,,

Crisi di governo, retroscena Conte-Mattarella. L'idea di Salvini

Contatto tra Conte e il presidente della Repubblica Mattarella dopo le tensioni nell'esecutivo. E Salvini ha un nuovo piano per la crisi di governo

Si mantiene alta la tensione nel governo. Nella giornata di sabato, come riferisce ‘La Repubblica’, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha comunicato al presidente della Repubblica Sergio Mattarella l’avvio della cosiddetta “verifica di governo“. Il premier ha informato il Quirinale che la prossima settimana darà il via al chiarimento.

Il chiarimento è da intendersi come un “confronto per fare chiarezza sulle varie posizioni e istanze nel segno di una maggiore franchezza e trasparenza di rapporti”.

Nelle prossime ore Conte contatterà tutti i leader delle forze che sostengono il governo per concordare incontri bilaterali e, poi, collegiali.

Crisi di governo: gli scenari possibili

Il premier e la parte del Pd che ha incarichi nel governo, spiega ‘La Repubblica’, punterebbero a minimi o zero ritocchi alla “squadra” e alla sostanziale riscrittura del decreto sulla task force per la gestione del Recovery Fund.

L’altra parte dei Dem vorrebbe il rimpasto, mentre Matteo Renzi punterebbe a un nuovo esecutivo con un nuovo presidente del Consiglio. L’M5S è diviso trar chi è a favore di Di Maio e chi è contro di lui.

Il Quirinale considererebbe un azzardo cambiare alcuni dicasteri-chiave come Esteri, Tesoro, Difesa, Interni e Salute.

Conte potrebbe nominare due vicepresidenti del Consiglio, uno del Pd e uno del M5S, ma questa ipotesi presenta alcune criticità: Conte lo riterrebbe un commissariamento, Renzi ne uscirebbe senza alcun vantaggio e servirebbe una modifica alla legge 195 del 2009 che fissa a 65 il numero massimo di componenti di un esecutivo.

Un’altra ipotesi è quella della “crisi pilotata“: le dimissioni di Conte dopo aver stretto un’intesa per un suo “gabinetto ter”.

Non è tutto: secondo ‘La Repubblica’ c’è chi suggerirebbe al premier di “parlamentarizzare” la crisi e, cioè, di presentarsi alle Camere dopo aver messo in sicurezza i conti dello Stato con la Legge di Bilancio, illustrare un nuovo programma che porta fino al 2023, eliminare dal campo il progetto della Task Force per il recovery e chiedere un voto di fiducia. Palazzo Chigi valuta questa ipotesi, ma attende di conoscere l’esito dei colloqui della prossima settimana.

Crisi di governo, il nuovo piano di Salvini

Dopo aver aperto alla possibilità di “un governo di transizione, di tutti, che porti al voto”, il leader della Lega Matteo Salvini ha pronto un nuovo piano.

Queste le sue parole riportate da ‘La Stampa’: “Non penso a governoni, governini, governetti. Prima si vota meglio è. Certo se ad accompagnare il Paese alle elezioni fosse una squadra di persone serie e competenti, io da italiano ne sarei felice”.

Poi ha spiegato la sua idea: “Un governo di centrodestra, che porti anche altri sulle sue posizioni. Io non ambisco a governare con Pd, 5Stelle, Renzi e simili compagni di viaggio”.

Sull’ipotesi Conte Ter, Salvini è stato perentorio: “Ma per carità, solo a sentirne parlare mi si drizzano i capelli in testa”.

Crisi di governo, Zingaretti frena. Ma “serve un rilancio”

VirgilioNotizie | 13-12-2020 07:50

Gregoretti, Salvini all'udienza. Agli atti un video di Conte Fonte foto: Ansa
Gregoretti, Salvini all'udienza. Agli atti un video di Conte
,,,,,,,