,,

Fase 2, ira del sindaco di Porto Sant'Elpidio: "E' un disastro"

Il primo cittadino del comune marchigiano se la prende con la sua gente per come ha affrontato il primo giorno di fase 2

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

La Fase 2 è appena iniziata tra mille speranze e mille paure. Sui social nelle ultime ore sono state tante le foto di assembramenti condivise a sottolineare come non tutti siano stati ligi alle indizioni del Governo per evitare il rischio contagio. Tra questi anche il sindaco di Porto Sant’Elpidio Nazareno Franchellucci che ha definito un vero e proprio “disastro” il comportamento dei suoi concittadini con tanto di foto postata sul proprio profilo Facebook.

Il primo cittadino del comune marchigiano in provincia di Fermo è andato su tutte le furie postando una foto di una strada del lungomare della sua città affollata di gente, tutta o quasi intenta a correre. Ed il commento è stato i conseguenza: “Come è andata oggi? UN DISASTRO! (scritto in stampatello a dare più enfasi, ndr). La situazione al lungomare è ben evidenziata dalla foto, gruppi di gente senza mascherine in decine di zone della città ed a meno di un metro di distanza, adolescenti in assembramento in parchi e zone centrali e periferiche della città, nastri rossi strappati dai giochi dei bambini”.

Ancora una volta nel mirino ci sono i runners da ieri tornati a correre, ma non solo loro: “Non vedevamo l’ora di fare attività sportiva? Non vedevamo l’ora di andare a trovare i nostri parenti? Non vedevamo l’ora di ritrovarci con i nostri amici?”

In chiusura il sindaco si riserva ogni possibilità di firmare una nuova ordinanza di restringimento delle misure contenute nel nuovo DPCM qualora i suoi concittadini continuassero a creare assembramenti: “Valuterò nelle prossime ore, di concerto con le forze dell’ordine, se sussistono le condizioni per interdire nuovamente alcune aree, partendo dal lungomare e dalla spiaggia”.

Tanti i messaggi di sostegno: “Caro Sindaco oltre 80 operatori sanitari si sono ammalati invano. La sua città ha dato un contributo importante al “demone”, ma i suoi concittadini evidentemente non ne hanno avuto abbastanza. Sono personalmente costernato”; “negli ospedali vi è ancora tanta gente sola e che prega di farcela…nelle case parenti in ansia e alcuni in difficoltà economiche e lavorative !!!! Non hanno ancora capito nulla !!!!! Che delusione”.

Ma anche qualcuno che va controcorrente: “Un disastro? Non esageriamo, ho visto molta gente e molte di queste rispettavano le regole, certo bisogna redarguire la dove necessario per carità, ma la parola disastro nn mi sembra appropriata, cerchiamo di migliorare tutti cercando di essere costruttivi”.

96083071_1570768143074017_7487952984366645248_o Fonte foto: Facebook
,,,,,,,,