,,

Mortalità e ricoveri in crescita tra i non vaccinati, quanto protegge il booster: i dati Iss

Secondo il report dell'Iss la mortalità da Covid tra i non vaccinati risulta circa 33 volte superiore dei vaccinati

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

I non vaccinati hanno una possibilità di morire per Covid-19 di circa 33 volte maggiore rispetto a coloro che hanno ricevuto la dose booster e un rischio di finire in terapia intensiva in un rapporto di quasi 40 a 1. Sono i dati riportati nel report esteso dell’Iss, a integrazione del monitoraggio settimanale sull’epidemia da coronavirus in Italia.

Report Iss, mortalità e tasso di ricoveri tra non vaccinati e vaccinati con booster: i dati

Nel nostro Paese il tasso di ricoveri da Covid-19 in terapia intensiva per la popolazione di età superiore ai 12 anni è di 31,3 casi ogni 100mila per i non vaccinati, mentre tra i soggetti che hanno ricevuto la terza dose contro il coronavirus gli esperti rilevano un tasso di 0,8 ogni 100mila, circa 39 volte in meno.

Secondo quanto emerge dal rapporto dell’Istituto superiore di sanità, si registra una crescita sul tasso dei decessi tra le persone non vaccinate, pari a 52,9 ogni 100mila, di circa 33 volte superiore ai vaccinati con ciclo completo e dose booster per i quali è di 1,6. Nell’ultimo report il tasso di vittime sulla popolazione di riferimento era rispettivamente di 42,4 e 1,4.

Il tasso di ospedalizzazione standardizzato è di 248,5 ricoveri per 100.000 abitanti per i non vaccinati contro 20,8 ricoveri per 100.000 dei vaccinati con dose booster (circa 12 volte più alto).

Mortalità e ricoveri in crescita tra i non vaccinati, quanto protegge il booster: i dati IssFonte foto: ANSA
Personale sanitario a lavoro in un reparto Covid

Report Iss, mortalità e tasso di ricoveri tra non vaccinati e vaccinati con booster: l’efficacia del vaccino

Nel report viene analizzata dagli esperti dell’Iss anche l’efficacia della vaccino anti-Covid, che nel tempo cala in tutte le fasce di età. A 4 mesi dal completamento del ciclo vaccinale con la seconda dose o il monodose J&J, la protezione si riduce al 34,7%, mentre con la dose booster la difesa dal contagio risulta del 66,7%.

Una lieve diminuzione si registra anche nella protezione dalla malattia grave, che scende al 97,5% di chi ha fatto già il richiamo all’89% dopo 120 giorni dal completamento del ciclo vaccinale.

Report Iss, mortalità e tasso di ricoveri tra non vaccinati e vaccinati con booster: le reinfezioni

Dal 24 agosto scorso al 9 gennaio 2022 sono stati segnalati 108.886 casi di reinfezioni, pari a 2,7% del totale dei casi notificati. Nell’ultima settimana la percentuale di reinfezioni (3,2%) sul totale dei casi segnalati risulta stabile rispetto alla settimana precedente (3,4%). La probabilità di reifettarsi con il virus Sars-CoV-2 è più elevata nei non vaccinati rispetto ai vaccinati con almeno una dose e negli operatori sanitari rispetto al resto della popolazione.

Variante Omicron, tamponi rapidi falsi negativi: quando e come effettuare i test antigenici per non sbagliare Fonte foto: ANSA
Variante Omicron, tamponi rapidi falsi negativi: quando e come effettuare i test antigenici per non sbagliare
,,,,,,,