,,

Reddito di cittadinanza, l'idea anti "furbetti" che tenta Draghi

L'idea del presidente del Consiglio Mario Draghi è quella di confermare il Reddito di cittadinanza, ma con alcune importanti modifiche

Il Reddito di cittadinanza continua a essere un tema molto “caldo” in Italia, come dimostra lo scontro tra Lega e Movimento 5 Stelle in atto nelle ultime ore. Come riporta ‘La Repubblica’, la linea di Mario Draghi, nonostante le divergenze all’interno del governo, non cambia: il Reddito di cittadinanza resta, anche se dovrà cambiare. La prossima settimana, il presidente del Consiglio avrà una serie di incontri su questo tema.

L’obiettivo non è solo far funzionare i centri per l’impiego, ma anche potenziare in misura importante le clausole ostative, cioè quelle che impediscono di avere accesso al sussidio (come le condanne o la mancanza di cittadinanza continuativa).

L’idea è anche quella di cambiare la natura dei controlli, attualmente in carico all’Inps che li esegue a campione, aggredendo le anomalie e le irregolarità e correggendo il più possibile alcuni elementi distorsivi prodotti (come il fatto che, per alcuni, il Reddito di cittadinanza possa diventare un incentivo a non lavorare).

Reddito di cittadinanza: cos’è il “decalage”

Proprio allo scopo di far sì che il Reddito di cittadinanza non diventi un incentivo a non lavorare, nelle riunioni tecniche è stato teorizzato quello che è stato ribattezzato “décalage“.

Significa che l’assegno previsto dal Reddito di cittadinanza potrebbe iniziare a scendere dopo un determinato lasso di tempo. Inoltre si prevede che sarà necessario trovare anche il modo di incentivare le persone che ricevono l’assegno ad accettare anche lavori meno redditizi.

Anche nel Consiglio dei ministri di venerdì, il fronte che si oppone alla misura ha denunciato il fatto che la platea invece di contrarsi, come sarebbe dovuto essere se le politiche attive avessero funzionato, si sta allargando, rendendo alla lunga l’impianto insostenibile.

A questo proposito, Mario Draghi ha sottolineato che le politiche attive devono cambiare non solo rispetto al Reddito di cittadinanza, ma con una riforma ben più organica e profonda.

VirgilioNotizie | 16-10-2021 11:25

Draghi Fonte foto: ANSA
,,,,,,,