,,

Movida "selvaggia" nel primo weekend: l'ira del governatore Toti

Scatta l'allerta in Liguria, in particolare a Savona, per gli assembramenti della movida

Mentre i casi di contagio da coronavirus sono in calo in tutte le Regioni italiane, inclusa la Lombardia, e l’indice di contagio Rt è sotto l’uno per cento praticamente ovunque, nel primo weekend dopo il lockdown aumentano i controlli in seguito a numerosi episodi di “movida selvaggia”.

Da Brescia, dove ieri sera le strade della movida sono state chiuse a mezzanotte per via degli assembramenti, fino a Roma dove sono stati schierati mille agenti, Le Regioni cercano un equilibrio tra aperture e restrizioni.

Ad esempio, in Campania, il governatore Vincenzo De Luca ha imposto la chiusura dei bar alle ore 23.

Movida, eccessi in Liguria: la situazione a Savona

A Savona, come riporta Ansa, numerosi ragazzi si sono riversati nelle strade e tra i locali della Darsena vecchia. La folla entusiasta era tale che qualche gestore ha chiuso il locale, probabilmente per evitare sanzioni e problemi.

“La presenza delle forze dell’ordine era assicurata ma la situazione – ha dichiarato infatti all’Ansa uno dei gestori di locali della zona – era di davvero difficile gestione”.

Movida a Savona, l’ira di Toti

Dopo le immagini della movida di Savona circolate sui social, la reazione del governatore Giovanni Toti è stata durissima: “La nostra regione sta ripartendo e non possiamo permetterci di tornare al punto di partenza per colpa dell’indifferenza di alcuni o del comportamento da idioti di altri”.

Così non va per niente bene! – ha scritto sui social network Toti – Ripartire e divertirsi in sicurezza si può e si deve, soprattutto per tutte quelle attività per cui tornare a lavoro oggi significa riuscire a sopravvivere, ma bisogna farlo con prudenza e responsabilità con l’aiuto di tutti”.

“Ieri sono stato nel centro storico di Genova – ha testimoniato Toti -, dove i locali erano ben organizzati e grazie ai controlli di steward presi direttamente dai gestori, squadre di polizia e agenti della municipale la movida era contenuta e ha permesso a tutti di lavorare in sicurezza”.

Movida da Nord a Sud, la reazione di Lamorgese

“Nel periodo precedente a questa apertura gli italiani sono stati corretti, hanno avuto un grande senso di responsabilità e di questo davvero li ringrazio”, ha dichiarato la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese a Rtl 102.5.

“Oggi – ha aggiunto – c’è la difficoltà della movida perché i giovani in effetti dopo tanto tempo in casa hanno perso quelli che sono i limiti che fino ad ora si erano dati”.

“Mi auguro – ha concluso la ministra – che il senso di responsabilità riemerga nuovamente dopo questi primi momenti, si adattino alle nuove condizioni perché dobbiamo stare attenti più che mai perché tornare indietro sarebbe davvero deleterio per tutti”.

VIRGILIO NOTIZIE | 23-05-2020 16:34

Movida e assembramenti. Ira dei sindaci: "Chiudiamo tutto" Fonte foto: Ansa
Movida e assembramenti. Ira dei sindaci: "Chiudiamo tutto"
,,,,,,,