,,

Crisi di governo, Conte al Quirinale: incontro interlocutorio

Il presidente Conte va al Quirinale per un incontro sulla crisi di governo con il Capo dello Stato Sergio Mattarella

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte è stato ricevuto al Quirinale dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella per un incontro interlocutorio. Lo apprende l’Ansa da fonti di maggioranza.

L’incontro tra Conte e Mattarella

Il capo dello Stato ha invitato a “uscire al più presto dallo stato di incertezza” nel corso del suo breve incontro con il premier Conte. L’urgenza è dettata dalla necessità di risolvere al più presto i disordini all’interno della maggioranza per far fronte alla pandemia.

Il premier Conte, all’uscita dal Quirinale, ha spiegato ai cronisti il motivo dell’incontro: “Ho chiesto io il colloquio a Mattarella per aggiornarlo del fatto positivo dell’approvazione del Recovery“. In merito alla crisi preannunciata nelle scorse ore, Conte ha sottolineato che “non sarebbe compresa dal Paese. Il governo può andare avanti solo col sostegno di tutte le forze di maggioranza“.

Come riporta Sky TG24, fuori Palazzo Chigi il premier ha assicurato che lavorerà “fino all’ultima ora per rafforzare la coalizione. L’interesse dei cittadini viene prima di tutto”. Poi ha precisato di non avere intenzione di dimettersi qualora venga meno il sostegno delle ministre di Italia Viva.

In merito alla caccia ai responsabili, Conte ha affermato di aver “sempre detto che ci vuole una maggioranza solida per portare avanti l’azione del governo”.

“Sto lavorando ad un patto di legislatura e serve uno spirito costruttivo Confido che ci si possa trovare intorno a un tavolo. Se c’è disponibilità di confrontarsi in modo leale sono convinto si possa trovare il senso di una maggiore e nuova coesione“, ha concluso Conte.

Intanto l’Adnkronos riporta altre voci di governo che parlerebbero di uno spiraglio aperto tra il premier Giuseppe Conte e il leader di Italia Viva Matteo Renzi per uscire dalla crisi di governo. Grazie al lavoro dei pontieri che si stanno dedicando a risolvere le tensioni, la fine della crisi sembrerebbe possibile.

Crisi di governo, la conferenza stampa di Renzi

Durante la conferenza stampa alla Camera dei Deputati di Italia Viva, il senatore Matteo Renzi ha ufficialmente ritirato dal governo la delegazione del partito al governo, composta dalle ministre Bellanova, Bonetti e il sottosegretario Ivan Scalfarotto.

Nel corso del suo intervento, Renzi ha però rilanciato la palla a Conte, senza escludere l’ipotesi di un nuovo governo con lui. Allo stesso tempo, non si esclude la possibilità del supporto dei “responsabili”.

“Le parole di Conte, dopo l’incontro con il Presidente Mattarella, interpretano lo stato d’animo del Paese. Siamo di fronte a prove terribili. La classe dirigente democratica deve sapersi unire per affrontarle al meglio nell’interesse dei cittadini. Ci sono le condizioni, dopo il buon lavoro con il contributo di tutti sul Recovery Plan, per definire un’intesa di fine legislatura, nei confini dell’attuale maggioranza che in questi mesi ha ottenuto risultati importanti”. Così ha scritto su Facebook Goffredo Bettini, dirigente nazionale del Pd.

L’apertura di Conzatti

La senatrice di Italia Viva Donatella Conzatti, in un’intervista del Corriere della Sera sulla situazione in cui verte la politica italiana in queste ore delicate, ha aperto alla possibilità di un patto di legislatura con il premier Conte: “Se c’è questa disponibilità a rafforzare la coalizione con un patto di legislatura, come ha appena detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, va subito esplorata”.

“Bisogna volare alto, gli italiani sono difficoltà, occorre archiviare il 2020, fase nella quale l’azione del Parlamento è stata depotenziata e le decisioni venivano prese a Palazzo Chigi senza concertarle con la maggioranza”, ha aggiunto Conzatti.

VIRGILIO NOTIZIE | 13-01-2021 18:00

Crisi di governo: tutti gli scenari possibili Fonte foto: ANSA
Crisi di governo: tutti gli scenari possibili
,,,,,,,