmes. L’esecutivo è in carica solo per la gestione degli affari correnti, perché nel Paese sono in corso dal maggio scorso negoziati ed esplorazioni per raggiungere una maggioranza. Nel Paese i contagi accertati hanno superato quota mille e i decessi sono aumentati a 5.

Nuovi contagi in Croazia, dove il totale è salito a 56 secondo i dati dell’Unità di Crisi del Ministero della Sanità. Sotto osservzione sanitaria si trovano circa 4.000 persone. Sospese le lezioni nelle scuole di ogni ordine e grado e delle università.

La Corea del Sud ha registrato 150 nuovi positivi nel week-end, con i numeri del contagio ai minimi da oltre 3 settimane. In tutto, fa sapere il Korea Center for Disease Control and Prevention, il totale di persone che hanno contratto il coronavirus è salito a quota 8.236, di cui 1.137 dimessi dagli ospedali, con una percentuale di guarigione del 13,8%, e 75 decessi. Circa il 61% delle infezioni è attribuito alla Chiesa di Gesù Shincheonji, setta che ha sede a Daegu.

Continuano a salire i casi di contagio in Brasile, arrivati a 200. Tra sabato e domenica il numero dei contagiati ha fatto registrare una crescita di oltre il 70%, soprattutto a San Paolo e Rio de Janeiro. Il governatore dello stato di San Paolo Joao Doria ha ordinato la chiusura “graduale” delle scuole pubbliche, che sarà totale dalla prossima settimana. Scuole chiuse anche a Rio de Janeiro.

Inoltre è salito a 11 il numero dei contagiati tra i membri della delegazione che ha accompagnato il presidente Jair Bolsonaro nel suo viaggio della scorsa settimana in Florida.

In Argentina sono sospese le lezioni fino al 31 marzo. Secondo il ministro della Sanità locale, sono 56 i casi positivi nel Paese. Il 70% è localizzato nella città di Buenos Aires. Lo stato ha chiuso le frontiere, ma il divieto non riguarda né i cittadini argentini né gli stranieri che risiedono sul territorio.

In Cile, dove sono stati finora registrati 75 casi positivi di coronavirus,verranno chiuse le scuole per due settimane. Lo ha annunciato il presidente Sebastián Pinera. Tra le altre misure assunte per far fronte all’avanzata del coronavirus nel Paese, il governo ha deciso di creare delle “dogane sanitarie” alle frontiere, che potrebbero negare l’ingresso nel paese di determinate persone. Coloro che entrano nel paese riceveranno un passaporto sanitario per il monitoraggio. Varato anche il divieto di sbarco delle crociere nei porti del Paese.

In Iran è morto l’ayatollah Hashem Bathay, 78enne membro del Consiglio degli esperti, organo che elegge la Guida suprema della Repubblica Islamica. Sono 12 i politici e alti funzionari persiani morti di Covid-19, con altri 13 che risultano contagiati e in cura. I casi positivi nel Paese sono 14.991, le vittime 724.

In Messico si registra la prima vittima di Covid-19. Si tratta dell’imprenditore Jose Kuri, che era risultato positivo al tampone dopo un viaggio negli Usa.

La Repubblica Ceca ha introdotto la quarantena obbligatoria su tutto il territorio fino al 24 marzo. Chiusi i negozi non essenziali, vietato uscire di casa se non per motivi di lavoro o acquisto di beni di prima necessità. Sono 253 i positivi, di cui 96 a Praga.

La Svizzera ha dichiarato lo stato di emergenza per la pandemia da coronavirus. Durerà fino al 19 aprile.

VirgilioNotizie | 16-03-2020 18:20

Coronavirus, le città al balcone tra canti e striscioni Fonte foto: Ansa
Coronavirus, le città al balcone tra canti e striscioni
,,,,,,,