,,

Putin firma un nuovo decreto: la lista dei Paesi ostili, Italia e Ue ancora dentro. Nuove misure sui visti

Il presidente Vladimir Putin ha firmato un decreto sulle ritorsioni in materia di visti nei confronti dei cosiddetti Paesi ostili

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

Dalla Russia arrivano ulteriori risposte alle sanzioni occidentali. Il presidente Vladimir Putin ha firmato un decreto sulle misure di ritorsione in materia di visti in relazione alle azioni ostili di stati stranieri. Il provvedimento è stato pubblicato sul portale delle informazioni legali lunedì 4 aprile.

Decreto Putin sui visti, la lista dei Paesi ostili

Secondo quanto riporta l’agenzia Tass, il decreto “nasce dalla necessità di adottare misure urgenti per rispondere alle azioni ostili dell’Unione europea”. Il nuovo provvedimento ha tra i suoi effetti la sospensione di alcune disposizioni degli accordi sulle procedure semplificate di rilascio dei visti.

Nello specifico, il decreto riguarda i seguenti Paesi:

  • Unione Europea;
  • Norvegia;
  • Danimarca;
  • Islanda;
  • Svizzera;
  • Lichtenstein.

Guerra Ucraina, le tensioni tra Russia e Occidente

Russia e Occidente sono in conflitto a causa della guerra scoppiata in Ucraina dopo l’invasione dell’esercito russo, avvenuta il 24 febbraio. Pur senza entrare direttamente in guerra, l’Unione Europea e la Nato hanno risposto con ferme condanne e sanzioni nei confronti di Mosca, indebolendo il valore della moneta e in generale limitando l’influenza del Paese.

A queste sanzioni, anche la Russia ha risposto con altrettante misure, come la richiesta di pagamenti in rubli per il gas russo, e con l’ultimo decreto firmato da Putin in materia di visti.

Decreto Putin sui visti, cosa cambia con il provvedimento

Di seguito spieghiamo gli effetti del decreto firmato dal presidente russo Vladimir Putin. Come detto, gli accordi sulle procedure semplificate di rilascio dei visti con Unione Europea, Norvegia, Danimarca, Islanda, Svizzera e Lichtenstein sono sospesi.

Ciò significa che è stata resa nulla la procedura semplificata per fare richiesta del visto ai fini della visita. Inoltre, come riferisce la Tass, il decreto annulla anche i visti multipli di un anno per delegazioni ufficiali e giornalisti, i visti multipli di cinque anni per i membri di governi, parlamenti e tribunali nazionali e regionali.

vladimir putinFonte foto: ANSA
Il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin

In aggiunta a ciò, il decreto annulla l’esenzione dal pagamento delle tasse di visto per le delegazioni ufficiali, legislatori e funzionari governativi e l’ingresso senza visto per i titolari di passaporti diplomatici.

Resta aggiornato sulle ultime news dall’Italia e dal mondo: segui Virgilio Notizie su Twitter.

putin Fonte foto: ANSA
,,,,,,,,