,,

Covid, Fontana annuncia la riapertura dell'ospedale Fiera

In diretta tv il governatore lombardo annuncia che l'ospedale Fiera di Milano è pronto a ricevere nuovamente i pazienti da Covid-19

Il governatore Attilio Fontana sta lavorando insieme al ministro della Salute Roberto Speranza a nuove misure più restrittive per la Lombardia, richieste insieme ai sindaci del territorio. In attesa della nuova ordinanza il presidente della Regione annuncia in diretta tv di essere pronto a riattivare l’ospedale Fiera a Milano allestito in fretta durante le prime fasi dell’epidemia di coronavirus.

Covid, pronto dell’ospedale Fiera di Milano: l’annuncio di Fontana

Noi lo useremo entro pochi giorni, entro la fine di questa settimana, al massimo all’inizio della prossima sarà perfettamente pronto a ricevere dei malati” ha detto il governatore in collegamento con la trasmissione Quarta Repubblica su Rete4.

“Dio non voglia ce ne sia necessità – ha specificato Fontana – spero che rimanga una garanzia, una sicurezza per i cittadini lombardi, qualcosa che abbiamo fatto per prevedere.”

Il governatore è tornato sul tema rivendicando la scelta fatta in primavera di dedicare i padiglioni della Fiera di Milano alla costruzione in emergenza di nuovi reparti di terapia intensiva: “In Italia una delle colpe che si muove alla politica è di non essere capace di programmare il futuro, a noi hanno fatto una serie di accuse violente perché avevamo cercato di programmare, prevedere quel che potesse succedere e fare in modo di dare una risposta. Io spero ancora di non doverlo utilizzare ma nel caso ci sia necessità ci sono 200 letti a disposizione“.

Coprifuoco in Lombardia, stop alle attività: le motivazioni di Fontana

Atteso per le prossime ore il provvedimento che vieta degli spostamenti in Lombardia, ad esclusione dei casi “eccezionali”, dalle ore 23 alle 5 del mattino a partire da giovedì 22 ottobre e chiude i centri commerciali nel fine settimana.

“Credo sia opportuno prendere un’iniziativa come questa che è simbolicamente molto importante ma non dovrebbe avere delle conseguenze di carattere economico particolarmente gravi che non lasciare che la situazione peggiori” ha commentato così in diretta Attilio Fontana.

Sulla richiesta di coprifuoco, avanzata all’unanimità dai sindaci di tutti i Comuni capoluogo della Lombardia, il presidente dell’Anci, Mauro Guerra, i capigruppo di maggioranza e di opposizione, il governatore ha spiegato: “Cercare di dare un colpo a una delle cause del contagio che è ripartito e che risiede negli assembramenti, nelle movide, nelle feste, negli incontri in pubblico, nelle piazze, cose che purtroppo non si riescono a controllare perché non riusciamo ad avere un numero sufficienti di polizia, di agenti e credo che la soluzione migliore possa essere questa, tanto è vero che è stata presa in altri paesi”.

Secondo quanto detto dal presidente, infatti le previsioni tracciate dagli esperti “ci inducono a essere molto cauti, ad avere timore che entro 15 giorni si possa verificare una situazione che non sarebbe ancora da collasso ma che sarebbe sicuramente impegnativa. Credo sia inutile aspettare che si verifichi una situazione del genere per mettere in essere le misure che possono essere ritenute utili”.

VIRGILIO NOTIZIE | 19-10-2020 23:21

Covid, l'identikit dei nuovi ricoverati in terapia intensiva Fonte foto: Ansa
Covid, l'identikit dei nuovi ricoverati in terapia intensiva
,,,,,,,