,,

Si presentava come "sensitivo e guaritore", 37enne indagato a Brindisi: vendeva anche amuleti "curativi"

L'indagato è titolare di un'attività commerciale. Praticava anche la cartomanzia, affiancandola alle previsioni astrologiche e alle premonizioni

Pubblicato il:

Avrebbe svolto la professione di psicologo e psicoterapeuta senza averne i requisiti. L’uomo, un 37enne di Mesagne, in Provincia di Brindisi, è accusato di esercizio abusivo della professione. Avrebbe utilizzato i social media per pubblicizzare la propria attività di “sensitivo e guaritore”, presentandosi come persona in grado di ascoltare e offrire supporto psicologico.

L’accusa

L’uomo dichiarava di essere in grado di risolvere problemi, quasi sempre legati alla sfera sentimentale o a motivi di salute.

Invitava altresì le vittime, provenienti anche da diverse città della provincia brindisina, ad acquistare amuleti dalle proprietà curative potenti.

Attività durata mesi

Quest’attività, secondo quanto riportato dall’agenzia Adnkronos, sarebbe andata avanti per lungo tempo, secondo quanto emerso dalle indagini degli agenti del Commissariato di Mesagne.

L’uomo avrebbe svolto abusivamente atti tipici della professione di psicologo e psicoterapeuta che, secondo normativa, sono riservati agli iscritti al relativo albo che abbiano conseguito l’abilitazione, dopo la laurea in medicina o in psicologia e i corsi di specializzazione.

Le indagini

Gli investigatori hanno lavorato per oltre sei mesi sul caso, in seguito ad alcune segnalazioni giunte in commissariato da alcuni cittadini.

carabinieriFonte foto: ANSA
L’uomo è accusato di esercizio abusivo della professione

Dalle indagini è emerso che l’indagato, avrebbe anche praticato la cartomanzia oltre alle previsioni astrologiche e alle premonizioni.

Negli ultimi mesi, sono diverse le notizie provenienti dalla provincia di Brindisi che hanno avuto un eco nazionale. A Villa Castelli, comune di circa 9mila abitanti in provincia di Brindisi, nella mattinata di giovedì 1 settembre, una donna di 47 anni, Giuseppina Fumarola, è stata uccisa a colpi di arma da fuoco dal suo ex compagno 52enne, Vito Sussa.

Lunedì 18 luglio 2022, questa volta a Francavilla Fontana, comune di 35 mila abitanti nella provincia di Brindisi, una donna di 41 anni avrebbe fatto bere al figlio di 6 un mix detersivi prima di gettarsi dal terzo piano.

Brindisi Fonte foto: IPA
,,,,,,,,