,,

Vaccino Covid, prime vaccinazioni in Italia: annunciata la data

Secondo Anthony Fauci, a metà dicembre potrebbero partire le prime vaccinazioni anti Covid anche in Italia

C’è una data per l’inizio delle vaccinazioni anti Covid in Italia. A svelarla è stato Anthony Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, nel corso di un’intervista a ‘La Stampa’: “Le vaccinazioni contro il Covid potrebbero prendere il via tra il 12 e il 15 dicembre 2020 negli Stati Uniti d’America, ma anche in Italia. Questo dovrebbe spingerci ad adottare subito con maggior serietà le misure per frenare i contagi. Quanto state facendo in Italia è giusto, ma forse bisognerà tenere chiusi bar e ristoranti e passare il Natale a casa solo con i familiari stretti”.

Fauci ha poi spiegato: “C’è ancora un po’ di confusione sui dosaggi di AstraZeneca, quindi è prematuro giudicare. Pfizer invece ha chiesto l’autorizzazione d’emergenza e presto lo farà pure Moderna. Ci aspettiamo, anche se non è garantito, che a metà dicembre, tra il 12 e il 15, avremo le prime dosi disponibili. Di sicuro negli Stati Uniti la distribuzione partirà prima di fine anno”.

Sulla possibilità che ciò avvenga anche in Europa e in Italia, l’esperto ha chiarito: “Penso di sì, perché Moderna e Pfizer hanno firmato contratti anche con la Unione Europea. La decisione finale spetta alle aziende e le autorità locali, ma la mia impressione è che siano pronte”.

Per quanto riguarda l’efficacia dei vaccini russi e cinesi, Fauci ha detto: “Ho sentito affermazioni di una efficacia significativa. È possibile, però servono dati che io non ho visto“.

Questo, invece, è il messaggio di Fauci agli scettici sul vaccino: “Bisogna parlare con la comunità, spiegando che il processo per sviluppare il vaccino e determinarne sicurezza ed efficacia è stato indipendente da qualsiasi manipolazione politica“.

Sul ritorno alla normalità, l’esperto ha spiegato che questo sarà possibile “quando avremo vaccinato la maggioranza della popolazione che vuole farlo, verso la fine del secondo trimestre del 2021, cioè tra la primavera e l’estate. In autunno non saremo ancora alla normalità completa, ma quasi”.

Ancora Fauci: “È decisivo che si vaccini la maggioranza della popolazione, perché altrimenti l’epidemia continua a l’operazione fallisce. Di che percentuale parliamo? Non lo sappiamo con certezza, ma attorno al 70%. Prendiamo il vaccino per noi, le nostre famiglie e la società”.

VirgilioNotizie | 24-11-2020 08:22

Vaccino Pfizer, Moderna, AstraZeneca: come funzionano Fonte foto: Ansa
Vaccino Pfizer, Moderna, AstraZeneca: come funzionano
,,,,,,,