,,

Regionali, Meloni contro Bonaccini. L'appello in caso di vittoria

La leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, a margine di un incontro a Ravenna, ha parlato delle prossime Regionali in Emilia Romagna

La leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, a margine di un incontro a Ravenna, ha parlato delle prossime Regionali in Emilia Romagna. Secondo quanto riporta l’Ansa, alla domanda se Sergio Mattarella debba sciogliere le Camere in caso di vittoria del centrodestra in Emilia Romagna, Meloni ha risposto: “Sì, penso di sì. Questo è previsto nel nostro ordinamento. Continuo a non credere che il Presidente della Repubblica sia un notaio”.

Giorgia Meloni e l’appello a Mattarella

“Ci sono fior di testi di diritto costituzionale – ha sottolineato Meloni – che ci ricordano che l’istituto dello scioglimento anticipato delle Camere è lo strumento di cui il presidente dispone quando dovesse ravvisare che c’è una distanza troppo ampia tra il sentimento del Paese e quello che accade nel Palazzo. Altrimenti dove si realizza la democrazia?”.

La presidente di Fdi ha chiosato: “La sovranità appartiene al popolo, articolo 1 della Costituzione. Come si esercita la sovranità se i partiti non sono vincolati a quello che la gente vuole? L’ho detto al Presidente della Repubblica già lo scorso agosto quando ci incontrammo dopo che si era aperta la crisi di governo e lo ribadirò soprattutto nel caso in cui dovessimo vincere in Emilia-Romagna e in Calabria“.

“Le elezioni dell’Emilia-Romagna e della Calabria – ha proseguito Meloni – sono un crocevia della storia oggi. Sia per dare a questi territori una speranza e un’opportunità diversa, sia per dare una possibilità agli italiani di rivendicare il valore della democrazia e della libertà di scegliere. Spero che i cittadini vogliano aiutarci a combattere questa battaglia”.

Per Meloni, l’Emilia Romagna “è locomotiva d’Italia non per il Pd ma nonostante, stessa cosa per la Calabria dove il governatore uscente non è stato nemmeno ricandidato: spero ci diano questa occasione di cambiare le cose”.

La leader di Fdi ha aggiunto che “il centrodestra è la scelta giusta per cambiare: Borgonzoni farà un ottimo lavoro, compatti si può vincere e ben governare come già facciamo in molte regioni”.

Giorgia Meloni e l’attacco a Bonaccini

Poi ha sferrato un attacco al presidente uscente e ricandidato dem: “Stefano Bonaccini, invece di passare la giornata a fare campagna elettorale raccontandoci cosa hanno fatto, passa la giornata a fare campagna elettorale parlando di noi, che per un governatore uscente non è normale, non ha molto da rivendicare”.

“Il nervosismo della sinistra – ha precisato – tradisce sia la consapevolezza di quanto non si sia fatto bene in questi anni, sia la paura di una sconfitta che potrebbe essere imminente. Ma non do le battaglie vinte in partenza”.

Sulle Regionali in Emilia Romagna, ha espresso le sue posizioni anche la deputata di Forza Italia Mara Carfagna.

Giorgia Meloni e l’attacco alle Sardine

Giorgia Meloni non ha risparmiato critiche nemmeno per il movimento delle Sardine: “Lo vedo falso. E lo vedo ancora più falso dopo che vedo tutte queste persone che vengono a spiegarci che bisogna combattere la cultura dell’odio e che vengono a farci delle grandi lezioni sul cambiamento dei codici della politica e poi qualche giorno fa, durante la campagna elettorale per queste elezioni regionali a Bologna, un banchetto elettorale di Fdi è stato aggredito dai centri sociali e non ho sentito neanche una Sardina esprimere una parola di solidarietà“.

Meloni ha concluso: “Se questi sono i codici della politica che questa gente vuole cambiare, grazie ma non ne abbiamo bisogno”.

VIRGILIO NOTIZIE | 17-01-2020 16:42

Elezioni regionali in Emilia Romagna: chi sono i candidati Fonte foto: ANSA
Elezioni regionali in Emilia Romagna: chi sono i candidati
,,,,,,,