,,

Crisi di governo, Recovery Plan in Cdm. Aut aut di Renzi

Il Recovery Plan è in Cdm, ma non si placano le tensioni e il governo continua a essere in bilico

La bozza del Recovery Plan è stata posta all’attenzione del Consiglio dei ministri, in uno scenario di grande tensione a causa degli attriti tra il premier Giuseppe Conte e il leader di Italia Viva Matteo Renzi. Il premier Conte, poche ore prima del Cdm, aveva detto: “Se il leader di Iv Matteo Renzi si assumerà la responsabilità di una crisi di governo in piena pandemia, per il presidente Giuseppe Conte sarà impossibile rifare un nuovo esecutivo con il sostegno di Italia Viva”.

Recovery Plan, Renzi: “Senza Mes ci asteniamo”

Dal canto suo, l’ex premier Matteo Renzi, dopo aver visionato la bozza del Recovery Plan, ha dichiarato su Rai 3: “Il Recovery Plan è già migliorato e lo stanno riconoscendo tutti. Un mese fa tutti ci davano degli irresponsabili e sfasciacarrozze. Ora un passo avanti è stato fatto. È sufficiente? Vediamo. Io ho l’impressione che manchi una cosa fondamentale che si chiama Mes: Conte non lo vuol prendere per accontentare il M5s”.

A Carta bianca, su Rai 3, Renzi ha chiosato: “Noi siamo l’unico partito che lascia le poltrone. Volete le nostre idee, stiamo con voi. Se non le volete noi restiamo fuori”. E ha sferrato il suo affondo: “Conte ha scelto di non parlare con noi. Ha scelto di andare in Parlamento per avere il voto dei responsabili, non ha voluto fare un accordo sui contenuti”.

“In Consiglio dei ministri chiederemo il Mes: se diranno sì al Mes, votiamo a favore, se diranno no, ci asteniamo”, ha chiosato Renzi.

“Nelle ultime settimane Conte non mi rispondeva alle lettere – ha aggiunto Renzi – pensavo che stesse preparando le risposte, invece stava cercando i responsabili. Io penso che domani Conte annuncerà di avere altri parlamentari a suo sostegno”.

In merito alla decisione di ritirare dall’esecutivo le ministre Bellanova e Bonetti, Renzi ha dichiarato: “Noi stasera siamo in Consiglio dei ministri, domani mattina decideremo e domani pomeriggio lo diremo in conferenza stampa”.

Durante il Cdm, stando a quanto si apprende, la ministra Bonetti ha apprezzato la revisione, trovandola “nettamente migliorata”, pur constatando che “la parte sui progetti va migliorata”.

Il tentativo di Pd e M5s di ricucire lo strappo

Posizioni drastiche, che in qualche modo Pd e M5s hanno cercato di mitigare nel corso della delicata giornata: “Spero e lavoro perché il governo si rinnovi ma vada avanti e non si arrivi a una crisi che gli italiani non capirebbero”, ha detto Nicola Zingaretti a Sky TG24.

Dello stesso avviso è anche il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, che ad Agorà ha affermato: “Una crisi di governo è inspiegabile. Non solo perché siamo nel bel mezzo di una pandemia e dobbiamo fare il decreto ristori. Ma anche perché questo è l’anno in cui l’Italia presiederà il G20 e in Italia ci sarà la conferenza globale sulla salute”.

VirgilioNotizie | 12-01-2021 23:00

Crisi di governo: tutti gli scenari possibili Fonte foto: ANSA
Crisi di governo: tutti gli scenari possibili
,,,,,,,