,,

Mariupol, bombardata scuola con 400 rifugiati: nella città ucraina "crimini di guerra" e "deportazioni"

Sotto le macerie ci sarebbero centinaia di sfollati della città, in cui sarebbe in corso anche una "deportazione"

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

L’esercito russo avrebbe bombardato una scuola-rifugio di Mariupol nella quale avevano trovato rifugio circa 400 persone. Il bombardamento sarebbe avvenuto nella serata di ieri, l’edificio sarebbe stato distrutto e sotto le macerie sarebbero rimasti centinaia di donne, bambini e anziani. Lo ha comunicato su Telegram il Consiglio municipale della città assediata, citato da Bbc e Sky news. Sempre tramite il social, il sindaco Vadym Boichenko ha denunciato la “deportazione” di migliaia di residenti in Russia, mentre il presidente Ucraino Zelensky è tornato a parlare di “crimini di guerra” contro la popolazione del centro martoriato dalle bombe russe.

Mariupol, bombardata scuola con 400 persone: colpito altro rifugio dopo il teatro

A pochi giorni dall’attacco al teatro di Mariupol che ospitava centinaia di sfollati, un altro rifugio per i civili è stato bersaglio dell’offensiva dell’esercito nemico che da settimane assedia la città ucraina.

La Bbc da parte sua ha specificato che le informazioni sul bombardamento della scuola d’arte non sono state verificate da fonti indipendenti. Secondo quanto riportato dai media locali, il 90 per cento degli edifici della città, dove mancano acqua, cibo, elettricità, riscaldamento, è stato distrutto o danneggiato, provocando la morte di oltre 2mila civili.

Mariupol, Zelensky: “Crimini di guerra”

In un nuovo video-messaggio su Facebook, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è tornato ad accusare la Russia di “crimini di guerra” nell’assedio alla città di Mariupol. “Fare questo a una città pacifica, quello che hanno fatto gli occupanti, è una cosa terribile che sarà ricordata per i secoli a venire”, ha affermato Zelensky nel suo video-messaggio notturno alla nazione riportato dai media internazionali.

Mariupol, bombardata scuola con 400 rifugiati: nella città ucraina "crimini di guerra" e "deportazioni"Fonte foto: ANSA
Le immagini del teatro bombardato di Mariupol

Mariupol, bombardata scuola con 400 rifugiati: il sindaco denuncia la “deportazione”

Sempre nella notte è arrivata l’accusa del sindaco di Mariupol, Vadym Boichenko, che ha denunciato come migliaia di abitanti siano stati portati via illegalmente in Russia, “deportati come fecero i nazisti durante la Seconda Guerra mondiale“.

Scenario riportato anche dal Kyiv Independent, che cita come fonte il municipio, secondo il quale i residenti della città ucraina assediata di Mariupol vengono obbligati a migliaia a trasferirsi in Russia: “I civili verrebbero portati in campi dove i russi controllano i loro cellulari e i loro documenti per poi deportarli verso città remote della Russia”, scrive ancora il giornale ucraino in un tweet.

mariupol Fonte foto: ANSA
,,,,,,,