,,

Crisi governo, chi sono i responsabili? I numeri per il Conte ter

Quanti senatori occorrono al premier Giuseppe Conte per formare un nuovo governo? Esistono davvero i "responsabili"? Facciamo il punto

Matteo Renzi, che è stato tra i fautori del Conte bis per evitare che le redini del Paese cadessero nelle mani di Salvini che nell’agosto 2019 chiedeva “pieni poteri”, ha a sua volta aperto a una nuova crisi ritirando le ministre di Italia Viva. Ma come potrebbe il premier Giuseppe Conte rimanere a galla e far nascere un Conte ter?

Chi sono i responsabili? Le ipotesi (non confermate)

Al momento, gli emissari di Palazzo Chigi sarebbero a caccia dei cosiddetti “responsabili”: le ipotesi circolate negli ultimi giorni punterebbero a Gregorio De Falco e Mario Giarrusso, due ex M5s del gruppo Misto spesso in accordo con la maggioranza. Poi ci sarebbero anche 3 senatori dell’Udc e i 3 di Cambiamo. Si è ipotizzato, senza alcuna conferma, anche il supporto di alcuni senatori in uscita da Forza Italia.

La conta è iniziata già da diversi giorni ma per ora nessuno si è fatto avanti. Lo stesso Renzi, durante la conferenza stampa in cui ha annunciato le dimissioni di Bellanova e Bonetti, era scettico sull’esistenza dei responsabili e in ogni caso ha rivendicato di non sostenere questa soluzione.

Ipotesi dimissioni di Conte: spunta una data

Il premier Giuseppe Conte, come riporta il Corriere della Sera, non sarebbe intenzionato a dare le dimissioni prima del 20 gennaio, per permettere l’avanzamento dei lavori con l’approvazione di provvedimenti come scostamento di bilancio e decreto ristori.

Nei giorni scorsi il premier, comunque, ha manifestato l’intenzione di voler continuare a lavorare per il Paese “fino alla fine” e ha commentato con rammarico la decisione di Renzi.

Quanti senatori servono a Conte per un nuovo governo

Ma quanti numeri occorrono a Conte per riformare il governo? Il problema non si pone tanto alla Camera, dove il Movimento 5 Stelle resta saldo, ma al Senato: attualmente Conte ha il supporto di M5s (92 senatori), Pd (35), Leu (5), Autonomie (6), altri 9 senatori del gruppo Misto (Buccarella, Cario, De Bonis, Di Marzio, Fantetti, Fattori, Lonardo, Merlo, Ruotolo). Senza i 18 senatori renziani, quindi, 147 voti, ai quali ne mancherebbero 11 per arrivare alla maggioranza.

Con il totale di 158 voti, la maggioranza sarebbe sì lecita ma poco stabile. Fermo restando che potrebbe aprirsi una crepa tra i 18 senatori renziani e qualcuno potrebbe scegliere di sostenere un Conte ter.

VirgilioNotizie | 14-01-2021 13:21

Crisi di governo, Renzi ritira le ministre. Le reazioni Fonte foto: ANSA
Crisi di governo, Renzi ritira le ministre. Le reazioni
,,,,,,,