,,

Sardine, il movimento anti-Salvini si espande da Nord a Sud

Da Nord a Sud, il movimento delle "sardine" si espande sempre più ed è pronto alla protesta contro Matteo Salvini

Dopo Bologna e Modena le “sardine” si mobilitano ed espandono il movimento in altre città d’Italia. Da Rimini a Reggio Emilia, scendendo per Firenze, Sorrento e Benevento, le manifestazioni contro la Lega e Matteo Salvini sono pronte a prendere il via.

La prossima manifestazione prevista sarà a Sorrento dove, giovedì 21 novembre, è stata organizzata l’iniziativa “Sorrento non abbocca” in occasione dell’arrivo del leader della Lega in città. Si definiscono “figli delle sardine bolognesi”, ma preferiscono essere chiamati “fravagli“, termine dialettale per indicare il pescato di piccolo taglio.

Un incontro che sarà di protesta, ma che avrà anche un obiettivo ben chiaro: “Ognuno è invitato a scegliere un libro e portarlo con sé per ‘donarlo’ simbolicamente all’ex ministro. Un libro, scelto dai partecipanti, verrà anche fisicamente donato a Salvini” fa sapere “Sorrento non si Lega”, pagina Facebook dalla quale è nata l’idea della protesta all’arrivo di Salvini.

Nel comunicato diffuso dagli organizzatori si legge: “Siamo Antonino, Laura, Mohammed, Marta, Michele, Liliana, Paolo, Francesca e potremmo continuare con altre centinaia di nomi, perché abbiamo soltanto deciso di convogliare, in un luogo di incontro, un sentimento popolare diffuso. #SorrentoNonAbbocca è chiaramente un appuntamento “politico” ma totalmente apartitico. Chiunque è benvenuto ma chiediamo che non siano portati bandiere e/o simboli di partito”.

Poi, a chi punta il dito contro il movimento, precisano: “Nessuno vuole impedire a Salvini di esprimere le sue opinioni nella conferenza stampa organizzata, anche per questo è stata scelta una location leggermente distante, così come per le altre piazze delle “sardine” d’Italia. Vogliamo, però, ribadire il nostro totale disaccordo con la sua “politica” e le sue “idee”. Ci incontriamo perché alla politica della paura, dell’odio, dei muri preferiamo rispondere con l’incontro, la cultura, l’ironia”.

Sardine, Salvini accoglie positivamente il movimento

Presente a Terni, a margine di una conferenza stampa il leader della Lega Matteo Salvini ha promosso il movimento nato per protestarlo: “Mi piacciono questi ragazzi, danno valore e importanza ad ogni mia presenza. Nelle prossime occasioni mi propongo di andarli a salutare e ringraziare perché sono un valore aggiunto”.

“La partecipazione è sempre bella e se ad ogni mia presenza corrisponde una manifestazione contro, vuol dire che ogni mia presenza non passerà inosservata. Andrò piazza per piazza a dargli la mano, non vedo l’ora” ha concluso Salvini.

Sardine contro Salvini, Emilia Romagna in fermento

Anche a Reggio Emilia è previsto un flash mob dal titolo ‘Non si Lega‘, in programma per sabato nonostante non sia prevista una visita elettorale di Matteo Salvini. Nella città emiliana il leader del Carroccio ha già fatto tappa il 9 novembre scorso. L’appuntamento è previsto alle 18.30 in Piazza Prampolini davanti al Municipio, cuore del centro storico reggiano.

A organizzare l’evento un gruppo di dieci persone tra cui Stefano Salsi, di professione comunicatore, che ha spiegato all’Ansa i motivi della manifestazione: “Abbiamo percepito la voglia di scendere in piazza anche a Reggio e di riappropriarci della nostra città. Tutto ciò era qualcosa che mancava da tempo. L’obiettivo è essere in tanti, stretti come sardine e tutti col sorriso”.

“Salvini è già stato a Reggio e sabato non ci sarà? Questo depone a nostro favore in un certo senso perché significa che non c’è una strategia, ma semplicemente la voglia di esserci” ha sottolineato Salsi. Così come a Sorrento, anche a Reggio Emilia è stato chiesto di non portare bandiere o simboli di partito.

L’ideatore dell’evento ha poi proseguito: “Ci troveremo con la pioggia o con il vento per ricordare a tutti che l’Emilia non è quella che racconta Matteo Salvini, che l’Emilia non è una terra di odio e di razzismo ma una terra di pace, fratellanza, tradizioni e valori della Resistenza che non abbiamo dimenticato. Noi giovani reggiani scendiamo in piazza per dire no a questa destra estrema in nome di quello in cui crediamo”.

Domenica 24, alle ore 17, sarà invece il turno di Rimini dove sarà presente Matteo Salvini. Come si legge nella convocazione delle “sardine” su Facebook, l’evento sarà in contemporanea con la visita in città del leader della Lega che “insieme alla sua candidata ombra inaugurerà la nuova sede della Lega a Rimini, facendo passare il messaggio che la Romagna è ormai presa”. Il titolo dell’evento è ‘Rimini non abbocca (Pesce palla in arrivo)‘.

“Salvini e la sua macchina del marketing hanno già dichiarato che il capitan Pesce Palla verrà in piazza a ‘conoscere’ le sardine. Quindi oltre alla vostra sardina, preparate un bel pesce palla da regalargli” l’invito del movimento. Poi il consiglio: “E poi giù di selfie così è contento. Tutto rigorosamente in silenzio. Nessuna bandiera, nessun insulto, nessuna violenza perché fa più rumore un mare in silenzio che un pirata che urla”.

Sardine, si manifesta anche a Roma

Il movimento delle “sardine” si mobilita anche a Roma anche se l’organizzazione appare più complicata che nelle prime esperienze di Bologna e Modena. Sarebbero infatti due i gruppi pronti ad organizzare la manifestazione.

Un gruppo che si raduna sulla pagina Facebook chiamata “Sardine romane all’arrembaggio” sta infatti organizzando un flash mob per questo sabato, 23 novembre, in piazza Testaccio ma contemporaneamente anche il gruppo “Sardine di Roma” si sta muovendo per una grande manifestazione da organizzare a dicembre: probabilmente il 21 anche se la data non sembra ancora definitiva.

Neppure la piazza è ancora ufficiale anche se l’obiettivo per ora sembra quello di piazza San Giovanni. Questo secondo gruppo su Fb, creato oggi, ha già oltre 12 mila iscritti.

Sardine contro Salvini, appuntamento anche a Firenze

Cresce l’attesa anche a Firenze dove Salvini è atteso sabato 30 novembre per una cena con mille militanti del Carroccio per dare il via ufficiale alla campagna in vista delle elezioni regionali della primavera del 2020. Come già accaduto a Bologna e a Modena, anche nel capoluogo toscano scenderanno in piazza le ‘sardine’ con lo slogan “La Toscana non si Lega“. Dalle 18.30 alle 19,30 è l’orario indicato della manifestazione. Ancora il luogo esatto della manifestazione non è stato scelto, anche si ipotizza piazza della Repubblica, nel centro storico.

L’iniziativa delle ‘sardine’ fiorentine è stata lanciata su Facebook da Bernard Dika, 21 anni, ex millennials della direzione Pd quando il segretario del partito era Matteo Renzi. “Senza bandiere e fumogeni, insieme da semplici cittadini per una Toscana che non si lega!”, ha scritto Dika che compare tra i promotori insieme a Matilde Sparacino, Danilo Maglio, Cristiano Atticciati.

L’evento organizzato su Facebook interessa ad ora 25.208 persone e 7.389 persone dichiarano che parteciperanno. “Perché Salvini può dire che prenderà la Toscana e tutti noi stiamo zitti? Incontriamoci in piazza e arriviamo da tutta la Toscana. Per incontrarci, stare insieme come comunità oltre bandiere e partiti. Senza violenza e odio, senza fumogeni o sassi”.

Tentativi di protesta anche a Benevento dove, per dire no alla politica dell’odio, è nato anche il gruppo delle “sardine” sannite col nome “AAA Sardine Sannite Cercasi“. L’idea è partita da Annachiara Palmieri ed Elide Apice e sinora ha raccolto l’adesione di circa 320 persone.

VIRGILIO NOTIZIE | 19-11-2019 18:30

Sardine: in 7mila in Piazza Grande a Modena contro Matteo Salvini Fonte foto: Ansa
Sardine: in 7mila in Piazza Grande a Modena contro Matteo Salvini
,,,,,,,