,,

Sanzioni alla Russia, Usa e Unione Europea si muovono sulla crisi in Ucraina: quali sono le prime misure

Stati Uniti, Unione Europea e Regno Unito annunciano sanzioni contro la Russia per l'escalation in Ucraina: quali sono le misure adottate

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

La reazione della comunità internazionale non si è fatta attendere dopo l’annuncio del presidente russo Vladimir Putin di riconoscere l’indipendenza delle autoproclamate repubbliche separatiste di Donetsk e Luhansk e l’ingresso delle truppe russe nel Donbass, nell’Ucraina orientale. Unione Europea, Stati Uniti e altri Paesi alleati hanno annunciato che imporranno sanzioni economiche mirate alla Russia.

Cosa sono le sanzioni

Le sanzioni sono misure decise da Stati e istituzioni internazionali nei confronti di Paesi, organizzazioni e singoli individui. Si tratta di uno strumento di pressione politica ed economica volto a punire violazioni del diritto internazionale e atteggiamenti aggressivi.

L’obiettivo delle sanzioni è quello di indurre un cambiamento nella politica e nei comportamenti del Paese designato, per evitare escalation e conflitti.

Le sanzioni sono generalmente di carattere economico e possono assumere varie forme: restrizioni commerciali, restrizioni finanziarie al movimento di capitali, divieto di vendita di armi, riduzioni degli aiuti dall’estero, limitazioni al movimento delle persone.

Le sanzioni degli Stati Uniti alla Russia

I primi a muoversi contro la Russia in risposta al riconoscimento delle due repubbliche separatiste in Ucraina sono stati gli Stati Uniti. Il presidente Joe Biden ha vietato la vendita e la fornitura di beni, servizi e tecnologie dagli Usa alle due autoproclamate repubbliche di Donetsk e Luhansk.

Un primo tassello di un quadro più ampio di sanzioni economiche che Biden ha annunciato nella serata di martedì 22 febbraio. “Sono sanzioni strettamente coordinate con i nostri alleati e partner, ci sarà un’escalation di sanzioni per ogni escalation della Russia”, ha affermato il presidente statunitense.

Le sanzioni decise dagli Usa vanno a colpire le istituzioni finanziarie russe, il debito sovrano russo, gli oligarchi e i parlamentari e e le loro famiglie. “Ci sono anche ampie sanzioni contro il debito sovrano russo – ha detto Biden – ciò significa che tagliamo il governo russo fuori dal finanziamento occidentale. Non può più prendere denaro in occidente e non può negoziare il suo debito sui mercati”.

“Imponiamo sanzioni anche alle elite russe e le loro famiglie. Condividono il guadagno corrotto delle politiche del Cremlino e devono condividerne i dolori”, ha aggiunto Biden.

Ucraina-Russia, le sanzioni dell’Unione europea

Anche l’Unione Europea ha annunciato che imporrà un pacchetto di sanzioni economiche mirate alla Russia. L’Alto rappresentante Ue per gli Affari esteri Josep Borrell ha dichirato che le sanzioni riguardano soggetti che hanno contribuito a danneggiare la “sovranità e l’integrità” dell’Ucraina, e che operano in vari settori, dall’economia all’informazione.

Sanzioni alla Russia, Usa e Unione Europea si muovono sulla crisi in Ucraina: quali sono le prime misure
 L’applauso dei parlamentari russi per il riconoscimento delle repubbliche del Donbass

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato che con queste misure l’Ue vuole limitare la capacità della Russia di ottenere capitali finanziari sui mercati europei.

Borrell ha spiegato che tra i destinatari delle sanzioni europee ci sono anche i 351 deputati della Duma – la camera bassa del parlamento russo – che hanno votato a favore del riconoscimento delle repubbliche separatiste del Donbass.

Tra le misure adottate singolarmente dai singoli Paesi membri c’è poi la decisione della Germania di sospendere il processo di certificazione del gasdotto Nord Stream 2, a lungo contestato da Ucraina e Stati Uniti.

LO SPECIALE SULLA CRISI IN UCRAINA: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Ucraina-Russia, le risposte degli altri Paesi

Diversi altri Paesi alleati di Usa e Ue hanno annunciato sanzioni contro la Russia per l’escalation militare in Ucraina. Il primo ministro britannico Boris Johnson ha annunciato una prima tranche di sanzioni contro la Russia che riguardano cinque banche: Rossiya, Is Bank, General Bank, Promsvyazbank e Black Sea Bank.

Dal Regno Unito sanzioni anche nei confronti di tre oligarchi russi, Gennadj Timchenko, Boris Rotenberg e Igor Rotenberg: non sarà permesso loro entrare nel Paese e ai cittadini o alle organizzazioni britanniche sarà vietato trattare con loro.

A Usa, Ue e Regno Unito si sono aggiunti Canada e Giappone. Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha annunciato sanzioni che prevedono il divieto per i cittadini canadesi di intrattenere rapporti finanziari con i due territori controllati dai ribelli nell’Ucraina orientale.

“Vieteremo ai canadesi di impegnarsi in acquisti di debito sovrano russo. E applicheremo ulteriori sanzioni alle banche russe sostenute dallo stato e impediremo qualsiasi rapporto finanziario con loro”, ha detto Trudeau.

Sanzioni anche dal Giappone: il premier Fumio Kishida ha annunciato che le autorità monetarie sospenderanno l’emissione e il commercio di nuovi titoli sovrani russi in Giappone; deciso anche lo stop al commercio proveniente dai due territori del Donbass e il congelamenti degli asset individuali dei funzionari delle due regioni repubbliche separatiste.

Contraria alle sanzioni contro la Russia è la Cina: il portavoce del ministero degli Esteri di Pechino ha dichirato che la via delle sanzioni non è quella migliore da percorrere per risolvere i problemi, augurandosi che tutte le parti coinvolte cerchino di risolvere la questione attraverso il dialogo e mantenendo la calma.

Donbass, dove si trova e perché Russia e Ucraina combattono una guerra dal 2014, tra stragi e negoziati Fonte foto: ANSA
Donbass, dove si trova e perché Russia e Ucraina combattono una guerra dal 2014, tra stragi e negoziati
,,,,,,,,