,,

Coronavirus, mascherine a tutti sì o no: cosa dicono gli esperti

Le mascherine dovrebbero usarle tutti o soltanto chi è a rischio contagio? Il dibattito è ancora in corso, ma le mascherine restano introvabili

L’utilizzo massivo della mascherina è un nodo che continua a far discutere gli esperti. Fin dai primi contagi e la “psicosi” che ha portato alla corsa agli acquisti dei dispositivi di protezione, l’interesse dei cittadini per la questione è ancora elevato. Se da un lato l’Organizzazione Mondiale della Sanità e l’Istituto Superiore di Sanità sostengono che sia preferibile l’uso delle mascherine solo per il personale sanitario, per chi ha sintomi e chi si prende cura di un malato, dall’altro c’è chi pensa che dovrebbero averle tutti.

Coronavirus, George Gao: “Ecco il grande errore di Europa e Stati Uniti”

È il caso di George Gao, direttore del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie, che come riporta il Corriere della Sera ritiene opportuno raccomandare a tutta la popolazione l’uso delle mascherine.

Per lo scienziato cinese, “il grande errore di Europa e Stati Uniti è che ci sono troppe persone in giro senza mascherine”, ha detto alla rivista Science. “La mascherina – ha proseguito l’esperto – andrebbe sempre indossata perché quando si parla escono sempre goccioline dalla bocca”.

“Molte persone sono positive a Covid-19 ma asintomatiche o pre-sintomatiche: coprendosi naso e bocca si può impedire a quelle goccioline che trasportano il virus di uscire e infettare gli altri”, ha concluso Gao.

Coronavirus, i rischi dell’uso scorretto delle mascherine

Ma il rischio è che l’uso scorretto della mascherina potrebbe provocare ancora più danni: le persone potrebbero abbassare la guardia e non osservare le misure di prevenzione più efficaci, ovvero il distanziamento sociale e il lavaggio frequente delle mani, rischiando quindi di contrarre il virus. Inoltre, l’uso delle mascherine prevede un’altrettanto rigorosa osservanza di precise regole igieniche, come ha fatto notare l’Oms.

Al di fuori di un contesto emergenziale come quello che stiamo vivendo, in Oriente l’utilizzo delle mascherine è una pratica igienica regolarmente diffusa, mentre in Occidente non è così: la vista del dispositivo fa subito pensare alla malattia, e le persone – sane o malate che siano – preferiscono non usarla.

Coronavirus, la posizione di Pregliasco sulle mascherine

Ma per contrastare il diffondersi di un virus invisibile, che non sempre si manifesta attraverso dei sintomi, c’è chi crede che indossare la mascherina possa essere un efficace strumento.  Il virologo Fabrizio Pregliasco, come riferisce il Corriere della Sera, ha affermato: “Il virus sta circolando molto ed è una situazione molto diversa oggi rispetto a un mese fa. Utilizzare tutti le chirurgiche in luoghi dove non si può garantire il distanziamento sociale, come ad esempio i supermercati o i mezzi pubblici, è certamente utile a impedire la propagazione del virus. Inoltre se la indossano tutti, sintomatici, asintomatici e guariti non sarebbero riconoscibili, saremmo tutti uguali”.

Coronavirus, in Italia le mascherine sono ancora introvabili

Tuttavia, il vero nocciolo della questione è nella carenza del dispositivo, così prezioso per il personale sanitario. In Italia sono praticamente introvabili: i farmacisti sono tempestati di richieste che non possono soddisfare. E la situazione non è così differente nel resto del mondo.

È per questo che l’Oms ne raccomanda l’uso a chi è costantemente esposto al contagio, come medici e infermieri. Sulla rivista Lancet Respiratory Medicine, alcuni scienziati invocano l’intervento dei governi per regolare l’uso delle mascherine, attraverso raccomandazioni precise.

Per gli esperti, disponibilità permettendo, tutti dovrebbero indossare le mascherine in quanto chiunque potrebbe aver contratto il coronavirus ed essere asintomatico. Inoltre, hanno incoraggiato l’invenzione di maschere riutilizzabili per sopperire alla carenza dei dispositivi usa e getta.

A cosa servono davvero le mascherine?

Si ricorda però che lo scopo della mascherina non è proteggere se stessi ma gli altri. Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute, ha osservato in un tweet: “Quando la popolazione potrà usare le mascherine chirurgiche, dopo cioè che saranno garantite a tutti gli operatori, vi sarà la più grande campagna altruistica di massa. Molti pensando di proteggersi le indosseranno e invece le indosseranno gli altri, bene così”.

VirgilioNotizie | 02-04-2020 08:36

Coronavirus, regole igieniche e sanitarie per evitare il contagio Fonte foto: ANSA
Coronavirus, regole igieniche e sanitarie per evitare il contagio
,,,,,,,