,,

Giorgia Meloni amareggiata con la Lega dopo la manifestazione

La leader di Fratelli d'Italia non correrà per il Campidoglio

Giorgia Meloni, intervistata da Il Messaggero, ha fatto alcune considerazioni sulla manifestazione del centrodestra che si è tenuta ieri in piazza San Giovanni a Roma. Dichiarandosi amareggiata per l’eccessivo protagonismo del partito di Matteo Salvini. La deputata ha poi parlato degli alleati all’opposizione e del futuro della Capitale dopo Virginia Raggi.

Giorgia Meloni: l’opinione su Matteo Salvini

Riguardo la manifestazione, la leader di FdI ha dichiarato: “A noi è sembrato riduttivo che ci fossero solo i simboli del Carroccio. Non era giusto che i nostri dovessero sentirsi ospiti in una piazza di altri. Come s’è visto, a San Giovanni c’erano moltissimi Fratelli d’Italia”.

“Anche Matteo Salvini si è reso conto di questo”, ha aggiunto Giorgia Meloni, “ed è venuta fuori una piazza bellissima, piena di gente e partecipata da tutti i partiti. Il nostro popolo vuole vederci uniti e vederci vincere”.

Sul segretario della Lega ha sottolineato: “Finora non ha dato particolari segnali di voler fare il leader della coalizione. Ha preferito fare il capo del suo partito”.

Giorgia Meloni: il ricordo di Silvio Berlusconi

“In quel ruolo”, quello di leader del centrodestra, Silvio Berlusconi “è stato una persona che capiva che, quando sei forte, non hai bisogno di farlo pesare”. Così Giorgia Meloni ha ricordato il suo ex capo partito.

La presidente di Fratelli d’Italia è stata ministro per la Gioventù in quota Popolo delle Libertà durante il governo Berlusconi IV, dal 2008 al 2011.

Giorgia Meloni: il piano per cambiare Roma

Riguardo il futuro della Capitale dopo Virginia Raggi, la deputata è stata chiara: “Non mi ricandiderò in Campidoglio. Ci sono tutte le carte in regola per vincere le prossime elezioni a Roma. E di trovare una candidatura adatta”.

Ha poi sottolineato: “Sono contenta che Matteo Salvini abbia cambiato idea sul ruolo e sui poteri della Capitale. Spero che questa svolta sia autentica e, se fosse così, la considererei anche una mia vittoria”.

Giorgia Meloni ha lasciato aperta la porta ad alleanze romane, ma ad alcune condizioni: “Da mesi dico e ripeto che chi si vuole alleare con noi alle amministrative per Roma deve avere idee molto chiare e propositi che, senza alcuna possibilità d’equivoco, siano in favore della Capitale. La quale deve avere uno status nuovo e diverso, non solo sulla carta, e poteri e risorse come quelli che detengono le altre grandi capitali europee. Questa anomalia italiana deve finire“.

Il patto anti-inciucio di Giorgia Meloni

Riguardo gli equilibri parlamentari e la formazione di un esecutivo in seguito a nuove elezioni, Giorgia Meloni ha dichiarato: “Io propongo sempre il patto anti-inciucio, perché dobbiamo lavorare a una nuova legge elettorale che dia il premio di maggioranza a chi vince. La legge attuale non lo dà, e infatti noi a differenza di Forza Italia e Lega non la votammo”.

“Il Rosatellum non garantisce dagli inciuci e dai ribaltoni. Quindi noi con un patto d’onore dobbiamo evitare questi rischi”. Silvio Berlusconi e Matteo Salvini “dicevano di no forse perché tenevano aperte altre ipotesi di alleanze… Ma ora è cambiata la fase. Voglio escludere che la Lega oggi prenda in considerazione l’ipotesi di tornare con i 5 Stelle. E spero che anche Berlusconi abbia definitivamente chiuso i ponti con Matteo Renzi“, ha aggiunto Giorgia Meloni. “La mia speranza è questa”.

VIRGILIO NOTIZIE | 20-10-2019 09:28

Manifestazione centrodestra a Roma: le immagini dalla piazza Fonte foto: Ansa
Manifestazione centrodestra a Roma: le immagini dalla piazza
,,,,,,,