,,

Gazprom smentisce lo stop del gas dalla Russia ai paesi ostili e aumenta i flussi: la situazione

Solo 24h ore fa le voci che la multinazionale a maggioranza statale intendesse interrompere le forniture in risposta alle sanzioni

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

Gazprom ed Unione Europea, un rapporto difficile ma anche necessario, complicato ulteriormente dagli sviluppi della guerra in Ucraina. Ora il gigante dell’energia rassicura l’Italia, il giorno dopo la presunta entrata in funzione di un sistema di pagamenti che avrebbe consentito ai paesi Ue di utilizzare il rublo (e non il dollaro o l’euro) per pagare il gas russo.

Gazprom, Putin ha commissionato lo studio di un sistema di pagamenti in rubli

Il 31 marzo era una data importante per i rapporti commerciali tra Russia e Italia circa le forniture di gas naturale. Entro la data di ieri, infatti, il presidente Vladimir Putin aveva richiesto a Gazprom, la multinazionale dell’energia partecipata a maggioranza dallo stato russo, e alla banca centrale russa, di approntare uno schema di pagamenti in rubli da sottoporre ai paesi “ostili” alla Russia, cioè quelli che hanno risposto con le sanzioni all’invasione dell’Ucraina decisa dal Cremlino.

Gazprom, voci dalla Russia: interruzioni delle forniture di gas verso i paesi ostili

Sempre giovedì, Kommersant (quotidiano russo) riportava la notizia che Gazprom stesse valutando l’interruzione delle forniture verso i paesi ostili a Mosca. Oggi però la smentita, almeno per quanto riguarda l’Italia: Gazprom fornisce il gas ai clienti in “linea con le richieste e i contratti sottoscritti”, ha riportato l’agenzia di stampa Bloomberg.

Gazprom news, dopo le minacce le rassicurazioni: aumento delle forniture anche in Italia

Anzi, a marzo la multinazionale del gas avrebbe aumentato i flussi verso Turchia, Italia e Polonia, e avrebbe, anche, sottolineato che il “riempimento degli stoccaggi prima dell’inverno è una sfida per l’Unione Europea”.

Dopo le minacce, sono arrivate quindi le rassicurazioni, mentre resta ancora difficile capire se e quando la Russia passerà dalle parole ai fatti aggravando una congiuntura difficile per l’economia perché appunto segnata dall’aumento del costo delle materie prime.

Vladimir Putin aveva ventilato pagamenti in rubli per il gas russo.Fonte foto: ANSA
Vladimir Putin aveva ventilato pagamenti in rubli per il gas russo.

I rapporti commerciali tra Gazprom e l’Unione Europea sono strettissimi e riguardano il 40% delle riserve di gas dell’Ue. Tra i più grossi clienti della compagnia con sede a San Pietroburgo c’è la Germania, che, in seguito all’aggressione russa, ha intrapreso azioni concrete per danneggiare l’economia della nazione euroasiatica, come quella di non rilasciare le autorizzazioni per l’entrata in funzione del gasdotto Nord Stream 2, che è stato completato e aspettava soltanto i permessi per l’entrata in esercizio.

gazprom sede Fonte foto: ANSA
,,,,,,,,