,,

Il deputato FdI Emanuele Pozzolo nega di aver sparato con la sua pistola: "So chi è stato, lo dirò solo ai pm"

La versione del deputato Fdi Emanuele Pozzolo è che non sia stato lui a sparare con la sua pistola Luca Campana, durante la festa di Capodanno

Pubblicato il:

Il deputato Fdi Emanuele Pozzolo è stato sospeso prima dal suo partito e successivamente dal relativo gruppo parlamentare, in relazione all’incidente con il colpo di pistola avvenuto il primo gennaio alla festa di Capodanno organizzata dal sottosegretario alla Giustizia Andrea Delmastro. A distanza di poche ore dai provvedimenti sul suo conto, Pozzolo non ha commentato l’inchiesta ma ha anticipato che fornirà presto la sua versione dei fatti alla magistratura. Con un punto fondamentale: il deputato sostiene di non essere stato lui a azionare il grilletto della pistola, e di essere a conoscenza di chi ha realmente sparato a Luca Campana, il genero del capo scorta del sottosegretario Delmastro.

La sospensione del deputato Fdi Emanuele Pozzolo per il colpo di pistola

Emanuele Pozzolo si è dichiarato sereno, nella speranza che emerga la verità e ribadendo il suo rispetto per l’autorità giudiziaria. In seguito alla sospensione dal partito e dal gruppo parlamentare di Fratelli d’Italia, il parlamentare non ha espresso delusione per la decisione, aggiungendo parole dolci per il capogruppo Foti.

“Ritengo che sia una persona straordinaria” ha detto Pozzolo del capogruppo di Fratelli d’Italia. “Da sempre Foti agisce negli interessi e secondo i principi del nostro partito”.

pistola Emanuele Pozzolo FdI deputatoFonte foto: ANSA

Emanuele Pozzolo sostiene di non essere stato lui a sparare con la pistola durante la festa di Capodanno a Rosazza

Allo stesso tempo, il deputato ha espresso amarezza per l’eco mediatica che lo ha investito a causa dell’episodio di Capodanno, a suo avviso sproporzionata rispetto ad altre notizie ben più rilevanti, come le crisi internazionali in corso.

Chi ha sparato a Luca Campana

Già nelle ore successive all’incidente, il deputato biellese aveva dichiarato ai carabinieri di non essere stato lui a sparare. Una versione in qualche modo confermata nell’intervista rilasciata a Repubblica, dove Pozzolo ha fatto intendere di sapere chi sia il reale responsabile per il colpo accidentale, pur riservando questa informazione ai colloqui con la magistratura.

Il revolver da cui è partito il colpo accidentale è stato sequestrato, e Pozzolo, unico indagato finora, ha sostenuto che l’incidente verrà qualificato come tale. Nell’inchiesta su quanto avvenuto durante la festa di Capodanno a Rosazza, i testimoni stanno raccontando i loro ricordi ai carabinieri del nucleo investigativo di Biella e di Andorno Micca.

Tuttavia, sembra che ci siano ancora molte incertezze riguardo alla scena principale, e non tutti nella sede della pro loco del paese avrebbero visto l’evento. Il deputato verrà probabilmente convocato dalla procura alla fine delle audizioni dei testimoni.

Lo sfogo di Pozzolo sugli attacchi ricevuti

Emanuele Pozzolo ha inoltre espresso nell’intervista la sua tranquillità in merito ai rapporti con il partito, affermando di non sentirsi solo e avvertire la vicinanza degli amici, così come con rammarico ha lamentato l’odio ricevuto soprattutto da giornali e social.

“Alcuni commenti terribili sono girati sui social contro di me e contro i miei cari. Commenti e foto che hanno fatto soffrire i miei familiari” ha spiegato Pozzolo. “Ma mi riferisco anche ad alcuni giornali che mi ha definito, per esempio, pistolero. Lo scrive gente che non sa minimamente cosa è capitato quella notte”.

Emanuele Pozzolo FdI deputato pistola Fonte foto: ANSA
,,,,,,,,