,,

Green pass, le ragioni del decreto: Speranza svela un retroscena

Il decreto sul green pass è stato approvato per scongiurare nuove chiusure: l'avvertimento del ministro Speranza

Dopo il via libera del Consiglio dei ministri al nuovo decreto sul green pass obbligatorio, il ministro della Salute Roberto Speranza è intervenuto in conferenza stampa per svelare i motivi che hanno portato all’adozione di nuove restrizioni per chi non si è sottoposto alla vaccinazione anti Covid.

“Abbiamo approvato un nuovo decreto legge che punta sullo strumento del green pass per gestire questa fase epidemica – ha annunciato il ministro -. I numeri davanti a noi sono incoraggianti con 70 milioni di dosi di vaccino anti-Covid somministrate: in questa fase la scelta del governo è investire sul pass per evitare chiusure e tutelare libertà“.

“È stato sottoscritto un accordo sul costo dei tamponi – ha poi aggiunto Speranza – che prevede un prezzo abbattuto di 8 euro per i 12-18 anni e 15 euro per gli altri.. Al momento la norma è vigente fino alla fine di settembre e il governo si riserva di fare poi le sue valutazioni”.

“La scuola – ha poi spiegato Speranza – è un fattore fondamentale della società: l’obiettivo è di riaprire in sicurezza e presenza. C’è una differenza radicale rispetto al passato, tutti gli studi del mondo sono concordi nel dire che i vaccini sono efficaci e sicuri, l’appello del governo è di continuare su questa strada per aprire una stagione davvero diversa”.

Sulla questione è intervenuto anche il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, sottolineando che “si potrà derogare alle lezioni in presenza solo in casi eccezionali e “in ogni caso solo sul caso specifico, non più sull’intero territorio regionale”.

 “Questo provvedimento – ha aggiunto Bianchi – è stato accompagnato da una lunga azione del ministero, avviata fin da maggio. Investiamo quasi 2 miliardi per la riapertura”.

VirgilioNotizie | 05-08-2021 21:20

Green pass, dalla scuola ai trasporti: le regole dal 1° settembre Fonte foto: ANSA
Green pass, dalla scuola ai trasporti: le regole dal 1° settembre
,,,,,,,