,,

Le dichiarazioni dei redditi dei deputati, da Conte a Soumahoro fino a Bossi e Tremonti: i dati della Camera

Disponibili sul portale online della Camera già numerose dichiarazioni dei redditi dei deputati: i dati si riferiscono al 2021

Pubblicato il:

Sul sito ufficiale della Camera è già stata pubblicata buona parte delle dichiarazioni dei redditi dei deputati eletti alle urne lo scorso 25 settembre. La documentazione è relativa all’anno fiscale passato: si tratta quindi delle dichiarazioni 2022 sui redditi del 2021 e non tutti gli onorevoli in carica oggi sedevano già tra gli scranni parlamentari. Nonostante manchi all’appello ancora qualche nome di peso, è possibile dare uno sguardo a quanto dichiarato da alcuni dei principali esponenti politici.

La normativa sulle dichiarazioni patrimoniali dei deputati

I redditi degli eletti in Parlamento devono essere di pubblico dominio. Come specificato sul sito della Camera, ai sensi dell’articolo 9 della legge 5 luglio 1982, n. 441, le dichiarazioni patrimoniali e reddituali, come anche quelle legate alle spese sostenute per la propaganda elettorale dei deputati, sono riportate in un apposito bollettino cartaceo a disposizione dei cittadini presso gli uffici della Camera.

L’articolo 5 del decreto legge 28 dicembre 2013, n. 149, convertito dalla legge n.13 del 21 febbraio 2014, prevede poi “la pubblicità o evidenza obbligatoria nel sito internet ufficiale del Parlamento italiano”. I dati devono indicare quanto ricevuto a titolo di liberalità per ogni importo superiore alla somma di 3.000 euro annui, e i contributi a titolo di liberalità di singolo importo superiore a 500 euro.

dichiarazione redditi deputatiFonte foto: ANSA
La Camera dei Deputati a Montecitorio

In ottemperanza alla disposizione di legge, nelle pagine personali di ciascun deputato è così pubblicata la relativa documentazione patrimoniale e di reddito, nonché la documentazione ulteriore che taluni deputati hanno chiesto di rendere pubblica all’inizio della legislatura sottoscrivendo un’apposita liberatoria.

I redditi 2021 dei deputati all’opposizione

Stando a quanto pubblicato online, il segretario uscente del Partito Democratico Enrico Letta nel 2021 ha conseguito un reddito pari a 368.863 euro. Decisamente più bassa la cifra della candidata alla sua successione, Elly Schlein, che ha dichiarato circa 88.000 euro.

Ammonta invece a 104.269 euro il reddito dell’ex ministro del Lavoro Andrea Orlando (che dispone di una Fiat Bravo del 2007), mentre l’ex ministro della Salute Roberto Speranza ha registrato 101.000 euro, con cinque fabbricati di proprietà situati tra Roma e Potenza.

Tra i Cinque Stelle stupisce l’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte: la sua documentazione parla di un reddito di 34.095 euro e della proprietà di una Jaguar in stile rétro del 1996. L’ex sindaca di Torino Chiara Appendino risulta invece aver avuto redditi per 97.000 euro con zero proprietà.

Il segretario di Sinistra italiana Nicola Fratoianni, nel 2021 già parlamentare, ha superato i 105.000 euro annui. Il suo alleato Angelo Bonelli, leader dei Verdi, ha registrato circa 79.000 euro. L’ex esponente di Si Aboubakar Soumahoro, passato al Gruppo Misto dopo lo scandalo delle coop, ha dichiarato uno dei redditi più bassi: 9.150 euro.

Per quanto riguarda il Terzo Polo, Maria Elena Boschi, ex Pd e oggi Italia viva, ha conseguito un reddito di circa 98.000 euro (e ha dichiarato una Toyota Yaris). La presidente di Azione Mara Carfagna ha invece avuto un reddito pari a 103.000 mila euro (con un fabbricato e due Volkswagen), mentre il collega Matteo Richetti con tre fabbricati e un terreno ha dichiarato 97.000 euro.

I redditi 2021 dei deputati della maggioranza

Passando ai deputati appartenenti alla coalizione di maggioranza, il ministro dell’Agricoltura Francesco Lollobrigida ha un reddito 2021 pari a 103.505 euro, mentre il ministro dell’Ambiente Gilberto Pichetto Fratin è arrivato a quota 165.000 euro.

L’onorevole Giorgio Mulè di Forza Italia ha dichiarato due fabbricati e 99.793 euro, più o meno come il presidente della Camera Lorenzo Fontana (99.465 euro). L’ex sindaco di Verona Flavio Tosi, ex Lega e ora in Forza Italia, è proprietario di tre fabbricati e ha dichiarato circa 66.000 euro.

Edmondo Cirielli di Fratelli d’Italia è proprietario o comproprietario di otto fabbricati, terreni o abitazioni, un’auto, (un’Alfa Romeo Giulietta), con reddito imponibile di 196.000 euro. L’ex ministro dell’Economia Giulio Tremonti, anche lui oggi Fdi, ha dichiarato 1.588.099 euro, segnalando una Jeep Gran Cherokee, una Land Lover Defender e alcuni fabbricati.

Il reddito 2021 del fondatore della Lega Umberto Bossi ammonta invece a 99.702 euro, con una casa in comproprietà.

camera-deputati-reddito Fonte foto: ANSA
,,,,,,,,