,,

Addio a Mario Cerciello Rega, lacrime e applausi ai funerali

Sulla bara erano presenti la foto delle nozze e la maglia di Insigne. Il Monsignore: "Che eventi come questo non accadano più!"

I funerali solenni del vicebrigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega, ucciso a Roma nella notte tra giovedì e venerdì, sono stati celebrati dal Mons. Santo Marcianò a Somma Vesuviana nella stessa chiesa dove circa un mese e mezzo fa il carabiniere si era sposato con Rosa Maria Ersilio. Tra le navate, in prima fila, il presidente della Camera Fico e i due vicepremier Di Maio e Salvini. Tra i momenti principali della cerimonia, l’intervento del comandante generale dell’Arma che ha invitato al rispetto e alla riconoscenza. La moglie è intervenuta per una toccante preghiera e ribadire la promessa fatta in quella stessa chiesa. Nel frattempo, emergono le ultime parole del carabiniere dopo l’attacco, ma rimangono dei dubbi sulla ricostruzione del collega.

La diretta dei funerali di Mario Cerciello Rega

13.35 – Con la benedizione del feretro si concludono i funerali solenni di Mario Cerciello Rega.

13.30 – La moglie del vicebrigadiere, Rosa Maria, legge con voce commossa una preghiera per le mogli dei carabinieri: “Ci vuole un cuore particolarmente forte, capace di accettare le separazioni, di continuare a lottare”.

13.23 – La richiesta del comandante è duplice: “Rispetto e riconoscenza. Evitiamo la dodicesima coltellata al cuore di Mario. Stiamo attenti con i toni”. In quanto alla riconoscenza, dichiara: “Mario è intervenuto anche se fuori servizio, siamo riconoscenti”.

13.20 – Il comandante generale dell’Arma: “Non è il grado che fa la grandezza di una persona, ma l’impegno. Era uno sposo felice – 43 giorni sono una vita se vuoi che sia una vita vissuta – era un capo famiglia, un volontario dell’Ordine di Malta. Mario aveva la stessa età di mia figlia, allora non posso dire nient’altro su di lui”. Così il comandante chiude leggendo una poesia di Pascoli, “la Piccozza”.

13.15 – “Cosa si può dire di Rega, morto a soli 35 anni?” Spiega il comandante generale dell’Arma. “A 24 anni ha fatto la scelta di indossare la divisa e nel frattempo gli è venuto a mancare il papà. Così è diventato il capo famiglia ed è andato avanti. Roma era il suo destino”.

13.12 – Il comandante generale dell’Arma prende la parola: “Vi abbraccio tutti, perché noi siamo parte di voi così come era Mario”. Aggiunge: “Cercheremo di starvi vicino perché è quello che si fa in una famiglia”.

13.10 – I carabinieri in alta uniforme porgono una preghiera davanti alla bara di Mario Rega invocando la “fedeltà fino alla morte” e commuovono i presenti.

13.00 – L’Eucarestia viene distribuita anche all’esterno della chiesa, dove la folla ha in mano palloncini bianchi per l’ultimo saluto a Rega.

12.50 – Sulla bara di Mario Cerciello Rega è ben visibile la foto delle nozze del vicebrigadiere, celebrate nella stessa chiesa un mese e mezzo fa.

12.45 – La piazza esterna è sempre più piena, con altre persone che continuano ad arrivare.

12.40 – “Dobbiamo imparare da Mario l’amore per lo Stato e il bene comune” spiega il Mons. Santo Marcianò.

12.38 – “Cara Maria Rosaria, mamma Silvia, fratello Paolo, sorella Lucia”, il Monsignore si rivolge così alla famiglia per consolarla. “Il cielo era il vero segreto di Mario”.

12.36 – Il Monsignore si appella ai giovani: “Siete ricchi di potenzialità come Mario, il suo sorriso testimonia una non comune capacità di donare gioia e amore. Ci ha offerto una lezione indimenticabile che ha fermato l’Italia intera”. Ha anche invitato i giovani a non fare uso di droghe.

12.32 – “Che eventi come questo non accadano più!” esclama il celebrante, seguito da un applauso dei convenuti. “Mario ha creduto che non c’è giustizia senza rispetto della vita. Ha saputo vivere e morie per custodire la vita altrui, incarnando alla perfezione la figura del carabiniere” continua l’officiante.

12.30 – “Oggi non avremmo voluto essere qui, nella stessa chiesa del suo matrimonio” dice il Monsignore. “Mario aveva scelto per il suo matrimonio la data di Sant’Antonio per sentirsi più vicino a suo padre, che è in cielo”.

12.20 – Il Mons. Santo Marcianò apre la cerimonia con un “grande grazie al Signore” per “averci fatto conoscere” Mario Cerciello Rega.

12.10 – La salma del vicebrigadiere è stata accolta caldamente anche all’interno della chiesa, con un sentito applauso dei presenti.

12.04 – Il feretro di Mario Cerciello Rega è stato accolto da un lungo applauso della folla sul piazzale esterno.

11.55 – Sono oltre mille le persone presenti per l’ultimo saluto al vicebrigadiere Mario Cerciello Rega. Quattrocento sono riuscite a entrare in chiesa, altre 600 si trovano all’esterno.

11.30 – La Rai, che trasmette la diretta della cerimonia, ha osservato un minuto di silenzio a reti unificate.

11.00 – Sono circa 400 le persone già presenti nella chiesa di Santa Croce di Santa Maria del Corso, come riporta Ansa, in attesa dell’inizio dei funerali del vice brigadiere Mario Cerciello Rega.

VIRGILIO NOTIZIE | 29-07-2019 11:32

Funerali del carabiniere ucciso, tra folla e applausi Fonte foto: Ansa
Funerali del carabiniere ucciso, tra folla e applausi
,,,,,,,