,,

Borrelli: "Autocertificazione anche per chi esce a piedi"

Borrelli: "Il consiglio è sempre lo stesso, uscire per lo stretto necessario"

“Il consiglio è sempre lo stesso, uscire per lo stretto necessario e indispensabile”. Lo ha ribadito il commissario Angelo Borrelli rispondendo ai cronisti nella conferenza stampa di ieri, giovedì 11 marzo. Il capo della Protezione civile ha poi sottolineato che anche chi esce a piedi “deve portare l’autocertificazione”.

Il capo della Protezione civile ha ricordato: “Quanto alle singole casistiche abbiamo emanato delle Faq sul sito #iorestoacasa che chiariscono anche questi aspetti”.

La pagina del Governo dedicata alla spiegazione di queste misure restrittive dice: “È sempre possibile uscire per andare al lavoro, anche se è consigliato lavorare a distanza, ove possibile, o prendere ferie o congedi. “Comprovate esigenze” significa che si deve essere in grado di dimostrare che si sta andando (o tornando) al lavoro, anche tramite l’autodichiarazione vincolante o con ogni altro mezzo di prova , la cui non veridicità costituisce reato. Sarà cura poi delle Autorità verificare la veridicità della dichiarazione resa con l’adozione delle conseguenti sanzioni in caso di false dichiarazioni”.

Le comprovate esigenze possono riguardare anche motivi personali e di salute, anche in quel caso dimostrabili.

Come riporta il Post.it, per chi può, meglio stampare il modulo e compilarlo a casa; per chi non riesce, non c’è problema: in caso di eventuale controllo si potrà compilarne sul momento uno fornito dalle forze dell’ordine. Il modulo serve a mettere per iscritto i motivi del proprio spostamento. È valido in tutta Italia ed è stato diffuso dal ministero dell’Interno.

IL NUOVO DECRETO: QUALI NEGOZI RESTANO APERTI

ACCUSA DI OMICIDIO DOLOSO A CHI ESCE CON SINTOMI

VIRGILIO NOTIZIE | 12-03-2020 09:54

Coronavirus: da Roma a Milano, le città italiane sono deserte Fonte foto: ANSA
Coronavirus: da Roma a Milano, le città italiane sono deserte
,,,,,,,