,,

Scuola, ritorno in classe: c'è la data. La reazione di Azzolina

Gli studenti delle scuole superiori torneranno in classe il 7 gennaio: la reazione della ministra Lucia Azzolina

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

Via libera al ritorno in classe degli studenti a partire dal 7 gennaio. L’annuncio io è arrivato dalla Conferenza Unificata. Regioni, Comuni e Province hanno firmato, come riporta Ansa, l’intesa col Governo sulle linee guida per la ripresa della scuola. Previsti un rafforzamento del sistema di tracciamento per le scuole, ulteriore scaglionamento degli orari di scuole, uffici e negozi, potenziamento del trasporto locale.

Accolta la richiesta di Regioni e Province: studenti delle superiori in classe al 50%, per poi gradualmente al 75%. Ma la ministra Lucia Azzolina avrebbe chiesto “massima collaborazione e l’impegno ad evitare nuove chiusure”. Nel testo la sospensione dell’attività didattica in presenza diventa eventualità solo ‘residuale’.

Scuola, il 7 si torna in classe: la reazione di Azzolina

Felice per l’intesa siglata con Regioni, Province, Comuni. Studentesse e studenti delle scuole secondarie finalmente potranno tornare a scuola. Ce lo avevano chiesto. È giusto che possano farlo grazie all’impegno di tutte le istituzioni coinvolte”. Lo ha dichiarato con un tweet la ministra per l’Istruzione Lucia Azzolina.

Reazioni positive anche dal presidente dell’Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro: “La scuola superiore riapre il 7 gennaio. È un bene per tutti, senza distinzioni. Lavoriamo per assicurare le migliori condizioni possibili e per garantire sicurezza ai ragazzi e tranquillità alle loro famiglie”.

“L’intesa raggiunta ora in Conferenza Unificata sul rientro a scuola in presenza degli studenti delle superiori al 50% – ha detto il Presidente dell’Upi Michele de Pascale è il risultato positivo della della collaborazione tra Governo, Regioni, Province e Comuni. Per le Province, che gestiscono le 7.500 scuole superiori è un risultato importante. Si tratta di riportare i ragazzi in classe al più presto con equilibrio, gradualità e in piena sicurezza. Grazie al Governo per avere compreso la correttezza della nostra richiesta e a Regioni e Comuni per averci sostenuti” Lo dichiara  al termine della Conferenza Unificata.

Maya non si ferma: la tenace protesta e l'appello per la scuola Fonte foto: ANSA
Maya non si ferma: la tenace protesta e l'appello per la scuola
,,,,,,,