,,

Funerali Benedetto XVI, dalla sicurezza al programma: cosa sappiamo dell'ultimo saluto a Joseph Ratzinger

Tutto pronto per i funerali di Papa Benedetto XVI: protocollo, modifiche e ospiti illustri

Pubblicato il:

Tutto pronto per il funerale di Benedetto XVI. La cerimonia si svolgerà giovedì 5 gennaio e rispetterà quasi tutte le tappe di quella di un Pontefice regnante.

Le modifiche al protocollo

A differenza del ‘classico’ protocollo dei funerali papali regnanti, non c’è stata la processione del feretro dal Palazzo Apostolico con al seguito tutti i cardinali. Ovviamente non è previsto nemmeno il conclave per eleggere un nuovo Pontefice.

Un’altra modifica riguarda l’Anello del Pescatore (o Piscatorio), il simbolo dell’apostolo Pietro consegnato a ogni Papa e realizzato appositamente per lui. Viene dato a ogni Santo Padre durante la Messa solenne di inizio pontificato. Dopodiché viene rotto alla sua morte. Nel caso di Ratzinger fu spezzato il giorno delle dimissioni ufficiali, insieme ai suoi sigilli.

Funerali Papa.Fonte foto: ANSA

Nessuna celebrazione nemmeno dei Novendiali, i 9 giorni di lutto e Messe in suffragio in San Pietro. Non è neppure prevista la supplica finale della diocesi di Roma e delle Chiese Orientali al momento dell’Ultima Commendatio e della Valedictio.

Nella bara di cipresso di Benedetto XVI saranno messi la medaglia e le monete coniate durante il suo regno, il pallio, vale a dire la stola bianca che per il Papa viene confezionata con la lana di due agnelli dei monaci trappisti delle Tre Fontane e tessuta, almeno nella tradizione, dalle monache di clausura di Santa Cecilia in Trastevere.

Nella bara sarà inserito anche il rogito – sigillato in un tubo metallico – cioè un breve riassunto del Pontificato.

I potenti della Terra salutano il Papa emerito

Tanti potenti della Terra sono giunti e giungeranno a Roma nelle prossime ore per dare l’ultimo saluto al Papa emerito. Il 3 gennaio ha fatto tappa nella Capitale il premier ungherese Viktor Orban, assieme alla moglie Aniko Levai.

Davanti al corpo di Ratzinger si è inginocchiato anche il cardinal Stanislaw Dziwisz, storico segretario di papa Wojtyla. Presente anche l’ambasciatore ucraino presso la Santa Sede, Andrii Yurash, con la moglie Diana.

In rappresentanza del Parlamento Europeo arriverà a Roma la vicepresidente Pina Picierno. Ai funerali, oltre al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, presenzieranno anche gli omologhi del Capo dello Stato Italiano. Attesi il tedesco Frank-Walter Steinmeier, il cancelliere Olaf Scholz e il primo ministro della Baviera, Markus Soeder; il re e la regina del Belgio, Filippo e Mathilde, la regina madre di Spagna, Sofia, col ministro per la presidenza spagnola Félix Bolaños e il cardinale Juan José Omella, presidente della Conferenza Episcopale Spagnola.

E ancora, ecco il presidente polacco Andrzej Duda e quello portoghese Marcelo Rebelo de Sousa e una delegazione del Patriarcato ortodosso di Costantinopoli. Ci sarà anche l’Imam Yahya Pallavicini, vicepresidente Coresi, Comunità Religiosa islamica italiana.

Il precedente storico e le misure di sicurezza

I funerali di Joseph Ratzinger saranno celebrati da Papa Francesco. Un fatto unico si è ripetuto a più non posso in questi giorni. In realtà c’è un precedente. Lo riferisce Vatican News, spiegando che nel febbraio 1802, i solenni funerali di Pio VI furono celebrati dal suo successore Pio VII.

Si prevede che per i funerali di Benedetto XVI arriveranno a Roma circa 60mila persone. Diverse le misure di sicurezza messe in campo: la “No fly zone” avrà un raggio più ampio della sola piazza San Pietro. Ci saranno 300 unità aggiuntive, oltre alle forze dell’ordine in servizio per un totale di oltre mille uomini e donne dispiegati i quali potranno avvalersi della collaborazione della polizia locale e della Gendarmeria vaticana.

Dalle 24 del 4 gennaio e sino alle 14 del 5 gennaio vige il divieto di vendita per asporto e trasporto di contenitori in vetro, previsto dall’ordinanza emanata dal prefetto Frattasi.

Messa esequiale: orario

Papa Francesco celebrerà la messa esequiale e l’omelia per Benedetto XVI sul sagrato della basilica di San Pietro alle ore 9.30. Concluso il rito funebre, ci saranno l’Ultima Commendatio e la Valedictio. Il feretro di Ratzinger sarà condotto poi nella basilica e quindi nelle Grotte Vaticane per la sepoltura.

Indicazioni su come raggiungere San Pietro

L’Atac potenzierà le corse di metropolitane, bus e tram. La linea A della metropolitana organizzerà 25 treni, rispetto ai 22 del servizio ordinario dei giorni feriali; le corse diventeranno 28 in occasione delle esequie.

Le linee bus 64 e 40, che portano da Termini e San Pietro e da Termini con Borgo Sant’Angelo, saranno anch’esse potenziate: si passa da 9 a 12 mezzi per il 40 e da 15 a 20 per il 64. Organizzate anche due aree di scambio, una ad Anagnina e una a Laurentina, così che le persone possano parcheggiare le proprie automobili lontano da San Pietro.

Dalla mezzanotte di oggi, mercoledì, e fino alle 14 di giovedì, l’area attorno San Pietro sarà zona rossa, come disposto sempre dall’ordinanza prefettizia. L’accesso all’area sarà consentito solo attraverso i varchi presidiati dalle forze dell’ordine.

Joseph Ratzinger: la storia in foto di Benedetto XVI, il Papa emerito che si era dimesso Fonte foto: ANSA
Joseph Ratzinger: la storia in foto di Benedetto XVI, il Papa emerito che si era dimesso
,,,,,,,,