,,

Perseverance alla conquista di Marte. Il ruolo dell'Italia

Il rover Perseverance è atterrato su Marte nell'ambito della missione Mars 2020, a cui ha preso parte anche l'Italia

Il rover Perseverance della Nasa è atterrato su Marte per raccogliere nuove informazioni sul Pianeta Rosso. Dopo aver toccato il suolo intorno alle 22 italiane del 18 febbraio, il rover cercherà tracce di vita passata e raccoglierà campioni di terreno che, secondo quanto prevede la missione spaziale Mars 2020, saranno portati sulla Terra nel 2031.

L’obiettivo di Perseverance

Dal centro di controllo si è alzata un’ovazione dopo l’atterraggio del rover: un entusiasmo che ha travolto tutti gli operatori e gli appassionati. Il veicolo è atterrato nel cratere Jazero, che stando a quanto si è appreso era il bacino di un antico lago. L’acqua non è più presente ma sul fondo del cratere potrebbero essersi conservate tracce di organismi viventi del passato.

Il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi), Giorgio Saccoccia, ha illustrato all’Ansa l’importanza di questo progetto e il ruolo che ricoprirà l’Italia: “Comincia una missione complessa e ricca di obiettivi importanti”.

L’obiettivo “più straordinario” della missione, come ha ricordato il presidente dell’Asi, è “la raccolta di campioni del suolo marziano per riportarli a Terra: questa missione è con il primo passo del progetto Mars Sample Return”. Perseverance raccoglierà i campioni di suolo e li conserverà in speciali contenitori che saranno recuperati in una lunga serie di missioni.

Il ruolo dell’Italia nella missione Mars 2020

Alla missione prenderà parte anche un piccolo gruppo di ricerca italiano, dell’Osservatorio di Arcetri dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf).

“Per esempio – ha spiegato Saccoccia – un esperimento prevede la produzione di ossigeno sulla superficie marziana, essenziale per gli uomini che arriveranno sul pianeta e per preparare propellenti in loco”. Protagonista sarà anche il drone-elicottero Ingenuity che “affronterà il primo test di volo di un veicolo simile: una bella sfida tecnologica, considerando quanto sia rarefatta l’atmosfera di Marte”.

I prossimi veicoli saranno guidati da uno speciale retroriflettore laser costruito dall’Italia e posizionato sul rover Perseverance segnalandone la posizione. Una volta raggiunto, i nuovi veicoli raccoglieranno i campioni con degli arti robotici costruiti in Italia, nello stabilimento di Leonardo a Nerviano (Milano).

È italiana anche una trivella che scaverà nel suolo di Marte per la missione ExoMars 2022, dell’Agenzia Spaziale Europea e l’agenzia spaziale russa Roscosmos.

VirgilioNotizie | 18-02-2021 23:45

perseverance Fonte foto: ANSA
,,,,,,,