,,

Guerra in ucraina, volontari e mercenari mediorientali assoldati da Putin: chi e quanti sono

Assoldati dalla Russia per la guerra in Ucraina volontari e mercenari provenienti dalla Siria e da altri paesi mediorientali

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

Migliaia di combattenti provenienti dal Medio Oriente, in particolare dalla Siria, sono pronti ad affiancare le truppe russe nella guerra d’invasione in Ucraina. Il Cremlino, come ha confermato lo stesso Vladimir Putin, sta lavorando da giorni per portare sui campi di battaglia ucraini volontari e mercenari in grado di supportare lo sforzo bellico russo.

Volontari e mercenari mediorientali assoldati da Putin

Migliaia di combattenti stranieri verso l’Ucraina per combattere al fianco delle forze d’invasione russe. Dopo giorni di indiscrezioni, Vladimir Putin ha confermato che il Cremlino sta lavorando per assoldare combattenti provenienti dal Medio Oriente, in particolare dalla Siria.

La conferma è arrivata nel corso di una riunione del consiglio di sicurezza trasmessa dalla televisione di Stato russa. Putin ha detto che si tratta di volontari che “si arruolano per loro scelta”. Ma si tratta in gran parte di mercenari e miliziani già impiegati da Mosca negli anni passati in altri contesti, come Cecenia, Siria e Libia.

Nell’intervento militare in Siria che ha consentito a Bashar al Assad di rimanere al potere, la Russia ha fatto ampio uso di milizie irregolari siriane armate e pagate da Mosca. Anche in Libia Putin aveva mandato almeno un migliaio di combattenti stranieri per sostenere il leader libico Khalifa Haftar.

Volontari e mercenari mediorientali assoldati da Putin: quanti sono

Il ministro della difesa russo, Sergei Shoigu, ha spiegato durante la riunione con Putin che ci sono 16 mila miliziani pronti a muoversi dal Medio Oriente in Donbass per combattere sotto il comando di Mosca.

Guerra in ucraina, volontari e mercenari mediorientali assoldati da Putin: chi e quanti sono

Buona parte di questi combattenti arrivano dalla Siria, come ha spiegato Shoigu: “Conosciamo molti di questi volontari. Hanno aiutato nella lotta contro l’Isis negli ultimi 10 anni”.

Volontari e mercenari mediorientali assoldati da Putin: chi sono

La maggior parte dei combattenti stranieri assoldati dalla Russia per combattere in Ucraina sono siriani e cittadini di altri paesi del Medio Oriente. Molti di loro hanno già combattuto per la Russia nel conflitto in Siria, in milizie e reparti irregolari.

Il Cremlino li definisce volontari ma diverse fonti, come riporta il Corriere della Sera, parlano di un vero e proprio arruolamento da parte dei rappresentanti russi in Siria, tra cui gli uomini della potente compagnia di mercenari Wagner.

Gli emissari russi avrebbero proposto ai miliziani contratti con compensi in dollari, da 400 a mille dollari al mese. Ad altri sarebbe stata promessa l’amnistia di Assad per chi ha combattuto contro il suo esercito nella guerra civile siriana.

Volontari al fianco dell’Ucraina

Anche l’Ucraina ha iniziato ad impiegare volontari stranieri nel conflitto con la Russia. Kiev ha accettato migliaia di combattenti provenienti dall’estero per contrastare l’avanzata di Mosca,  tutti incorporati nella Legione Internazionale.

Il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, ha dichiarato di aver ricevuto più di 20mila domande da parte di stranieri che vogliono aiutare l’Ucraina a difendersi dall’invasione russa.

Guerra in Ucraina, il mondo condanna la Russia: chi sono gli ultimi alleati di Mosca e Vladimir Putin Fonte foto: ANSA
Guerra in Ucraina, il mondo condanna la Russia: chi sono gli ultimi alleati di Mosca e Vladimir Putin
,,,,,,,,