,,

Tamponi rapidi, trasporti e lockdown: Conte fa chiarezza

Il premier Giuseppe Conte è intervenuto alla Camera per fare chiarezza sul Dpcm, i tamponi rapidi e il dl ristori

Il premier Giuseppe Conte è intervenuto durante il Question Time alla Camera per parlare del dl ristori e delle novità in merito alla gestione della pandemia di coronavirus in Italia. In particolare, come riporta l’Ansa, il premier ha fatto riferimento alle “misure di sostegno immediato“, destinate “anche a lavoratori e imprese non direttamente interessati” dalle limitazioni dell’ultimo Dpcm.

Conte, 30 milioni di euro per i tamponi rapidi

Inoltre, Conte ha parlato del dispiegamento di “30 milioni di euro” per i tamponi rapidi somministrabili da medici di base e pediatri. “Nel momento in cui vi parlo, credo sia stato annunciato il rinnovo del contratto di categorie che faciliterà proprio, tra le clausole inserite, il coinvolgimento di medici di base e pediatri di libera scelta nella somministrazione dei tamponi”, ha detto il premier.

Conte sul lockdown e le priorità del governo

Conte è tornato sulle motivazioni che hanno portato alla firma dell’ultimo Dpcm, precisando che “preservando la salute pubblica si preserva anche il tessuto produttivo dei cittadini”. La priorità del governo, infatti, è quella di assicurare la tenuta del sistema sanitario nazionale, scongiurando contemporaneamente l’ipotesi di un nuovo lockdown generalizzato che comprometterebbe l’economia del Paese già messa a dura prova.

Il Comitato tecnico scientifico ha stilato quattro scenari per la seconda ondata in Italia, e il premier Conte ha riconosciuto che in questo momento ci troviamo nello scenario di tipo 3. “Lo studio prevede possibilità di interruzione di alcune attività particolarmente a rischio – ha detto Conte – anche su base oraria, possibilità di lezioni scaglionate per la scuola, incremento dello smart working per decongestionare i trasporti”.

Conte: “Il Cts ha approvato il Dpcm”

In merito al coinvolgimento del Cts, Conte ha assicurato che il governo si è attenuto proprio a tali misure. “Il governo, nella giornata di sabato, ha inviato una bozza del Dpcm al Cts sollecitando un parere sul merito e il Cts, dopo ampia analisi, ha condiviso i provvedimenti inseriti nel testo”, ha aggiunto Conte.

“Siamo consapevoli che sono misure severe – ha sottolineato il premier – ma sono necessarie a contenere i contagi. Diversamente la curva epidemiologica è destinata a sfuggirci completamente di mano”.

Conte e trasporti: “Il Mit sta valutando l’incremento delle corse”

Quanto al tema dei trasporti, molto dibattuto in quanto rappresentano una delle occasioni in cui si creano assembramenti, Conte ha riferito che “il Mit sta valutando l’incremento del numero di corse” in contemporanea con gli orari dove “l’afflusso è maggiore”. Parallelamente, le limitazioni del Dpcm sono finalizzate “ad alleggerire i flussi nei trasporti”.

VIRGILIO NOTIZIE | 28-10-2020 15:49

Covid, il nuovo Dpcm è davvero efficace? Cosa dicono gli esperti Fonte foto: ANSA
Covid, il nuovo Dpcm è davvero efficace? Cosa dicono gli esperti
,,,,,,,