,,

Coronavirus: proposte nuove misure, ma si rischia la privacy

Il modello coreano si basa sul tracciamento delle persone affette da Covi-19, limitando le libertà individuali e il diritto alla riservatezza

La pandemia di Sars-Cov-2 continua a mietere vittime in tutta Italia, con un bilancio di oltre 4mila morti. Per arginare il contagio le nuove misure adottate dal Governo non sembrano bastare, e gli esperti guardano verso Seul. Il modello adottato dalla Corea del Sud, che conta 8.652 infetti e 92 decessi legati alla Covid-19, sembra essersi rivelato vincente.

Coronavirus, in cosa consiste il modello della Corea del Sud

La Corea del Sud effettua tamponi a tappeto, finora circa 300mila, tracciando con l’ausilio della tecnologia tutti i contagiati con sintomi anche lievi e le persone con cui entrano in contatto. Ogni positivo è tenuto in osservazione dalle autorità grazie a dati medici, gps dello smartphone, carte di credito e telecamere di videosorveglianza.

Attraverso queste informazioni, vengono rintracciate tutte le persone che potrebbero aver contratto il coronavirus, isolandole in casa o in ospedale a seconda delle condizioni di salute e dell’esito del tampone.

Inoltre un’app coreana segnala in tempo reale i luoghi dove si sono recati i soggetti a rischio, per permettere alle persone che vi transitano di sottoporsi volontariamente al test.

Modello coreano in Italia: la proposta di Walter Ricciardi (Oms)

“Anch’io io studio da giorni questo grafico”, ha dichiarato a Repubblica Walter Ricciardi, consulente scientifico del Ministero della Salute e esponente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, riferendosi alla curva di contagi nel Paese asiatico.

“E più lo guardo più mi convinco che dobbiamo seguire la strategia adottata da Seul. D’accordo con il ministro Roberto Speranza sto proponendo che la si adotti anche in Italia, abbiamo già attivato un gruppo di studio per definire i dettagli”, ha aggiunto.

“La curva dell’epidemia in Corea del Sud ci dice che il contenimento funziona ed è possibile, se però si scelgono misure che da noi non sono state adottate, e chissà se lo saranno”, ha spiegato Enrico Bucci, professore di Biologia dei sistemi alla Temple University di Philadelphia a Repubblica.

Modello coreano contro il coronavirus: rischi per la privacy

Tuttavia il modello coreano non è privo di rischi per le libertà individuali. “La questione è comunque delicata”, ha fatto notare Enrico Bucci, “perché la sospensione della privacy deve essere temporanea e strettamente legata a questa emergenza, in modo che non la si possa estendere ad altro a seconda dei governi o dei ministri in carica. Occorre elaborare con attenzione una opportuna architettura giuridica“.

“Ci troviamo di fronte a un problema molto importante in fatto di privacy, e andrà studiato con grande accuratezza. Ma bisogna capire che ci troviamo di fronte a una situazione di estrema gravità“, ha ribadito anche Walter Ricciardi.

VIRGILIO NOTIZIE | 21-03-2020 12:17

Coronavirus, le immagini dell'esercito a Milano Fonte foto: Ansa
Coronavirus, le immagini dell'esercito a Milano
,,,,,,,