,,

Regionali Emilia Romagna, da Bonaccini un duro attacco a Salvini

Il candidato del centrosinistra ha spiegato anche la scelta del colore verde per il suo simbolo

Il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, presentando il suo programma elettorale e le liste che lo sostengono insieme al sindaco di Milano Giuseppe Sala, ha detto: “Se vinciamo in Emilia-Romagna, da qui parte un riscossa per l’Italia”. Poi, come riporta Ansa, il duro attacco al leader della Lega Matteo Salvini.

“Le sardine hanno cambiato la campagna elettorale di Salvini”, ha spiegato Bonaccini, “perché adesso nelle piazze non ci va più. Adesso dovrebbe dire qualcosa anche dell’Emilia-Romagna”.

Il presidente, candidato per il bis, ha risposto anche agli attacchi del centrodestra di non aver messo il simbolo del Pd sui manifesti e di aver usato il colore verde: “Io rappresento sei liste e metterne una era poco dignitoso. In molti hanno scritto il mio nome sul simbolo, mentre la Lega non ha scritto Borgonzoni ma quello di Salvini”.

“Se mi attaccano perché manca simbolo del Pd o per il colore verde, che è il colore dell’Emilia-Romagna allora hanno veramente poco da dire per la nostra regione”, ha aggiunto. “Io non ho bisogno di Zingaretti a farmi da balia, io non voglio essere un ventriloquo, c’è la mia faccia. Mi colpisce molto che Borgonzoni non si faccia affiancare, ma sostituire. Potrebbe provare ad andare in piazza Maggiore e riempirla senza i leader nazionali come abbiamo fatto noi”.

Durante la presentazione a Imola è intervenuto anche il sindaco di Milano Giuseppe Sala, che ha detto: “In Emilia-Romagna bisogna votare Bonaccini perché è più bravo. La Borgonzoni, per dirla alla milanese, non sa neanche da che parte è girata: lasciamola a Roma con le sue sciocche t-shirt a Roma, è vergognoso che la destra possa essere rappresentata da una persona che andata alla camera con quella maglietta”.

Dal sindaco anche una stoccata a Matteo Salvini: “dice che mi sono montato la testa, ma uno come me che ha lavorato 30-40 anni la testa non se la monta, semmai se la monta chi come lui è stato sempre sulle spalle del contribuente“.

VIRGILIO NOTIZIE | 29-12-2019 14:07

Twitter nel 2019: Nadia Toffa, Salvini e Bellanova i più twittati Fonte foto: Ansa
Twitter nel 2019: Nadia Toffa, Salvini e Bellanova i più twittati
,,,,,,,