,,

Coronavirus, è giallo sui voli Italia-Cina. Come stanno le cose

Le notizie giunte dalla Cina sono state prontamente smentite dalla Farnesina e dal ministro degli Esteri

Il ministero degli Esteri cinese aveva fatto sapere questa mattina che l’Italia sarebbe disposta a far ripartire alcuni collegamenti aerei con la Cina, chiusi finora per via dell’epidemia da coronavirus. Pronta la smentita da parte della Farnesina, con un chiarimento da parte del ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

Secondo le parole della portavoce cinese, come riporta Ansa, Cina e Italia “sono Paesi con rapporti amichevoli. In un momento difficile della lotta della Cina all’epidemia, l’Italia ha espresso il suo sostegno e ha donato materiali per la prevenzione e il controllo”.

“L’Italia”, dopo lo scoppio dell’epidemia, “ha unilateralmente deciso di sospendere i voli diretti tra i due Paesi, causando gravi disagi ai viaggi dei cittadini di entrambi i Paesi”, ha aggiunto la portavoce.

Voli Italia-Cina, la smentita della Farnesina

I voli tra Italia e Cina resteranno chiusi così come previsto dall’ordinanza firmata dal ministro della Salute, Roberto Speranza, il 31 gennaio 2020 e si continuerà a lavorare per implementare le misure già attivate nelle ultime settimane. A confermarlo, come riporta Ansa, è stata la task force sul coronavirus che si è riunita questa mattina al ministero.

“Nel ribadire il profondo legame di amicizia tra Italia e Cina”, hanno riferito fonti della Farnesina, “già manifestato attraverso molteplici attività avviate proprio dal governo italiano a sostegno del Paese asiatico in un momento delicato e complesso, si precisa che la notizia riportata dall’agenzia cinese Xinhua circa una riapertura dei voli è priva di fondamento“.

Voli Italia-Cina, il chiarimento di Luigi Di Maio

Tornando sull’argomento, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha dichiarato:”Il blocco dei voli è una misura presa per affrontare l’emergenza nell’immediato e finché le autorità sanitarie ci diranno che è opportuna continueremo a tenerla in atto”.

“Ogni Stato ha adottato delle misure”, ha aggiunto Di Maio, parlando anche di altri Stati europei che hanno richiamato i propri connazionali e sottolineando che l’Italia “ha dichiarato lo stato d’emergenza”, privilegiando “la massima sicurezza dei nostri cittadini rispetto alla proliferazione del coronavirus”.

“Abbiamo cercato di rimpatriare subito i connazionali che si trovavano a Wuhan”, ha proseguito, “che sono stati posti in quarantena. Una di queste persone è risultata positiva al virus nelle ultime ore”.

VIRGILIO NOTIZIE | 07-02-2020 15:28

Coronavirus, via ai controlli con i termoscanner a Fiumicino Fonte foto: Ansa
Coronavirus, via ai controlli con i termoscanner a Fiumicino
,,,,,,,