,,

Covid, il virus "corre velocemente in casa". Come proteggersi

Secondo uno studio americano la diffusione del coronavirus tra i familiari è comune e molto rapida

È la casa il posto dove il coronavirus corre più velocemente. Lo sostiene un nuovo studio realizzato dal CDC, il Centro americano per il controllo e la prevenzione delle malattie, secondo cui la diffusione del virus tra i membri di una famiglia nel caso un familiare sia infetto è “comune” e si verifica molto rapidamente dopo l’insorgenza della malattia.

Lo studio, riporta la Cnn, è stato condotto tra aprile e settembre su 101 persone inizialmente contagiate dal coronavirus nelle città di Nashville e Marshfield, assieme alle 191 persone che vivono con loro.

I vari membri delle famiglie sono state addestrate a raccogliere autonomamente i campioni, nasali o di saliva, ogni giorno per 14 giorni. Inoltre, ogni persona ha tenuto un diario dei sintomi.

Dalla ricerca è emerso che l’infezione all’interno dei nuclei familiari è stata rapida e diffusa: oltre la metà delle persone (53%) che viveva con qualcuno infetto è stata contagiata entro una settimana. E circa il 75% di questi contagi si è verificato entro cinque giorni dai primi sintomi nel paziente iniziale.

Secondo i ricercatori americani si tratta di un risultato importante, dato che la ricerca correlata fino ad oggi aveva riportato un tasso di infezione domestica tra il 20% e il 40%.

Inoltre lo studio ha evidenziato come meno della metà dei membri della famiglia con contagi confermati da SARS-CoV-2 hanno riportato sintomi nel momento in cui  è stata rilevata per la prima volta l’infezione.

Un dato, sottolineano gli esperti, che conferma il potenziale di trasmissione da contatti stretti asintomatici e l’importanza della quarantena. Per questo la persona esposta o sospettata di avere il virus “dovrebbe essere isolata prima di essere sottoposta al test e prima che i risultati dei test siano pronti, in modo da proteggere gli altri in casa”.

“Poichè il pronto isolamento delle persone con il virus – spiegano i ricercatori – può ridurre subito la trasmissione domestica, le persone che sospettano di avere il Covid dovrebbero isolarsi, rimanere a casa e, se possibile, utilizzare una camera da letto e un bagno separati”.

VIRGILIO NOTIZIE | 31-10-2020 13:02

Coronavirus, dove si "nasconde": dai telefonini alle banconote Fonte foto: Ansa
Coronavirus, dove si "nasconde": dai telefonini alle banconote
,,,,,,,