,,

Spostamenti liberi, nuove ordinanze: le regole per Regione

I governatori di Lazio, Campania e Puglia hanno firmato delle ordinanze per gestire gli spostamenti fra Regioni

Con il via libera agli spostamenti fra Regioni, emergono le prime differenze in base alle ordinanze firmate dai singoli governatori. Infatti, nella tarda serata di ieri, sono arrivati in particolare i provvedimenti di tre Regioni, Lazio, Campania, Puglia e Sardegna, firmati dai rispettivi governatori Nicola Zingaretti, Vincenzo De Luca, Michele Emiliano e Christian Solinas. Ne dà notizia l’Ansa.

Spostamenti fra Regioni, l’ordinanza del Lazio

Secondo un’ordinanza firmata dal governatore del Lazio Nicola Zingaretti, non potranno entrare in Regione – e non si potranno spostare sul territorio regionale – coloro che presentano sintomi “da infezione respiratoria e febbre maggiore di 37,5°“.

“Ai sensi del dpcm del 26 aprile 2020 – si legge nell’ordinanza -, devono rimanere presso il proprio domicilio e limitare al massimo i contatti sociali, contattando il proprio medico curante”.

Stop anche ai “soggetti già sottoposti a sorveglianza sanitaria attraverso isolamento fiduciario”.

Spostamenti fra Regioni, l’ordinanza in Campania

I viaggiatori in arrivo alle stazioni ferroviarie della Campania o in aeroporto, come si legge nell’ordinanza firmata dal governatore Vincenzo De Luca, dovranno sottoporsi da oggi alla rilevazione della temperatura corporea e, in caso di temperatura pari o superiore a 37,5 gradi, a test rapido Covid-19 ed eventuale tampone.

Secondo il provvedimento, inoltre, tutte le persone provenienti dalle altre regioni italiane o dall’estero hanno l’obbligo, in caso di comparsa di sintomi, di avvertire immediatamente il Dipartimento di prevenzione della ASL e il proprio medico.

Spostamenti fra Regioni, cosa cambia in Puglia

Chi arriva in Puglia da oggi, 3 giugno, avrà l’obbligo di segnalarsi ma non più di fare la quarantena domiciliare. A stabilirlo è un’ordinanza firmata in serata dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano.

“Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus Covid-19 – si legge nell’ordinanza – si dispone che con decorrenza dal 3 giugno 2020, tutte le persone fisiche che si spostino, si trasferiscano o facciano ingresso in Puglia, da altre regioni o dall’estero, con mezzi di trasporto pubblici o privati segnalino lo spostamento, il trasferimento o l’ingresso mediante compilazione del modello di auto-segnalazione disponibile sul sito istituzionale della Regione Puglia; dichiarino il luogo di provenienza ed il comune in cui soggiornano”.

Inoltre, per chi arriva in Puglia c’è l’obbligo di conservare un modulo sullo stato di salute “per un periodo di trenta giorni” con “l’elenco dei luoghi visitati e delle persone incontrate durante il soggiorno”.

Sardegna, obbligo di registrazione per gli arrivi

Per chi arriva in Sardegna la registrazione è obbligatoria, non volontaria. Con un questionario verranno tracciati anche gli eventuali spostamenti interni.

Il questionario si compila direttamente on line sul sito della Regione prima della partenza, o attraverso la app “Sardegna Sicura” per il tracciamento dei contatti su base volontaria. L’ordinanza è stata firmata ieri a tarda notte dal governatore Christian Solinas. Alla carta d’imbarco e al documento d’identità andrà allegata una copia della ricevuta della registrazione.

VIRGILIO NOTIZIE | 03-06-2020 07:10

Spostamenti fra Regioni, prime partenze da Milano Centrale Fonte foto: Ansa
Spostamenti fra Regioni, prime partenze da Milano Centrale
,,,,,,,